EuroLega: Vittoria esterna del Maccabi contro l’Unics Kazan

EuroLega: Vittoria esterna del Maccabi contro l’Unics Kazan

Vittoria al cardiopalma per il Maccabi Tel Aviv che trionfa di 1 sull’Unics a Kazan. Non bastano i 22 punti di Keith Langford, i russi adesso sono penultimi

Commenta per primo!

UNICS KAZAN 73 – 74 MACCABI TEL AVIV (17-25; 38-41; 54-61)

L’Unics Kazan ospita il Maccabi Tel Aviv nell’ottava giornata della Regular Season di Eurolega. La squadra russa è in diffocoltà ed è obbligata a vincere contro gli israeliani per non fare scappare il treno qualificazione. I ragazzi di Hadar, dal canto loro, si trovano a metà classifica in piena lotta per passare ai playoff.

Starting Five

UNICS: Colom, Kaimakoglou, Langford, Panin, Parakhouski (All. Evgenyj Pashutin)

Maccabi: Iverson, Rudd, Seeley, Smith, Weems (All. Rami Hadar)

Cronaca –  L’inizio è forte per il Maccabi che trova subito il break del 5-0 con Rudd e Seeley. Dopo più di due minuti di gioco entra nel match l’UNICS con la bomba di Panin, ma gli ospiti sono più concreti e riescono a trovare la prima mini-fuga del match con il 5-14 a metà primo quarto. Williams prova a rimettere in corsa i suoi ma le triple di Rudd e Smith allungano ancora il vantaggio del Maccabi fino al +10, sul 10-20. Lo strapotere degli ospiti arriva fino al 12-25, con il canestro di Pnini ma negli ultimi 35 secondi l’UNICS si sveglia e realizza cinque punti consecutivi con il canestro di Banic e i tre liberi di Keith Langford. Dopo 10 minuti il parziale è 17-25 per il Maccabi.

Il secondo quarto si apre con il break di 6-0 per i padroni di casa, che si riportano fino al -2 al 13′. Smith e Landersberger reagiscono e riescono a portare avanti di nuovo gli ospiti fino al 26-31. Il match va a strappi e la coppia Langford-Antipov ricuce ancora l’ennesimo strappo ospite fino al pareggio 35-35 al minuto 17. Negli ultimi due minuti Smith e Zirbes tentano l’allungo che vale il +6, sul 35-41, ma la tripla sulla sirena di Kaimakoglou mette una pezza al distacco, con il Maccabi chr va alla pausa lunga avanti di 3, 38-41.

Come accaduto nel secondo parziale l’Unics inizia meglio il parziale e nei primi minuti Langford e Colom riescono a portarsi fino al -4, sul 44-48. Il Maccabi prova a bloccare la spinta dei padroni di casa ma è Banic a mettere il canestro del 46-48. La risposta ospite è affidata ai liberi di Iverson, ma la squadra di Kazan è “on fire” e si riporta subito sotto con il -1 al 29′ grazie alla tripla di Kaimakoglou. Negli ultimi sessanta secondi, però, black-out dell’Unics che subisce il break di 6-0 realizzato da Seeley e Zirbes per il 54-61 con cui si chiude il terzo quarto.

Negli ultimi 10 minuti ci si aspetta la reazione dei russi, con Langford e Antipov che nei primi 120 secondi si riportano fino al -2, sul 61-63. Nella seconda parte del quarto l’Unics continua a premere e riesce addirittura a portarsi in vantaggio, prima con il canestro di Voronov e poi con la segnatura di Antipov che porta i padroni di casa avanti di 4, sul 67-63. Gli ospiti non segnano per quasi cinque minuti fino a quando Seeley non spara la tripla che vale il -1. Il ping-pong di azioni porta, poi, Langford a piazzare il risultato sul 69-69, una parità che si spinge fino agli ultimi 60 secondi di gara. In due possessi consecutivi Weems realizza due canestri e quattro punti, 69-73 a quarantuno secondi dal termine. Voronov fa 1/2 ai liberi, e Seeley lo copia, ancora +4 ospite a 9 dal termine. Sulla sirena Langford mette a referto la tripla del -1, ma non c’è più tempo. Il finale recita 73-74 Maccabi.

MVP BasketInside: Devin Smith

Tabellino

UNICS: Johnson, Antipov 12, Langford 22, Parakhouski 5, Colom 5, Banic 10, Voronov 5, Karphukin, Panin 3, Kaimakoglou 8, Williams 3, Tukmakov

Maccabi: Rudd 8, Seeley 11, Smith 16, Yivzori, Mekel 2, Pnini 2, Ohayon 5, Weems 6, Landesberg 4, Alexander, Iverson 12, Zirbes 8

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy