EUROLEGA, TOP 16: con tanta fatica l’Efes Istanbul batte il Cedevita

EUROLEGA, TOP 16: con tanta fatica l’Efes Istanbul batte il Cedevita

La squadra di Ivkovic resta in corsa per un posto nei Playoffs grazie ad una sofferta vittoria contro i croati, già matematicamente eliminati. MVP del match Thomas Heurtel, autore di 19 pt e 8 assist.

Commenta per primo!

In svantaggio e deconcentrati per gran parte della partita, i ragazzi dell’Efes Istanbul vincono una partita fondamentale in ottica qualificazione, difficile ma ancora possibile. Solo nei minuti finali hanno mostrato quella lucidità che ha permesso di essere più attenti nei momenti più delicati. Il Cedevita Zagabria, già eliminato, nonostante la sconfitta esce dal parquet turco a testa alta.

Lo Zagabria cerca fin da subito di alzare la voce, nonostante sia una partita inutile mostra di voler lasciare il segno su questa gara prima di arrendersi totalmente. Per i croati, Bilan  firma una schiacciata che per il  9-14. Invece, poco dopo per i turchi Brown recupera un pallone e si dirige in solitaria verso il canestro avversario segnando con una schiacciato il canestro che vale il -2 (15-17). Coach Mrsic è costretto a chiamare un timeout per ristabilire l’ordine tra i suoi. Al rientro in campo Gordic firma subito una tripla (saranno tre alla fine del periodo). L’Efes fatica ad ingranare, ciononostante riesce a tenere aperta la partita. Il primo quarto si conclude 20-28 a favore del Cedevita Zagabria.

A rompere il ghiaccio nella seconda frazione è Babic, che segna i primi punti (20-30). Dopo un bel giro di palla, Johnson, completamente libero, segna una tripla dall’angolo (23-30). Sebbene le difficoltà,  l’Efes riesce ad evitare che gli ospiti aumentino il vantaggio. Punteggio statico nei primi minuti, 5-3 per i turchi. Nella seconda parte della frazione, l’Efes trova in Saric la guida. Il croato sale in cattedra segnando prima una tripla e poi il canestro che vale la parità (34-34). Lo sforzo viene vanificato dai tiri liberi di Arapovic, che permettono allo Zagabria di chiudere in vantaggio anche il secondo periodo (34-36).

Per l’Efes continua il momento difficile, lo Zagabria avanza imperterrito e si porta sul  36-43. Granger si carica sulle spalle la squadra e trova, oltre al  canestro della parità, anche quello del vantaggio (50-48). Si susseguono tanti errori da una parte e dall’altra sia al tiro sia nelle azioni. La formazione di Istanbul inizia a prendere le misure (53-50). Pullen riporta avanti i suoi il vantaggio infilando una bomba da tre che consente ai suoi di tenere il vantaggio anche nel terzo quarto.

Nell’ultimo periodo, dopo un minuto e mezzo, Pilepic decide di farsi sentire con una tripla per il 53-57. È di nuovo Saric l’uomo che, per la seconda volta, segna il canestro che vale la parità (57-57). A metà quarto, in poco tempo, Brown prosegue la scia di Saric siglando sei punti consecutivi. Inizia una sfida punto a punto, gli ultimi minuti sono al cardiopalma. Batuk firma una tripla fondamentale (72-69)  a due minuti dalla fine. Nell’azione successiva,  sotto il canestro dei croati, Saric è il più reattivo conquistando il rimbalzo che gli permette si segnare il 74-71. Molti errori di gestione del pallone nelle azioni finali, ma l’Efes è più attento e si aggiudica la vittoria (80-76) meritatamente proprio perché nei momenti più difficili è riuscito a tenere alta l’attenzione.

Anadolu Efes Istanbul-Cedevita Zagabria 80-76  (20-28; 34-36; 53-54)

Efes Istanbul: Johnson 8, Tyus 4, Baykan, Brown 12, Osman 10, Batuk 3, Saric 12, Korkmaz, Granger 8, Heurtel 19, Dunston 4, Duverioglu

Cedevita Zagabria: Pullen 7, White 10, Katic, Pilepic 3, Babic 7, Zganec 3, Musa, Bilan 14, Mazalin, Gordic 16, Zoric, Arapovic 16

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy