Pro A francese, quinta giornata: Nanterre rullo compressore. L’ASVEL si sblocca

Pro A francese, quinta giornata: Nanterre rullo compressore. L’ASVEL si sblocca

La Pro A transalpina non conosce soste e manda in archivio il suo quinto turno della stagione. Quinta giornata che ha confermato che per ora la lega ha un indiscussa capolista – i campioni in carica del Nanterre in vetta con un percorso netto di 5 vittorie – e un quartetto di coda in cui compaiono squadre dall’indiscusso prestigio come L’ASVEL che, forse, è finalmente riuscito a sbloccarsi.

L’ASVEL, come anticipavamo, infila la sua prima vittoria stagionale nell’anticipo casalingo contro l’Elan Chalon. Determinanti per conquistare questi due punti i 7 rimbalzi, 6 assist e 22 punti portati a casa da un indemoniato Chris Wright.

Buon successo anche di Roanne che sul proprio campo batte 69 a 60 il Dijon grazie ai 14 punti e 7 rimbalzi di Damien Inglis e mette in luce il problema di discontinuità che in questo inizio di stagione caratterizza la squadra allenata da Borg.

Continua la profonda crisi degli Sharks Antibes che si arrendono anche alla tenacia di Le Mans. I 19 punti dell’ex Vanoli Cremona Terry sono risultati decisivi ai fini del 60 a 63 finale.

 

Il Gravelines Dunkerque, nonostante i buoni risultati ottenuti in Eurocup, non riesce a ripetere i fasti della scorsa regular season e incappa nella quarta sconfitta consecutiva che lo relega all’ultimo posto in graduatoria in compagnia dell’ASVEL, di Chalon, Levallois e di Antibes. Questa volta a superare, seppur di misura (67-72), Diawara e compagni è stato lo Strasburgo di un monumentale Ricardo Greer (15 punti a 10 rimbalzi).

Netta vittoria esterna per il Nanterre che, sempre più padrone di questa Pro A, centra il pokerissimo e si sbarazza senza troppi patemi dello Cholet (59 a 79) il quale deve lasciare il passo e la vetta in solitaria proprio ai parigini.

C’è però anche un’altra metà di Parigi che, contrariamente ai biancoverdi, non sorride per niente e, dopo lo stregato successo in supercoppa, incassa il quarto KO annuale e un poco edificante ultimo posto. Tocca al Pau Orthez di un superlativo Ahmad Nivins (20 punti e 7 rimbalzi per lui) questa volta fare un sol boccone di un Levallois in grandissima crisi di gioco e risultati.

Nel primo posticipo il Le Havre rialza la testa e porta a casa una preziosa vittoria contro Nancy (8-76). In grande spolvero William Hatcher, autore di 24 punti, 5 rimbalzi e 4 assist.

Infine chiudiamo con il successo prestigioso del Limoges che, per merito di un Bongou Colo in grandissimo stato di grazia e sempre più leader del team (21 punti, 4 rimbalzi e 5 assist per un complessivo 19 di valutazione), si impone su Orleans (72-64). Per Mc Alarney e soci si tratta della prima battuta d’arresto del 2013-14.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy