EUROLEGA, TOP 16: Delaney e Claver devastanti, per l’Efes è notte fonda

EUROLEGA, TOP 16: Delaney e Claver devastanti, per l’Efes è notte fonda

La Lokomotiv Kuban continua a stupire in questa Eurolega, ottenendo un nuovo successo di prestigio sul campo dell’Anadolu Efes, complicando in maniera notevole il cammino dei turchi che non potranno permettersi ulteriori errori in queste TOP 16.

ANADOLU EFES – LOKOMOTIV KUBAN 61 – 76 (16-17, 12-21, 16-15, 17-23)

L’Anadolu Efes esce sconfitta in casa in una gara in cui si giocava buona parte delle possibilità di rientrare prepotentemente in corsa per un posto tra le migliori 8 d’Europa. La battuta d’arresto della squadra di Ivkovic rende evidenti i meriti della Lokomotiv Kuban, oramai una certezza in questa edizione dell’Eurolega, trascinata da Claver e da un Delaney autore di 19 punti e 27 di valutazione. 

Una partenza a razzo in attacco permette agli ospiti di volare sull’8-0 dopo i primi minuti di partita, con un grande gioco corale e canestri realizzati da parte di tutti i membri del quintetto. L’Efes fatica inizialmente su entrambi i lati del campo, ma poi con grande pazienza riesce a ricucire lo strappo prodotto dai russi e passare addirittura a condurre nel corso della prima frazione. Gli ultimi minuti del periodo vedono un sostanziale equilibrio, con il tabellone che recita 17-16 Kuban, grazie ad un Anthony Randolph già in doppia cifra. Il secondo quarto vede entrambe le squadre trovare con continuità il canestro da tre punti, con Delaney che prova a imporre il proprio ritmo sulla gara. La squadra di Ivkovic, consapevole dell’importanza di una vittoria in questa serata per rimanere in corsa per la qualificazione ai quarti, ribatte prontamente ad ogni tentativo di break degli ospiti, trovando il pari a 26 grazie ad una tripla di Korkmaz a metà secondo periodo. Una nuova accelerazione della squadra di Bartzokas prova a creare un buon margine, complice anche un momento di difficoltà offensiva dei turchi, che non riescono a realizzare canestri facili e questo li penalizza anche in difesa: due liberi di Bykov coronano un grande parziale di Kuban, che all’intervallo conduce sugli avversari per 38-28.

Il secondo tempo si apre sulla stessa falsariga con cui le due squadre avevano giocato il primo: i russi comandano la partita e l’Efes cerca di rimanere a contatto per quanto possibile per potersela giocare nel finale. Kuban continua a trovare punti da molti giocatori diversi a turno e questo rende difficile la rimonta dei padroni di casa. I primi punti nella sfida di Dario Saric, a 3 minuti dalla fine del terzo quarto, riducono sotto la doppia cifra dopo molto tempo il distacco della sua squadra dai russi. Il grande equilibrio in campo è manifestato dal divario che oscilla sempre tra i 7 e gli 11-13 punti, a testimonianza che si tratta di una partita fatta di break e controbreak: dopo tre quarti, la Lokomotiv conduce ancora per 53-44. Una tripla di Osman in apertura di ultima frazione dà il -6 all’Efes, con il pubblico che prova a spingere la squadra di Ivkovic ad una grande rimonta: un 5-0 firmato Claver riporta gli ospiti in vantaggio in doppia cifra. A metà ultimo quarto Delaney e compagni conducono 63-52, anche in seguito ad un tecnico all’allenatore serbo della squadra di casa: i turchi provano ad accorciare le distanze senza successo e, a 4 minuti dalla fine, Ivkovic interrompe il gioco per riorganizzare i suoi giocatori. La Lokomotiv riesce a controllare in maniera abbastanza agevole i tentativi di rimonta degli avversari, mantenendo sempre la doppia cifra di vantaggio: una serie di tiri liberi da una parte e dall’altra serve per muovere il punteggio. Nel finale i russi aggiustano le loro statistiche e dilatano ulteriormente il divario: la gara termina con il punteggio di 76-61. Per Kuban, oltre a Delaney (19), molto bene Randolph (17) e Claver (14), mentre nell’Efes si salva solo Heurtel, autore di 17 punti.

TABELLINI:

ANADOLU EFES: Tyus 6, Baykan, Balbay, Brown 4, Osman 9, Saric 8, Korkmaz 3, Granger 9, Heurtel 17, Diebler, Kosut n.e., Dunston 5

LOKOMOTIV KUBAN: Delaney 19, Singleton 5, Randolph 17, Draper, Claver 14, Bykov 5, Janning 7, Balashov n.e., Voronov, Zubkov 4, Broekhoff 5

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy