EUROLEGA, Top 16: Shved decide uno splendido derby, Cska al tappeto

EUROLEGA, Top 16: Shved decide uno splendido derby, Cska al tappeto

Commenta per primo!
euroleague.net

Non poteva esserci miglior biglietto da visita per queste Top 16, con un derby di Mosca di un livello altissimo che si è chiuso 91-89 per il Khimki, che rimontava 14 punti ad un Cska che si è spento sul più bello. Decisivo il canestro di un fantastico Shved (28 punti, 5 assist, 9 falli subiti e 33 di valutazione), mentre per gli ospiti non bastavano i 38 in coppia dei gemelli Teodosic-De Colo.

Inizio di gara spettacolare con Rice e De Colo a regalare cioccolatini per i propri compagni di squadra, in particolare per Kyle Hines che metteva a segno 6 punti nei primi 3 minuti; il Khimki veniva colpito dalla sfortuna con gli infortuni prima di Vyaltsev e poi di Paul Davis, e come se non bastasse saliva in cattedra Fridzon che segnava 8 punti in fila con canestri ai limiti del possibile (15-27 al 8′ e break di 4-20 per il Cska). Un buon finale di quarto del Khimki veniva vanificato dai primi due minuti di secondo periodo ai limiti dell’orribile che costringevano Kurtinaitis a chiamare timeout immediatamente, ma serviva a poco dato che Teodosic illuminava per Korobkov ed un’ingenuità di Dragic mandava in lunetta con tre tiri liberi Kurbanov che ringraziava e firmava il massimo vantaggio per il Cska (27-41 al 14′). Lo sloveno si faceva perdonare con recuperi difensivi e assist, che permettevano al Khimki di correre in contropiede facendo imbestialire Itoudis che fermava il match; il pressing tutto campo dei gialloblu infiammava un Krylatskoye Sports Palace sin lì silenzioso e Rice da tre segnava il -7. Due bombe di Higgins, tra cui una pazzesca da oltre metà campo sulla sirena, ridavano al Cska un ottimo vantaggio all’intervallo (41-51).Il Cska tornava in campo con poca convinzione, e il Khimki vedeva il canestro grande come una vasca da bagno con Shved a segnare triple a ripetizione (55-56 al 24′). De Colo rispondeva al talento ex Minnesota, e così i padroni di casa non riuscivano nell’operazione sorpasso, e il Cska manteneva per tutto il periodo qualche punto di margine, con il solito Shved che ricuciva nel finale (69-71 al 30′). Dragic e Koponen, fino a quel momento in ombra, con tre bombe firmavano il parziale di 11-1 che faceva volare il Khimki (80-72 al 33′); il timeout chiesto da Itoudis faceva effetto, il Cska difendeva alla grande e rientrava a -2 con 5 minuti da giocare, e stavolta era il coach del Khimki a richiamare i suoi in panchina. Hines era costretto ad uscire per una gomitata (involontaria) di Sokolov, che dopo pochi secondi commetteva il suo quinto fallo: la classe di De Colo e quella di Shved erano protagoniste del finale di partita, con il russo che forniva il suo quinto assist ad Augustine che inchiodava il +2 con 67 secondi da giocare (89-87). Ancora De Colo pareggiava la sfida dalla lunetta, e poi il clamoroso 0/2 di Shved regalava al Cska la palla del sorpasso, ma il lob di De Colo per Freeland era troppo lungo, e così Shved con un gran canestro ad un secondo dalla fine dava la vittoria al Khimki, perché la preghiera di Teodosic si spegneva sul primo ferro.

Khimki Mosca – CSKA Mosca 91-89 (21-29; 41-51; 69-71; 91-89)

KHIMKI: Rice 22, Shved 28, Dragic 7, Augustine 12, Koponen 7, Vyaltsev, Sokolov 2, Ilintsky n.e., Monia 5, Todorovic, Honeycutt 4, Davis 4. Coach: Kurtinaitis.

CSKA: De Colo 20,D. Kulagin n.e., Teodosic 18,  Fridzon 9, Nichols 5, Korobkov 2, Lazarev n.e., Freeland 8, Higgins 16, M.Kulagin n.e., Kurbanov 5, Hines 6. Coach: Itoudis.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy