FIBA Europe Cup: Cantù perde sul campo dell’Enisey, ma Ukic “salva” la differenza punti

FIBA Europe Cup: Cantù perde sul campo dell’Enisey, ma Ukic “salva” la differenza punti

Complice una seconda frazione da incubo, la FoxTown è costretta a cedere sul campo dell’Enisey al termine di una partita tutto sommato piacevole, in cui i padroni hanno trovato nel solito James il mattatore della serata: cifre da urlo per l’ex Brindisi, che ha chiuso con 24 punti, 11 rimbalzi e 7 assist. Per Cantù non bastano i 26 di Abass, top scorer canturino ma colpevole di due palle perse nel finale gravose. Bene invece i nuovi: Fesenko, autore di 15 punti e 6 rimbalzi, e Ukic, che oltre a una buona gara, ha messo insieme 6 dei 9 punti totali nel finale, permettendo così a Cantù di perdere con lo stesso margine con cui aveva vinto all’andata (95-92). Ora la formazione di Bazarevich potrà cercare la qualificazione nei prossimi due turni casalinghi.

Enisey: Taylor- Pichkurov-Kennedy-James-Ohlbrecht
Cantù:
 Hodge-Heslip-Abass-Johnson-Tessitori

CANTU’ BENE 10’, POI SOLO ENISEY- Parte subito forte la formazione di casa che sull’asse Taylor-James confeziona il 7-2 iniziale. Cantù si sveglia: Heslip colpisce due volte dall’arco, Abass trova i primi due punti e in un amen arriva il meno uno (11-10). L’Enisey risponde con una tripla di Pichkurov e il 2+1 di James, tornando al più sette che porta coach Bazarevich a chiamare il primo timeout dell’incontro.  E’ una pausa che funziona, perché al rientro Cantù piazza un break di 8-0, con due triple di Abass e Hodge e il canestro di Heslip che decretano il sorpasso sul 17-18. Bazarevich inserisce anche gli ultimi due arrivati Fesenko e Ukic, ma sono cinque punti di fila di Abass a tener davanti la FoxTown sul 25-26 dopo il primo periodo di gioco. Il secondo quarto si apre con due punti di Fesenko, ma l’Enisey replica prontamente con un parziale di 9-0 che vale il 34-28 sul tabellone di gioco. Hodge ferma il digiuno canturino, ma sono due canestri consecutivi di Fesenko a riportare la FoxTown a un singolo possesso di scarto. Kennedy e Taylor però bucano nuovamente la difesa canturina, scrivendo il nuovo più sei che obbliga a chiamare minuto di sospensione Bazarevich. Il copione però è sempre lo stesso: Ohlbrecht inchioda, Taylor fa 2/2 in lunetta mentre i primi tre punti di Vzdykhalkin valgono il massimo vantaggio sul 49-37. Fesenko e Ukic limitano i danni sul finire di quarto, sancendo il 50-41 della prima metà di gara in cui Cantù dopo un brillante primo periodo di gioco, ha pagato una pessima seconda frazione soprattutto sul fronte difensivo.

JAMES SUPER, VINCE L’ENISEY – Dopo l’intervallo, Fesenko suona subito la carica schiacciando il meno sette. James risponde con il lay up vincente, ma due triple di Abass e un’altra schiacciata di Fesenko riportano a contatto i canturini, sul 54-51 con il timeout questa volta chiamato dal coach dei padroni di casa. Taylor dalla lunga distanza riporta ossigeno all’Enisey, ma sono i punti di Ohlbrecht e Zakharov a riallontanare nuovamente i russi sul 63-53. Cantù però non molla: l’inserimento di Hasbrouck giova alla formazione di Bazarevich, che trova più spazi sul fronte offensivo dove vanno a segno prima Heslip e poi Johnson. L’Enisey ributta nella mischia Kennedy e Pavlov, ma l’inerzia è tutta ospite che ancora con la coppia Johnson-Heslip si riporta sul meno due (63-61). Vzdykhalkin trova l’ultimo acuto della frazione e al trentesimo è così 66-61. Gli ultimi dieci minuti si aprono con Johnson da una parte e Kennedy dall’altra, entrambi a bersaglio. La Foxtwon si riporta a meno tre con Fesenko, ma il solito Kennedy replica con la stessa moneta. Sul momento migliore della formazione canturina, l’Enisey ritrova il suo primo terminale offensivo: è infatti una tripla di James ad aprire il break in cui s’iscrivono anche Zakharov e Taylor per il 77-68. Abass con cinque punti riporta a contatto (79-73) la propria squadra, ma è una clamorosa tripla di Heslip a valere solo quattro punti di margine sull’80-76. Il solito James finalizza al meglio un bel assist di Kennedy, ma la FoxTown è dura a morire e con il 2+1 di Hodge, è 83-79 a 1’56’’ dal termine. Kennedy va però subito a segno, poi è una bruttissima palla persa da Abass a portare ad altri due punti uno scatenato James per il più otto Enisey. Bazarevich chiama timeout, ma al rientro sono due palle perse e il quinto fallo di Abass a sporcare l’ottima prestazione del numero cinque canturino, mandando i titoli di coda all’incontro. E’ qui che però l’Enisey alza il piede dall’acceleratore, Cantù improvvisamente si risveglia e con la partita ormai segnata, fa l’unica cosa che le rimane: sono due triple clamorose, di cui la seconda sulla sirena, di Ukic a pareggiare la differenza punti, con il 94-91 che permette ai biancoblu di “sorridere” nonostante il passo falso. Ora sarà fondamentale sfruttare il doppio turno casalingo, mentre l’Enisey è atteso da due gare fuori casa.

MVP BASKETINSIDE.COM: James

BC ENISEY KRASNOYARSK – FOX TOWN CANTU’ 94 91

FOXTOWN CANTU’:  Ukic 9, Abass 26, Heslip 15, Zugno ne, Wojciechowski 2, Johnson 14, Tessitori 2, Hasbrouck, Fesenko 15, Hodge 8. All: Bazarevich

BC ENISEY: Isakov ne, Vzdykhalkin 9, James 24, Komarovskiy ne, Ohlbrecht 14, Kennedy 12, Sergeev, Zakharov 7, Iakovenko 8, Taylor 15, Pavlov 2, Pichkurov 3. All. Okulov.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy