Milano, che rimonta! Langford stende l’Efes, Top 16 più vicine

Milano, che rimonta! Langford stende l’Efes, Top 16 più vicine

A 15’ dalla fine, sul -14, chi avrebbe scommesso un centesimo su questa Olimpia? Non tanto per il punteggio, ma per la scarsa intensità messa in campo dagli uomini di coach Banchi, sempre in balìa di Savanovic e compagni. Invece il basket è strano e, proprio ad inizio dell’ultima frazione, Milano piazza un break clamoroso (14-0) che la porta dal -11 del 30’ al +3 del 34’. Ad innescare il tutto è una bomba di Langford, poi a fare tutto il resto è l’indistricabile pressing della difesa ordinata da coach Banchi che fa saltare testa e nervi ai turchi. Melli schiaccia due volte, Samuels lo imita, poi Langford chiude il parziale con una nuova bomba e, non solo la partita è riaperta, ma l’Armani è addirittura avanti. Da lì, l’inerzia è in mano di una sola squadra, quella biancorossa che blinda il successo grazie ad una stoppatona di Lawal e ad un improponibile Erden che le prova tutte per far deragliare la sua squadra, riuscendoci. Ora la classifica sorride a Milano, anzi ride di gusto perché raggiunge si il secondo posto (dietro ad un imprendibile Real), ma si porta anche a due successi di vantaggio sulla quinta posizione, potendo affontare con molta più serenità la trasferta lituana di Kaunas. 4 vinte e 2 perse è un bilancio di tutto rispetto che avvicina sempre più l’Olimpia a quelle tanto cercate TOP16 e, in questa condizione, non qualificarsi sarebbe un clamoroso disastro.

EA7 EMPORIO ARMANI MILANO – EFES PILSEN ISTANBUL 77-73(21-23, 32-41, 51-62)

Milano: Haynes 3, Gentile 18, Cerella, Melli 6, Tourè ne, Chiotti ne, Langford 22, Samuels 12, Wallace 2, Lawal 8, Moss 6, Jerrells. All: Banchi

Istanbul: Balbay, Osman ne, Vasileiadis 12, Batuk, Erden 11, Kilicli ne, Savanovic 14, Gordon 12, Hopson 11, Dragicevic 6, Planinic 5, Barac 2. All: Mahmuti 

Fotogallery a cura di Claudio Degaspari & Stefano Gariboldi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy