Il Panathinaikos a breve deciderà sulla proposta della nuova Eurolega

Il Panathinaikos a breve deciderà sulla proposta della nuova Eurolega

basketnews.gr

Il Panathinaikos, come riporta Aris Barkas di Eurohoops.net, rimane l’unica squadra a non aver ancora firmato la proposta fatta dall’Eurolega per la nuova competizione: il contratto entrerebbe in vigore per 10 anni ed è questo uno dei motivi che hanno fatto riflettere la dirigenza dei greens di Atene.

A tal proposito, il vicepresidente del club, Takis Baltakos, ha spiegato la situazione in un’intervista al canale greco OTE TV, in cui ha spiegato che: “Ci è stato chiesto di firmare un accordo per 10 anni e ciò rappresenta un grande impegno per il club, considerando che la penale di uscita se qualcuno dovesse cambiare idea è di 10 milioni di euro. Non si può prendere una decisione simile in un giorno: sto parlando a nome del Panathinaikos e non posso commentare la scelta delle altre dieci squadre che hanno già preso la loro decisione”.

Baltakos ha comunque precisato che la decisione definitiva della società arriverà molto a breve, tra la fine di novembre e l’inizio di dicembre. Esistono alternative alla proposta di Eurolega? Il vicepresidente del Panathinaikos crede che la FIBA possa creare una sua lega e “sarebbe un male per il basket, come già accadde nella stagione 2000/2001, ma è possibile che la lega rivale della FIBA sia creata”.

Baltakos ha poi ammesso che il futuro della pallacanestro europea deve essere rappresentata da una lega chiusa e che il Panathinaikos vuole farne parte: “Il futuro è una lega chiusa, come l’NBA. Questo è ovvio e si sta andando in questa direzione. Non so se Eurolega o FIBA ci riusciranno ora, ma lo sviluppo finale sarà questo e sarà un disastro per le varie leghe nazionali”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy