EuroLega, Top & Flop: 1°giornata

EuroLega, Top & Flop: 1°giornata

Il meglio e il peggio della prima giornata della nuova EuroLega.

TOP:

1) Sergio Llull – Leader con la L maiuscola di un Real Madrid privo di un pezzo da 90 come Sergio Rodriguez. 22 punti, 4 su 5 da 3 punti e un primo quarto in cui segnava da qualsiasi posizione in campo. Il Real Madrid punta ad arrivare in fondo quest’anno e Llull sembra essere della stessa idea.

2) Nando De Colo & Milos Teodosic – Illegale avere una coppia del genere in Europa. Il CSKA campione in carica riparte da dove aveva lasciato, vincendo e convincendo. La premiata ditta De Colo – Teodosic domina la partita, attaccandola nell’ultimo quarto dove permettono agli ospiti di allungare. 22 punti per il francese, 20 con 11 assist per il serbo.

3) Ricky Hickman – Il playmaker ex Fenerbahce e Maccabi punisce proprio la sua ex squadra. Hickman gioca una partita di grandissima qualità, unita a una grande dose di esperienza e leadership. 22 punti, 12 falli subiti e un ottimo 12 su 15 ai tiri liberi per Hickman, che regala una preziosissima vittoria all’Olimpia Milano.

4) Justin Doellman – Vero e proprio ago della bilancia per la formazione catalana. In campo per quasi tutto l’incontro contro un ostico Unics Kazan, Doellman è determinante sia dentro che fuori dall’area, in grado di aprire le difese come pochi altri. 23 punti, 5 rimbalzi e 25 di valutazione per l’ex Valencia.

5) Andrea Bargnani – Il mago è tornato? Presto per dirlo, ma i primi segnali sono più che positivi. In una partita molto combattuta contro l’Anadolu Efes dell’ex Perasovic, Bargnani gioca alla grande, registrando 26 punti con percentuali altissime dal campo in 25 minuti d’impiego.

 

http://www.basketinside.com

FLOP:

1) Kostas Papanikolaou – Il greco sembra la brutta copia del giocatore visto al Pireo prima dell’esperienza in NBA. Ruolo marginale, non riesce ad essere incisivo a differenza della panchina del Real Madrid. 4 punti, 0 su 5 da 3 punti per un -1 di valutazione che la dice lunga sulla prestazione a Madrid.

2) Quino Colom – Il playmaker spagnolo dell’Unics Kazan non è incisivo contro i catalani del Barcellona. In una partita equilibrata e tirata come quella tra Kazan e Barça, il non apporto di Colom risulta decisivo. 2 punti e 2 palle perse in 17 minuti d’impiego per un totale di -1 di valutazione per l’ex Bilbao.

3) Thomas Huertel – Serata storta per la stellina francese dell’Anadolu Efes Istanbul. Forza molto con percentuali negative (2 su 7 dal campo) e aggiunge 4 palle perse alla sua prestazione. Peccato per l’Efes perché la vittoria è stata veramente ad un passo in campo molto difficile come quello del Baskonia.

4) Kevin Pangos – L’ex Gran Canaria stecca la prima in EuroLeague. Al centro di una lotta estiva tra Panathinaikos e Zalgiris, proprio contro i greci esordisce con una prestazione opaca. 3 punti, 1 su 7 dal campo e parecchie forzature. A Kaunas si aspettano una reazione già dal prossimo impegno contro il Baskonia.

5) Vladimir Micov – L’ex Cantú e CSKA non regala una grande prestazione nell’esordio casalingo contro la sua ex squadra. Se in EuroCup era un fattore, in EuroLeague è decisamente più difficile. Fuori dalla partita, segna solamente 3 punti e regala una prestazione opaca alla sua squadra.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy