EUROLEGA, Top 16: Fenerbahce forza 4, Darussafaka battuto

EUROLEGA, Top 16: Fenerbahce forza 4, Darussafaka battuto

www.milliyet.com.tr

DARUSSAFAKA DOGUS ISTANBUL – FENERBAHCE ULKER: 100-106 (24-37; 51-62; 73-86)

Secondo derby di Istanbul per il Darussafaka e seconda sconfitta, stavolta per mano del Fenerbahce di un super Dixon, che castiga la retroguardia dei biancoverdi con 24 punti. Buona partita quella del Darussafaka, che ha provato più volte a ricucire lo svantaggio, arrivando ad impensierire gli avversari solo negli ultimi tre minuti di partita. Tutto sommato un match avvincente, che regala la vetta del girone al Fenerbahce e fa sprofondare il Darussfaka nel baratro, con un piede e mezzo fuori dalle Final Eight.

CRONACA:
Iniziano le ostilità con Obradovic che manda sul parquet Dixon, Bogdanovic, Datome, Udoh e Vesely. Dall’altra parte vengono schierati Gordon, Yagmur, Markoishvili, Harangody ed Erden. Sono della banda di coach Obradovic i primi punti dell’incontro, con un bel canestro da 2 punti di Vesely, a cui risponde subito Harangody. Schiacciata mostruosa di Vesely che subisce il fallo e segna il libero supplementare. Erden inchioda il -1. Partita vivace, squadre che giocano a viso aperto e corrono molto. Bomba di Datome e tentativo di allungo sul +5 del Fenerbahce. Si preannuncia una partita ad alto punteggio. Canestro da tre pazzesco di Bobby Dixon da metà campo allo scadere dei 24 secondi dopo un palleggio prolisso ed inefficace. Appena passata la metà della prima frazione, 18-13 per il Fenerbahce. Dixon per ora 3/3 da tre incluso quella bomba da metà campo irreale e fortunosa. Altra tripla del play di Chicago e gialloblu che scappano sul +12. Di nuovo tripla ignorante di Dixon e di nuovo 3 punti per il Fenerbahce, straordinaria la sua prestazione finora. Il Darussafaka cerca di resistere, squadra ben organizzata quella di Mehmeti. Si chiude così un pazzo primo quarto, 37-24 per il Fenerbahce.
Secondo quarto. Tripla di Arslan che porta i suoi a -11, il Darussafaka sembra essere partito meglio dei rivali in questa seconda frazione di gioco. Si vedono sul parquet facce note come quelle di Pero Antic, Ricky Hickman e Milko Bjelica. Palla persa banalissima dei biancoverdi, un alley-oop lanciato nel vuoto. La squadra allenata da Mehmeti non sembra essersi scomposta dopo essere andata pesantemente sotto nel primo quarto e in questa seconda frazione sta cercando di ricucire lo strappo. E’ entrato Sloukas per il Fener e si inizia a sentire. Altro tiro da oltre l’arco di Arslan e altro canestro, con un rilascio del pallone velocissimo. Dieci punti di scarto tra le due compagini quando mancano 5 minuti. Gordon vola in contropiede, ma vede la sua conclusione respinta da Jan Vesely. Stoppata spettacolare di Harangody su Udoh. Buona la prestazione di Erden per ora. Arslan con un altro canestro da due punti, è a quota 12 per ora. Canestro da campione di Bogdanovic. Finisce la prima metà di gara con un canestro a un secondo dalla fine di Erden, il tabellone segna +11 per il Fenerbahce, 62-51.
Terzo quarto. Le squadre tornano in campo, pronte a darsi battaglia. Erden va in lunetta e fa 1/2. Dixon ricomincia da dove aveva lasciato, canestro da due e 100% dal campo per lui. Fallo in attacco di Manu Markoishvili alquanto evitabile, soprattutto quando il Darussafaka è sotto di 15. Prima bomba sbagliata da Dixon, ma nell’azione offensiva successiva rimedia con un altro canestro da oltre l’arco, 20 per lui. Bell’azione di pura tecnica di Gigi Datome che subisce il fallo e va in lunetta dove realizza entrambi i liberi. Partita a punteggio alto, 57-73 a 6 minuti dal termine del terzo periodo. Vesely domina sotto le plance, ma Erden se la riesce a cavare comunque abbastanza bene. Fase un pochino spezzettata del match. Dixon si intestardisce a tirare da tre e viene subito richiamato all’ordine da Obradovic. Piccola emorragia difensiva dei biancoverdi, che subiscono un parziale di 8 a 0 e vanno sotto 64 a 82, sarà l’allungo decisivo? Arslan e i suoi 17 punti tengono in piedi il Darussafaka quando manca un minuto alla fine del terzo quarto. Taglio allo zigomo per Antic, causato da uno scontro sotto canestro con Bjelica che va in lunetta e fa 2/2. Piccolo segnale di ripresa dei biancoverdi che tornano a -14. Termina il terzo parziale, 73-86 per il Fenerbahce.
Quarto quarto. Canestro “alla Datome” di Gigi Datome. Dixon fa ciò che vuole, penetra e appoggia al vetro i 2 punti che valgono il +17 per i suoi. Erden riporta i suoi a -15. L’impressione è che al Darussafaka manchi quel qualcosa in più  per riportare lo svantaggio in cifra singola. La bomba di Preldzic porta i suoi sul -11. Mancano 5 minuti alla fine della partita, 96-82 per il Fenerbahce. Yagmur ricuce lo svantaggio sul -11. Il Darussafaka tira con il 52% i tiri liberi, davvero poca cosa. Per la prima volta i biancoverdi riescono a ridurre lo svantaggio in cifra singola.Tripla di Harangody e -8, ma forse con 2 minuti da giocare è troppo tardi. Fallo antisportivo di Vesely su Erden, quinto falo per il lungo del Fenerbahce. Canestro pesantissimo di Markoishvili -6. Harangody firma il -4 con un minuto sul cronometro. Sale il tifo alla Ayan Arena. Datome si butta dentro, subisce il fallo e segna, 14 per lui. Harangody non ci sta a perdere, segna, ruba palla e segna di nuovo, -3 e fallo sistematico di Preldzic che manda in lunetta Udoh. Uno su due dello statunitense, +4 Fenerbahce. Il Darussafaka tira troppo tardi e sbaglia, ulitmo possesso sciupato per la banda di coach Mehmeti. Finisce così, 100 a 106 per i gialloblu.

 

DARUSSAFAKA DOGUS ISTANBUL: Harangody 18, Arslan 14, Erden 12
FENERBAHCE ULKER: Dixon 24, Vesely 16, Datome 14

 

CLASSIFICA GRUPPO E

Fenerbahce Ulker 4-0
Lokomotiv Kuban 3-1
Unicaja Malaga 2-1
Anadolu Efes 2-2
Cedevita Zagabria 2-2
Stella Rossa 1-2
Panathinaikos 1-3
Darussafaka 0-4

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy