FIBA Europe Cup: Heslip stende Le Havre, prima gioia europea per Cantù

FIBA Europe Cup: Heslip stende Le Havre, prima gioia europea per Cantù

Cantù torna a sorridere e dopo il passo falso interno con Brindisi, riscatta la batosta subita in Svezia trovando i primi due punti del proprio cammino europeo. E’ il solito Heslip il trascinato del gruppo canturino, con il numero sette autore della solita concreta prova personale da 23 punti finali. Sono stati i suoi canestri a valere il primo vero allungo della gara nel terzo periodo, risultando poi decisivo sul verdetto dell’incontro. Un risultato non solo importante perchè sblocca la classifica canturina, ma anche perchè arriva nella settimana che vedrà i biancoazzurri di scena sull’ostico campo di Pistoia a caccia di punti salvezza contro la vera rivelazione del campionato. In doppia cifra terminano anche Abass e Berggren con dieci punti e Ross, che ha chiuso con 12 punti sul tabellino personale. Per quanto riguarda i francesi, una prova decisamente buona per venticinque minuti, trascinati dal talento e la classe di Vassallo, top scorer degli ospiti con 21 punti. Cantù: Hall – Heslip – Abass – Ross – Berggren Le Havre: Mutuale – Dugat – Vassallo – Hill- Jean Baptiste Adolphe HESLIP RISPONDE A VASSALLO, CANTU’ DAVANTI-  Cantù parte subito bene, sfruttando il gioco dalla lunga distanza con le triple di Hall prima e Heslip poi portandosi sull’ 8-4. Le Havre replica con un gioco da tre punti di Vassallo, ma è il 2+1 di Dugat a valere il sorpasso sul 8 a 10. L’ennesimo errore canturino genera il facile contropiede di Mutuale, che sigla il più quattro e porta Corbani al primo timeout di serata. A risvegliare l’attacco canturino è il solito Ross: Abass inchioda il meno uno (13-14) prima e il sorpasso poi, Vassallo risponde con il nono punto personale, ma è la schiacciatona di Wojciechowski a fissare il 17-16 dei primi dieci minuti. Anche la seconda frazione continua sui binari dell’equilibrio, con il primi punti di Hasbrouck e Tessitori, seguiti dalla doppia cifra personale di uno scatenato Vassallo. E’ ancora il numero otto a firmare il canestro che rimette i francesi avanti (21-22). Cantù però ricomincia a macinare punti, spinta dai tiri dalla lunga distanza di Heslip riesce dopo alternarsi continui di controsorpassi a mettere un pieno possesso tra le due compagini, siglando il 29-26. Le Havre ricuce, ma l’ultima parola è ancora di Heslip, con il canadese che sulla sirena timbra il 33 30. HESLIP SHOW, CANTU’ TROVA IL PRIMO SUCCESSO- Cantù prova subito un mini allungo, volando a più sei sull’asse Berggren-Ross. Le Havre si mantiene a contatto con il solito pericoloso Vassallo, ma sono la bomba di Wojciechowski e la schiacciate di Berggren a valere il massimo vantaggio sul 47-38. Taylor trova un bel canestro, ma è ancora Heslip a dominare la scena con due bombe di fila che portano il punteggio sul 53-40 a dieci minuti dalla fine. L’inchiodata di Taylor da il via all’ultimo periodo, ma Wojchiechowski risponde subito per il nuovo più tredici. Le Havre però continua a cercare di diminuire il passivo: Adams buca la difesa dall’arco per il meno otto, serve così tutta la classe di Ross per ridare ossigeno alla FoxTown che con il proprio numero dieci costruisce prima un bel lay up, poi il tap in volante di Berggren per il 59-47 obbligando i transalpini a chiamare minuto di sospensione. Heslip trova l’ennesima tripla da fuoriclasse, mentre Hill sale in cattedra andando a segno con due canestri consecutivi che tengono sul meno undici gli ospiti (66-55). Jean Baptiste Adolphe firma il meno nove a quaranta secondi dal termine, ma è ormai troppo tardi e il 69-59 di Heslip in lunetta poco dopo, manda i titoli di coda sulla gara. Cantù s’impone con il punteggio di 73 -64. MVP BASKETINSIDE.COM: Heslip FOXTOWN CANTU ‘ – STB LE HAVRE 73 64 Cantù: Berggren 10, Abass 10, Heslip 23, Ross 12, Zugno ne, Nwohuocha ne, Wojciechowski 7, Cesana 2, Hall 3, Tessitori 2, Hasbrouck 4. All: Corbani Le Havre: Taylor 6, Dugat 5, Vassallo 21, Jean Baptiste Adolphe 12, Mutuale 2, Denis, Lobela, Hill 15, Adams 3, Barry. All: Drouot

Fotogallery a cura di Alessandro Vezzoli

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy