FIBA Europe Cup: Varanauskas regala una sofferta vittoria a Varese

FIBA Europe Cup: Varanauskas regala una sofferta vittoria a Varese

L’Openjobmetis soffre più del dovuto contro l’AEK Larnaca, ma alla fine vince e mette in ghiaccio il passaggio del turno grazie a un eccellente Brandon Davies e il canestro finale di Varanauskas.

VARESE 74-72 AEK LARNACA (17-14; 37-33; 53-50)

Dopo la caduta rovinosa nel derby contro Milano, l’Openjobmetis Varese era chiamata a un pronto riscatto, ma le premesse non erano delle migliori vista la defezione dell’ultimo minuto di Wayns che nei momenti precedenti la palla a due è stato vittima di un problema di salute che gli ha impedito la partecipazione al match. Alla fine i ragazzi di coach Moretti, pur non brillando, la spuntano contro i ciprioti e andrà a giocarsi il primo posto nel girone nel corso dell’ultimo turno.

LA CRONACA – Brown apre le marcature di un primo quart che vede i padroni di casa essere trascinati da Brandon Davies che consente loro di trovare un massimo vantaggio di tre punti (9-6) nel corso di un avvio di partita molto equilibrato. I ciprioti non si mostrano particolarmente efficaci nella loro metà campo offensiva e così i canestri di Kangur e Kuksik valgono il 13-8 in favore dell’Openjobmetis e l’immediato timeout da parte della panchina ospite. Al rientro in campo arriva un’altra palla persa per l’AEK, ma anche Varese si mostra confusionaria e imprecisa in attacco e il punteggio resta invariato fino al rimbalzo offensivo con canestro di Leslie che porta i suoi a -3. Il 2/2 di Palalas dalla lunetta e la gestione pessima dell’ultima rimessa di Varese fa sì che il punteggio alla fine del primo quarto veda i padroni di casa in vantaggio per 17-14.

In avvio di secondo quarto la partita non cambia di molto andazzo rispetto al finale di prima frazione e le due triple di McFadden portano i ciprioti al vantaggio sul 22-21. In questa fase di partita lo spettacolo è decisamente migliore rispetto alla prima parte, ma i pochi supporters varesini presenti al palazzo vedono la propria squadra essere surclassata dal punto di vista dell’energia da parte degli avversari che volano a +3 (26-23) e costringono Paolo Moretti a chiedere una sospensione. Al rientro in campo Varanauskas fa 2/2 dalla lunetta, ma il pitturato di Varese è facile terra di conquista per gli ospiti che non perdono la testa della partita. L’Openjobmetis aumenta leggermente il numero dei giri e ciò basta a tornare in vantaggio con il canestro in transizione di Ferrero che porta il punteggio sul 29-28 in favore di Varese. Nel finale di quarto, grazie a un Davies in grande spolvero, i lombardi trovano anche il +5 (35-30), ma alla fine del primo tempo conducono solamente per 37-33.

Il terzo quarto è aperto dal canestro dalla media di Varanauskas che porta i suoi a +3 sul 39-33. Un fallo antisportivo subito da Faye porta i padroni di casa fino al +8 (41-33), ma il tentativo di Varese di scappare viene rallentato dai punti di Bowman. I ciprioti arrivano fino al -2 sul 41-39 mettendo paura a una Varese che fa enorme fatica a mantenere la testa del match a causa dei tanti errori. Lo scarto tra le due formazioni non raggiunge mai i due possessi pieni finché Galloway, con il suo 2/2 dalla lunetta, non mette sette lunghezze (47-41) tra la sua squadra e gli avversari. In questa fase proliferano i viaggi in lunetta da una parte e dall’altra, ma Varese resta sempre avanti nel punteggio, pur vedendo molte volte gli avversari arrivare al -2. Un fallo antisportivo subito nuovamente da Davies permette ai padroni di casa di tornare a +6 sul 53-47, ma la tripla sulla sirena di Panteli fissa il punteggio all’ultimo mini intervallo sul 53-50 in favore dell’Openjobmetis.

Varese in avvio di ultimo quarto non riesce a dare la zampata vincente alla partita e qualche attacco non giocato nel migliore dei modi consente ai ciprioti di arrivare fino al -1 sul 55-54. Il gioco da tre punti di Bowman regala il vantaggio all’AEK sul 57-55 e da il via a parziale di 5-0 ospite che viene interrotto solo dalla tripla di Ferraro. L’AEK sembra avere molta più energia rispetto a una Varese che, pur mostrando qualche difficoltà, resta attaccata alla partita. Entrambe le squadre in questa fase si affidano molto al tiro da tre punti, facendo sì che il punteggio si alzi pur nell’equilibrio. Agli albori degli ultimi tre minuti di gioco c’è una lunga serie di errori che fanno sì che il risultato resti fisso sul 66-64 in favore dell’AEK per qualche possesso. Davies ruba palla e si invola in contropiede, fa canestro, subisce fallo e sbaglia il tiro libero supplementare lasciando i suoi a -2 sul 68-66. McFadden dall’altro lato fa 1 /2 dalla lunetta, ma Varese si lascia sfuggire il rimbalzo e l’AEK resta nella sua metà campo offensiva. Dopo un timeout, Varnauskas ruba palla e lancia in contropiede Ferraro che subisce fallo e fa 2/2 dalla lunetta prima che la tripla incredibile di Faye porti Varese al sorpasso sul 71-69 a 46’’ dalla sirena. Al rientro in campo da una sospensione, Varanauskas commette fallo su Brown che fa 1 / 2 dalla linea della carità prima che lo stesso lituano ottenga lo stesso risultato dall’altro lato del campo. Bowman sempre dalla lunetta porta il punteggio sul 72-72 a 7’’ dalla fine, ma il long two di Varanauskas regala il successo a Varese per 74-72.

VARESE: Davies 27, Faye 15, Lepri, Varanauskas 15, Testa, Campani 2, Kangur 5, Rossi 2, Ferrero 12, Pietrini, Kuksiks 4, Galloway 2. Coach Paolo Moretti

AEK LARNACA: Palalas 8, Leontiou, Brown 13, Kilaras , Petrovic 4, McFadden 17, Roundy, Leslie 2, Trisokkas 5, Bowman 18, Panteli 5. Coach Linos Gavriel

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy