F4 Istanbul – Daniel Hackett: “Olympiacos, proviamoci. Italia, è ora di sfruttare il potenziale”

F4 Istanbul – Daniel Hackett: “Olympiacos, proviamoci. Italia, è ora di sfruttare il potenziale”

Intervista al nostro Daniel Hackett, spettatore di lusso in queste Final Four.

In recupero dal lungo infortunio che lo sta tenendo fuori dai campi nei momenti decisivi della stagione, Daniel Hackett, ha seguito la squadra per “godersi” le Final Four da spettatore. Abbiamo fatto un chiacchierata con lui direttamente dal Sinan Erdem Dome.

Daniel, per prima cosa, come stai? Come procede il recupero?

Molto bene, siamo alla fase finale della riabilitazione. Tra circa 20 giorni dovrei tornare ad allenarmi con la squadra, ma vedremo bene i programmi con la squadra.

Che sensazione fa vedere le Final Four da bordocampo invece che da protagonista?

Prima le guardavo in TV, ora ho il pass per stare a bordo campo (ride). Magari un giorno si avvera il desiderio di giocare le F4. Bellissima atmosfera, è tutto nuovo per me, a differenza di compagni di squadra che ne hanno giocate numerose.

Questo Olympiacos se la gioca alla pari con i contro i campioni in carica del CSKA?

Il CSKA sicuramente è favorito, ha fatto benissimo nella Regular Season giocando un gran basket. Arriviamo qua senza pressione, sperando di ripetere alcuni Olympiacos-CSKA veramente speciali per noi.

C0me vedi questa estate con la nazionale Italiana?

C’è del lavoro da fare, del recupero da fare sicuramente. Il preolimpico ha lasciato l’amaro in bocca a tutti, ma questo deve essere una motivazione in più per lavorare bene sin da subito quest’estate. Il potenziale c’è sempre,  è ora di sfruttarlo.

Per quanto riguarda la prossima stagione? Sempre in terra greca o arriveranno novità?

Ancora non ne abbiamo parlato con il mio procuratore. Siamo in scadenza, vedremo che succederà.

Stai guardando i Playoff italiani? Che ne pensi?

Si, ho guardato Reggio Emilia-Avellino, Milano-Capo D’Orlando, Trento gioca una gran bella pallacanestro. Avellino molto talentuosa, Milano squadra da battere. Mi dispiace per Reggio, simpatizzo per loro dato che ci sono molti italiani e Amedeo Della Valle è mio compagno di stanza in nazionale.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy