EUROLEGA, TOP 16: il Bamberg continua a sognare. Alla Brose Arena cade anche il CSKA

EUROLEGA, TOP 16: il Bamberg continua a sognare. Alla Brose Arena cade anche il CSKA

La squadra di Trinchieri conquista l’ennesima vittoria di prestigio e continua a sognare la qualificazione ai quarti d’Eurolega. Decisivo il “nostro” Nicolò Melli.

Sfida importante alla Brose Arena dove il Bamberg padrone di casa ospita i russi del CSKA di Mosca. I tedeschi alla ricerca di un successo che dia continuità agli ultimi positivi risultati e che tenga ancore vive le speranze qualificazione; il CSKA, dal canto suo, è già tranquillo, sicuro dell’approdo ai quarti di finale ma bisognoso di una vittoria per consolidare il primo posto nel gruppo F. Sotto le luci dei riflettori il testa a testa tra Bradley Wanamaker, straordinario e decisivo nella rimonta vittoriosa della scorsa settimana contro il Khimki, e Nando De Colo, leader (insieme a Teodosic) e valore aggiunto dei russi. A spuntarla sono i tedeschi che, trascinati da un ottimo Melli, conquistano una vittoria che tiene vivi i sogni qualificazione e che renderà la sfida contro il Barcellona d’importanza capitale per entrambe le squadre.

Quintetti Base

Brose Bamberg: Melli, Radosevic, Zisis, Nikolic, Wanamaker

CSKA Mosca: Hines, Vorontsevich, Kurbanov, De Colo, Jackson

Cronaca. Primo possesso per gli ospiti che partono subito con una tripla a bersaglio di Vorontsevich; il Bamberg, però, gioca in attacco con pazienza, cercando di eludere la pressione difensiva del CSKA, riuscendo a creare qualche grattacapo agli avversari, grazie soprattutto ad un Melli che parte con le marce alte in entrambe le metà campo. I padroni di casa dimostrano di voler ottenere l’ennesima, prestigiosa, vittoria di questa Eurolega, e danno vita ad un parziale di 10-2, coronato da un gioco da tre punti di Zisis, con il quale provano a dare la prima sterzata alla sfida. Il CSKA, però, dimostra di non essere in vacanza e con un De Colo prima rifinitore e poi scorer rimane attaccato in una fase di gara in cui gli attacchi hanno la meglio sulle difese. La gara continua a viaggiare sui binari dell’equilibrio, gli attacchi cominciano un po’ a raffreddarsi ma ciò non evita che le due squadre si rispondano colpo su colpo; Melli è il leader offensivo dei suoi: il nazionale azzurro, sul finire di quarto, segna la sua seconda tripla che tiene il Bamberg avanti 18-16. Le percentuali dal campo scendono, le squadre sbagliano molti liberi ed al termine del primo parziale i tedeschi sono avanti 22-20.

L’inizio di secondo quarto è caratterizzato dalla sterilità offensiva, una letargia rotta da Milos Teodosic che, con un 3/3 ai liberi, fa mettere la testa avanti ai russi. Sul parquet c’è energia, intensità, ma poca, pochissima precisione al tiro, soprattutto per i padroni di casa che soffrono i meccanismi difensivi del CSKA e sparacchiano dalla linea dei tre punti senza mai trovare il fondo della retina. Dopo quasi 5′ di atrofia totale, Strelnieks smuove i suoi tornando a far correre il tassametro del punteggio e riportando il Bamberg sul -1. Successivamente comincia a mettersi in ritmo l’attacco russo: Teodosic orchestra, Vorontsevich conclude, segnando due triple di fila; a non far scappare il CSKA ci pensa Harris che segna due canestri complessi consecutivi e tiene il Bamberg in scia. Dopo una tripla a segno di Zisis, il compagno di squadra Theis commette un fallo antisportivo su Kurbanov che sposta nuovamente l’inerzia della gara in favore degli ospiti. Nel finale tanto nervosismo: altro antisportivo fischiato ai danni di Radosevic per una gomitata rifilata a Teodosic; Trinchieri non accetta il fischio e protesta furiosamente beccandosi un tecnico e rischiando l’espulsione. Nel finale di quarto l’energia difensiva messa in campo dal Bamberg, unita con una buona circolazione di palla, porta i tedeschi ad allungare sul 43-35, grazie ad una tripla di Zisis e ad un gioco da tre punti di Strelnieks. Poco prima della sirena De Colo riesce a limitare i danni, facendo chiudere la sua squadra sotto di quattro, sul 43-39.

In avvio di terzo quarto il Bamberg sembra non aver perso la voglia e l’energia mostrate nel primo tempo e comincia la frazione facendo corsa di testa. Il CSKA prova a non far scappare i tedeschi grazie al solito Vorontsevich che, con un’altra tripla, mantiene i suoi a contatto. Il Bamberg, però, è tarantolato e che con il trio Zisis-Melli-Wanamaker prova a dare un’altra accelerata che lo porta sul +7. Gli ospiti ci provano, ma devono fare i conti con una serata opaca di De Colo che tira con brutte percentuali e deraglia più volte in attacco commettendo falli o perdendo palla ingenuamente. La circolazione di palla dei padroni di casa è meravigliosa, non si cerca mai la prima soluzione ma si prova a cercare un tiro ancora migliore. Una tattica la cui efficacia è aiutata da alcuni passaggi a vuoto difensivi dei russi. Il CSKA prova ad aumentare i giri del motore con Teodosic e De Colo, ma il Bamberg tiene la testa avanti grazie a Radosevic ed alla sorpresa di serata, quel Nikolic che martella la difesa russa dalla linea dei tre punti. A proposito di triple, nella categoria è padrone assoluto Vorontsevich che mette una’altra bomba e tiene i suoi vicini nel punteggio. A quattro secondi dalla fine del parziale, Teodosic segna una straordinaria tripla che fissa il punteggio 68-67 all’ultima pausa.

Il quarto periodo si apre con un perla di Teodosic che, con un meraviglioso assist, permette a Koronkov si segnare e di subire il fallo. Nonostante il libero fallito, il CSKA, con questa azione, torna davanti. Il Bamberg, però, tiene botta e con la solita pazienza che contraddistingue il proprio attacco, riesce con Miller a riprendere le redini del match in mano. Poco dopo, lo stesso Miller spara una tripla che serve a rispondere ad un’altra bomba segnata qualche minuto prima da De Colo ed a far infuocare la Brose Arena. Il CSKA, però, nonostante le difficoltà creategli dal Bamberg, riesce in qualche modo a rimanere dentro la partita, andando sul -1 a tre minuti abbondanti dal termine. Quando la partita entra negli ultimi 2′, il punteggio vede il Bamberg avanti di una lunghezza con gli attacchi che, improvvisamente, interrompono la loro produzione. A smuovere le acque ci pensa Melli che segna un tiro cadendo indietro di enorme difficoltà, consegnando ai suoi un possesso pieno di vantaggio. Dall’altra parte, De Colo risponde con un altro canestro pazzesco, con l’uomo attaccato addosso, e riporta i suoi sul -1. Due liberi di Melli riconsegnano ai tedeschi tre punti di vantaggio; De Colo sbaglia il tiro successivo e comincia la “ruota” del fallo sistematico con Wanamaker che fa 2/2 consegnando ai suoi il +5. Il CSKA non riesce più a rispondere e una schiacciata finale ancora del numero 11 dei tedeschi fissa il 91-83 finale che permette al Bamberg di continuare a sognare.

Brose Bamberg-CSKA Mosca 91-83 (22-20, 43-39, 68-67)

Brose Bamberg: Melli 17, Zisis 14, Nikolic 5, Staiger, Theis 3, Wanamaker 11. Strelnieks 10, Harris 8, Miller 9, Heckmann n.e., Idbhi n.e, Radosevic 14.

CSKA Mosca: De Colo 21, Kulagin, Teodosic 19, Fridzon, Jackson 4, Korobkov 2, Lazarev, Freeland, Vorontsevich 17, Higgins 4, Kurbanov 7, Hines 9.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy