La Spagna prende posizione: “Justin Doellman non giocherà in Liga come comunitario”

La Spagna prende posizione: “Justin Doellman non giocherà in Liga come comunitario”

Nonostante sia pronto per ottenere un passaporto kosovaro e giocare per la squadra nazionale kosovara, Justin Doellman non sarà accettato come giocatore comunitario in Liga Endesa.

Commenta per primo!

Nonostante sia pronto per ottenere un passaporto kosovaro e giocare per la squadra nazionale kosovara, Justin Doellman non sarà accettato come giocatore comunitario in Liga Endesa.

Secondo quanto raccolto dai colleghi de “El Mundo Deportivo”, il Sottosegretario di Stato spagnolo allo sport Miguel Cardenal ha precisato che il Kosovo non è riconosciuto come un paese dalla Spagna, e pertanto il Consejo Superior de Deportes ha chiarito che non può concedere a Doellman lo status di giocatore UE.

Ricordiamo che il Kosovo ha dichiarato l’indipendenza dalla Serbia nel febbraio 2008, assumendo in modo unilaterale la denominazione di “Repubblica del Kosovo”. La Serbia non ha riconosciuto la decisione, continuando a rivendicarla come Provincia autonoma. Al 2015, il Kosovo era stato formalmente riconosciuto come uno Stato indipendente da 115 dei 193 Stati membri delle Nazioni Unite più Taiwan e Sovrano Militare Ordine di Malta. Tra questi vi sono tre dei quattro stati confinanti con il Kosovo, ossia l’Albania, il Montenegro e la Macedonia; il quarto stato confinante è appunto la Serbia.

Alcuni tra i più importanti paesi del mondo hanno riconosciuto il Kosovo. Tra essi importantissima è la presa di posizione da parte di Stati Uniti, Francia e Regno Unito, che sono anche membri permanenti del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e che hanno potere di veto. Così come è importante la presa di posizione di Russia, Cina, India e Spagna nel difendere la posizione della Serbia. Già due volte la Russia è ricorsa al veto.

23 dei 28 paesi dell’Unione Europea hanno riconosciuto l’indipendenza del Kosovo. Da notare che i Paesi che non lo hanno riconosciuto hanno essi stessi problemi con regioni autonome: la Spagna con i Paesi Baschi, Cipro con la parte nord, Romania e Slovacchia dove esistono tensioni con le minoranze magiare, la Grecia per l’irrisolta questione macedone.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy