Querelle FIBA-EL: Trento, Sassari e Reggio a rischio deferimento, possibile un loro ricorso?

Querelle FIBA-EL: Trento, Sassari e Reggio a rischio deferimento, possibile un loro ricorso?

E’ tutto pronto per un Consiglio Federale ad alta tensione, questo pomeriggio (ore 13.30), in parallelo con la giunta del CONI, la FIP farà i conti con la querelle che da ormai quattro mesi vede l’Italia al centro dello scontro tra FIBA ed Euroleague Basketball, sul futuro delle coppe europee.

Commenta per primo!

E’ tutto pronto per un Consiglio Federale ad alta tensione. Questo pomeriggio (ore 13.30), in parallelo con la giunta del CONI, la FIP farà i conti con la querelle che da ormai quattro mesi vede l’Italia al centro dello scontro tra FIBA ed Euroleague Basketball, sul futuro delle coppe europee. Da affrontare la posizione assunta dall’Assemblea di Lega A di giovedì scorso che, nei fatti, ha smentito la linea che la Federazione aveva assunto il 15 gennaio scorso, autorizzando le squadre italiane a scegliere liberamente a quali competizioni partecipare (Milano per dieci anni in Eurolega, Sassari, Trento e Reggio Emilia per tre in Eurocup). Uno smacco che il segretario generale Patrick Baumann potrebbe non digerire, ritirando un eventuale appoggio per la candidatura olimpica di Roma 2024, un motivo di rabbia che di riflesso contagia anche il n.1 del CONI Malagò.

La reazione in ogni caso non dovrebbe farsi attendere: ieri a Parigi è stata presentata la Basketball Champions League (in platea rappresentanti id Cantù, Varese, Bologna, Cremona, Venezia, Avellino e Pistoia), nella notte la FIBA ha specificato che Federazioni accondiscendenti all’Eurocup potrebbero rischiare l’esclusione da tornei internazionali (Torneo olimpico compreso), il tutto mentre la stessa FIP, forte di questa pronuncia, potrebbe chiedere al procuratore federale di procedere contro Trento, Sassari e Reggio per deferimento per violazione dei diritti di lealtà e correttezza: un capo d’imputazione che comporta un ampio range di provvedimenti, da una penalizzazione all’esclusione dal campionato.

D’altra parte, secondo quanto riportato sulle pagine del Corriere dello Sport, le tre dissidenti potrebbero denunciare la Fip all’UE e all’autorità garante della concorrenza e del mercato. In questo caso si entrerebbe in un vero e proprio campo minato: “esiste un’infinità di precedenti sul diritto di concorrenza, visto che non si possono utilizzare poteri legislativi per avvantaggiarsi sul mercato. Non possono farlo gli stati membri, ancora meno gli enti privati. La chiave sta nell’art. 1 della Legge 91: «L’esercizio dell’attività sportiva, sia essa svolta in forma individuale o collettiva, sia in forma professionistica o dilettantistica, è libero». Questo dovrebbe bastare per mettere al riparo Sassari, Reggio e Trento (lamentano una disparità di trattamento rispetto a Milano che parteciperà senza problemi all’Eurolega) da provvedimenti. Con i tempi, non certo brevi, che simili denunce comportano. Una via d’uscita per tutti? Rimandare ogni tipo di azione sino al 31 marzo (scadenza per le iscrizioni in Eurocup) per capire con chi si schiereranno le leghe tedesca e spagnola, ora indecise. E poi regolarsi di conseguenza…”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy