Hickman lancia l’EA7, McLean la salva: il Maccabi va k.o. sulla sirena

Hickman lancia l’EA7, McLean la salva: il Maccabi va k.o. sulla sirena

Una gran prova di Hickman e Macvan rischia di non bastare a Milano, che dilapida tutto nel finale ma viene salvata dalla stoppata sulla sirena di McLean su Landesberg

Commenta per primo!

EA7 EMPORIO ARMANI MILANO – MACCABI TEL AVIV 99 – 97 (25-24, 44-44, 72-65)

Prova convincente per 39′ e vittoria portata a casa per l’Olimpia Milano nella prima gara della new era dell’Eurolega: finisce 99-97 per l’EA7, al termine di una gara condotta praticamente sempre ma mai in modo definitivo. Il Maccabi, trascinato da Goudelock rimonta sempre, anche nel finale, fino al -1 a 20″ dal termine, dopo essere stato sotto di 10 appena 60″ prima: gli uomini di Repesa rivedono i fantasmi di gara-1 dei quarti di 3 anni fa, ma alla fine vincono grazie alla grande prova di Hickman e Macvan ed alla stoppata sulla sirena di McLean su Landesberg.

QUINTETTO BASE MILANO: Hickman, Simon, Gentile, Pascolo, Macvan
QUINTETTO BASE MACCABI: Goudelock, Ohayon, Smith, Rudd Zirbes

CRONACA – Avvio di grande equilibrio al Forum: Milano parte aggressiva col duo Hickman-Gentile, ma (dopo un antisportivo fischiato per parte in 3′) il Maccabi è chirurgico dalla lunga (8-12 al 4′). Non da meno comunque l’Olimpia, con Simon e Macvan a rispondere a Smith (20-14 al 7′), con il primo allungo di serata. Il Maccabi si aggrappa a Goudelock e fa un affare: 6 punti di fila per lui che, uniti alla tripla di Landesberg, valgono il +1 ospite (23-24 al 9′). L’appoggio di Raduljica chiude il primo quarto sul 25-25.

Il secondo quarto prosegue sulla falsa riga del primo: grande equilibrio in campo, ma stavolta senza grandi % dal campo (29-31 al 13′). Gli israeliani sono i primi a raddrizzare la mira e provano a scappare sul 31-36, con i punti di Zirbes e Landesberg, ma la risposta di Milano arriva prontamente (35-36 al 16′). Ancora Zirbes a spadroneggiare sotto i canestri, ancora Dragic a rispondere: gli ultimi 4′ di primo tempo scorrono via rapidamente, con un paio di fiammate nel finale, come la schiacciatona in contropiede di Alexander e il dai-e-vai Simon-Macvan. Al 20′ è perfetta parità sul 44-44.

Dragic ed Hickman risultano i più in forma anche ad inizio secondo quarto, quando Repesa li schiera assieme: costruiscono loro il +4 del 23′ (52-48). Milano muove divinamente palla in attacco e con lo sloveno e McLean ritocca il gap: massimo vantaggio al 24′ sul +9 (57-48). Goudelock sveglia i suoi dal post-intervallo e, insieme al veterano Smith ed a Landesberg, accorcia a -2 (59-57 al 26′) vanificando il lavoro biancorosso. Un ottimo Macvan risolleva l’Olimpia, che respira e ri-allunga a +6. Al 30′ il terzo quarto si conclude sul 72-65.

Partenza a razzo per Milano nell’ultima frazione: Macvan e Raduljica confezionano il +10 per tentare l’affondo decisivo; Zirbes non è d’accordo e prova a tenere a galla i suoi (83-73 al 34′). Goudelock ed il solito Smith non mollano e riportano a -6 gli ospiti a 4′ e mezzo dal termine, complice un (criticato) antisportivo a Cinciarini. Landesberg ha 2 tentativi da 3 per accorciare a -3, ma li fallisce: è Dada Pascolo a prendersi la scena, però, con 3 rimbalzi offensivi di puro agonismo che accendono il Forum. Il quinto fallo di Zirbes fa rifiatare i lunghi milanesi, mentre Hickman piazza 5 punti in 10″ per il nuovo +10 a 2′ e mezzo (93-83). Goudelock continua a macinare punti, Pascolo continua a raccogliere rimbalzi in ogni dove: l’Olimpia tiene a bada l’ultimo tentativo di rientro israeliano, ma solo fino alle 2 triple di Goudelock che portano il Maccabi a -3 (98-95 a 10″). Smith fa -1 dalla lunetta, Hickman fa 1/2 ed è +2 a 3″. La rimessa lunga ospite lancia Landesberg che viene stoppato da McLean a 1″ dalla fine per il possibile pareggio: il finale è 99-97.

BASKETINSIDE MVP: RICKY HICKMAN

TABELLINI:
MILANO: McLean 4, Gentile 12, Hickman 22, Kalnietis 0, Raduljica 15, Dragic 11, Macvan 18, Pascolo 7, Cinciarini 2, Abass n.e., Cerella n.e., Simon 8.

MACCABI: Goudelock 27, Rudd 0, Seeley 9, Smith 18, Yivzori n.e., Mekel 2, Pnini 0, Ohayon 5, Landesberg 15, Alexander 2, Iverson 6, Zirbes 13.

Fotogallery a cura di Claudio Degaspari

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy