EUROLEGA, Top 16: Zalgiris incontenibile, travolto l’Olympiacos

EUROLEGA, Top 16: Zalgiris incontenibile, travolto l’Olympiacos

Commenta per primo!
www.fotodiena.lt

Zalgiris Kaunas 75 – 55 Olympiacos (17-18; 33-27; 53-45)

L’Olympiacos di Sfairopoulos si presenta a Kaunas per riprendere confidenza con la vittoria dopo la prima sconfitta nelle top 16 subita per mano del Bamberg una settimana fa. I lituani, invece, sono ancora a caccia della prima vittoria nella seconda fase della massima competizione europea.

Starting Five

Zalgiris Kaunas: Lekavicius, Seibutis, Jankunas, Sajus, Ulanovas

Olympiacos BC: Papapetrou, Spanoulis, Milutinov, Printezis, Mantzaris

Cronaca: L’inizio è favorevole allo Xalgiris che nei primi minuti di gara riesce a portarsi sull’8-3 con ben sei tiri liberi a bersaglio. Nell’Olympiacos è Printezis il primo a suonare la carica con 5 punti consecutivi che fissano il punteggio sul 10-8 per i padroni di casa. Quasi a metà quarto arriva il pareggio dei “Reds” grazie al canestro di Milutinov e le squadre vanno al time-out chiamato da Sfairopoulos entrambe a quota 10. Per più di un minuto il tabellino non si muove con il dominio delle difese finché Spanoulis non decide di entrare in partita con due canestri che fanno mettere avanti la testa alla squadra greca. Nei minuti finali lo Zalgiris trova il tap-in del 15-15 firmato da Vougioukas e il quarto si chiude sul 17-18 in favore dei greci in virtù del valzer dei liberi completato da Spanoulis che fa 1 su 2 dalla lunetta. Il secondo quarto si apre con parecchi errori individuali ed è Daniel Hackett, dopo un minuto di gioco, a muovere il tabellone con il canestro dalla media distanza. Lo Zalgiris continua a sbagliare in fase offensiva e dall’altro lato si accende anche Othello Hunter che appoggia due punti facili su assist di un ottimo Hackett. Il primo canestro per i lituani è firmato da Vougioukas, ma il nativo di Forlimpopoli è “on fire” e riporta i suoi avanti di 5 (19-24). Le speranze dello Zalgiris sono affidate al solo Vougioukas che schiaccia e subisce fallo da Agravanis, completando il gioco da 3 punti e riportando sotto i suoi 22-24 a metà secondo quarto. Ma la squadra lituana è dura a morire e trova prima il pareggio con Pocius e poi passano in vantaggio con Jankunas che segna da sotto con Sfairopoulos costretto a chiamare time-out. L’Olympiacos riesce a rientrare ma la difesa “Reds” vacilla e Jankunas schiaccia in solitaria per il nuovo +3. Ogni volta che i greci provano a recuperare terreno lo Zalgiris reagisce e con Ulanovas trova canestro e fallo. Motum appoggia al tabellone il canestro che chiude il tempo sul 33-27 per la squadra lituana.

Il terzo quarto si apre con lo Zalgiris che spinge forte sull’acceleratore e trova il 7-3 che fa sprofondare il 40-30, con una distanza in doppia cifra che le squadre si trascinano per metà quarto. A 3 minuti dalla fine è 42-31 per i lituani con Ulanovas e Jankunas che hanno la squadra sulle spalle e rispondono colpo su colpo ai canestri della squadra greca. L’Olympiacos trova le triple di Strawberry e Mantzaris che riescono a ridurre il gap ma Vougioukas schiaccia in mezoz alla difesa avversaria per il 47-39. Alla fine del periodo Johnson-Odom trova la bomba dall’arco ma Hanlan segna i due liberi che fissano il risultato sul 53-45 a 10 minuti dalla fine. Nell’ultimo quarto di gara le squadre non trovano la via del canestro per oltre due minuti e ad aprire lo score è ancora una volta lo Zalgiris con i due punti di Jankunas che restituiscono la doppia cifra di vantaggio ai lituani. I giocatori in campo sembrano aver dimenticato come si mette la palla in mezzo alla retina ma è ancora Jankunas a 5:57 dal termine a segnare e a portare sul 57-45 il punteggio. L’Olympiacos continua a sbagliare, a non realizzare punti nel quarto e con l’azione da 3 punti di Seibutis il passivo per i “Reds” cresce fino a 15 punti. Dopo 5 minuti e 20 secondi la squadra di Sfairopoulos mette a referto i primi punti dell’ultimo periodo con il 2/2 ai liberi di Daniel Hackett, ma è una goccia nel deserto. Prima Kalnietis (che sembra in procinto di passare all’EA7 Milano), poi Vougioukas e infine Seibutis dall’arco regalano un altro 7-0 di parziale che significa +20 Zalgiris Kaunas sul 67-47 a 2 minuti e mezzo dalla fine. Gli ultimi secondi della gara servono solo per la festa lituana e per la standing ovation tributata dalla “Zalgirio Arena” ai giocatori in maglia verde. Finisce 75-55 per lo Zalgiris che ottiene così la prima vittoria in queste top 16, mentre l’Olympiacos incontra la seconda sconfitta consecutiva nel massimo torneo continentale.

MVP BASKETINSIDE.COM: La palma di migliore in campo va a Ian Vougioukas. Il centro greco, che ha militato nell’Olympiacos nel 2008-2009, commette il delitto perfetto nei confronti della sua ex squadra. Domina il pitturato, mette a referto 13 punti (6/8 dal campo) con 4 rimbalzi e 2 assist. Devastante.

Zalgiris: Jankunas 18; Vougioukas 13; Seibutis 11; Ulanovas 11; Motum 9; Lekavicius 7; Pocius 2; Kalnietis 2; Hanlan 2

Olympiacos: Johnson-Odom 11; Hunter 8; Printezis 7; Hackett 7; Spanoulis 6; Papapetrou 5; Mantzaris 4; Milutinov 4; Strawberry 3

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy