Finale infuocato al Del Mauro: Tenerife corsara tra le proteste

Finale infuocato al Del Mauro: Tenerife corsara tra le proteste

Un gioco da tre punti di White consegna la posta in palio agli uomini di Vidorreta, che espugnano il parquet biancoverde 75-76.

Commenta per primo!

Torna di scena la Basketball Champions League al PalaDelMauro, dove l’Iberostar Tenerife (4-2) l’ha spuntata su una coriacea Sidigas Avellino (4-2) col punteggio di 75-76. Primo quarto di marca isolana, chiuso con la doppia cifra di vantaggio dagli ospiti, ma la Scandone rientra a cavallo dei quarti centrali e mette il naso avanti all’inizio dell’ultimo periodo trascinata dai punti di Randolph (24 alla fine) e Thomas (23); si arriva così punto a punto nei secondi finali, quando, bisogna dirlo, alcune decisioni arbitrali hanno condizionato il match, con Tenerife che è stata brava ad approfittare della pigrizia ai liberi dello stesso Thomas e di Cusin che ha commesso un’interferenza evitabile, per usare un eufemismo. MVP dell’incontro il pivot Bogris, che ha chiuso con 22 punti e 7 rimbalzi. Vittoria fondamentale, dunque, per l’Iberostar che aggancia la Sidigas al secondo posto del gruppo D, dietro lo Juventus Utena (5-1).

STARTING FIVE
Sidigas: Ragland, Randolph, Thomas, Leunen, Cusin.
Iberostar: Bassas, White, Doornekamp, Hanley, Bogris.

PRIMO TEMPO: Partenza equilibrata di gara, con le due squadre che si battono colpo su colpo: da un a parte è Thomas la bocca da fuoco, dall’altra Doornekamp, col punteggio che al 3′ è 5-6 per gli ospiti. Bogris firma il +3 per Tenerife, ma la Scanbdone risponde ancora con un Thomas davvero caldissimo (già in doppia cifra), che firma il 14-14 del 6′; la tripla di White, il decimo punto di Bogris e un canestro in contropiede di Richotti confezionano un parziale di 0-8 che dà il +7 all’Iberostar: all’8′ è 15-22. All’uscita del timeout la Sidigas non reagisce affatto, con gli isolani che possono quindi allungare sul +10 alla prima sirena (17-27). Dopo tre liberi firmati da Thomas e Ragland per il -7, la bomba di Beiran ridà 10 lunghezze di vantaggio all’Iberostar, con Sacripanti costretto ad un nuovo timeout (20-30 al 14′); un accenno di reazione da parte della Sidigas che con un mini break di 4-0 torna a -6, invita Vidorreta a chiamare il primo timeout degli spagnoli (24-30 al 16′). Bogris chiude il 6-0 della Scandone per il rinnovato +6 del 18′, ma la tripla di Leunen riavvicina i biancoverdi sul 31-34 ad un minuto dall’intervallo; torna sotto la Sidigas con Green, ma la tripla di English manda le squadre negli spogliatoi sul 33-38.
SECONDO TEMPO: Pronti via, parziale di 7-0 firmato dal trio Ragland-Thomas-Cusin, che dà il vantaggio ai locali al 22′ (40-38). Reagisce l’Iberostar con il solito Bogris per il nuovo +2 esterno, ma dall’altra parte cinque punti consecutivi di Randolph portano la Sidigas sul +3 (45-42 al 25′); la partita adesso è scoppiettante, con entrambe le squadre che segnano con continuità: è 52-52 al 28′. La quarta tripla di Beiran riporta Tenerife davanti di 3 lunghezze, prima della schiacciata di Leunen che chiude il terzo quarto sul 54-55. In avvio di ultimo quarto la Scandone trova altri punti da Thomas e da Green, che segna dall’arco il canestro del +5: timeout Iberostar sul 64-59 al 33′. La risposta spagnola è firmata da un gioco da tre punti di Abromaitis, ma la Sidigas con Zerini e Randolph trova il +6 al 35′ (68-62); la bomba di San Miguel ed un jumper di English riportano gli ospiti sul -1, la risposta biancoverde è firmata da Randolph e Ragland per il nuovo +3 al 39′ (74-71). Beiran sbaglia la tripla del pareggio a poco più di 30” dal termine, ma nell’azione successiva la Sidigas non ne approfitta concedendo una nuova opportunità agli ospiti, che chiamano timeout a 22” per organizzare l’azione offensiva; fallo su White, che realizza entrambi i liberi per il -1 a 16”; sulla rimessa biancoverde fallo di Beiran (prima giudicato antisportivo, poi trasformato in fallo “normale”) su Thomas, che fa 1/2. Ma accade l’incredibile sull’azione successiva: Cusin, dopo un fallo su White, commette una clamorosa interferenza che regala due punti a Tenerife, più il libero supplementare, poi realizzato dallo stesso White: +1 per gli ospiti, che non subiscono canestro nei rimanenti 2”, vincendo la partita 75-76.

MVP basketinside.com: Georgios Bogris – 22 punti, 7 rimbalzi

SIDIGAS Avellino 75-76 IBEROSTAR Tenerife
Parziali: 17-27; 33-38; 54-55

AVELLINO: Zerini 2, Ragland 7, Green 5, Esposito n.e., Leunen 5, Cusin 5, Severini, Randolph 24, Obasohan, Fesenko 4, Thomas 23, Parlato n.e. Coach: Sacripanti.

TENERIFE: San Miguel 3, Richotti 5, Niang, Bassas 2, Hanley 4, Grigonis, Abromaitis 5, English 7, Bogris 22, Beiran 14, White 10, Doornekamp 4. Coach: Vidorreta.

Arbitri: Biricik, Michaelides, Kardum.

Fotogallery a cura di Mario D’Argenio

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy