Sassari nella leggenda! La Fiba Europe Cup è realtà

Sassari nella leggenda! La Fiba Europe Cup è realtà

La Dinamo Banco di Sardegna Sassari si aggiudica la FIBA Europe Cup 2019

di Alessandro Sanna

La Dinamo Banco di Sardegna Sassari entra di diritto nella leggenda del basket italiano conquistando il suo primo trofeo europeo contro i tedeschi del Wurzburg. Dopo la vittoria dell’andata i sardi sono andati a vincere anche all’Oliver Arena, per 81-79, dopo che all’andata si erano imposti di 5 punti. Dopo le storiche vittorie in coppa Italia, supercoppa italiana e lo scudetto culminati tra il 2014 e il 2015 i sardi portano a casa anche un trofeo internazionale grazie alla grandissima gestione di Pozzecco che ha trovato 14 vittorie di fila tra campionato e coppa riportando di diritto Sassari tra le grandi del basket italiano.

Wurzburg è partita forte provando da subito ad imporsi grazie alle bombe dello scatenato Bowlin e di un ottimo Wells, ma la voglia di vincere degli uomini di Pozzecco è venuta fuori nell’ultimo periodo, dopo che i sassaresi non si sono mai disuniti, nemmeno quando sono andati sotto di 11 punti. Thomas, Gentile e Smith hanno dato la carica, con Spissu che nel finale ha regalato una palla rubata di vitale importanza.

1° QUARTO:
In una S.Oliver Arena che ribolle di entusiamo Wurzburg apre le danze con un parziale di 5-0: a sbloccare la Dinamo ci pensa Jaime Smith autore dei primi punti; Cooley impatta il -1, tocca a Thomas impattare il 10-10.
Il Break tedesco non si fa attendere con la tripla di Wells e i tre liberi concessi a Oliver che vale il +7. Sassari però è brava a non disunirsi e accorcia le distanze con un canestro di Thomas, Pierre ai liberi e il contropiede di Pierre che vale il -2. Bowlin non ci sta e decide di mettere a segno la bomba del definitivo 21-16.

2° QUARTO:
Sassari parte bene nel secondo quarto grazie alla tripla di Gentile che anima i 200 sassaresi presenti all’Oliver Arena. Anche Marco Spissu punisce dall’arco con Thomas che riporta tutto in gioco sul -1. La Reazione dei padroni di casa non si fa attendere e un parziale di 9-1 firmato Wells vale il vantaggio in doppia cifra. E’ una partita bellissima e senza pause : Polonara e Cooley firmano il controparziale con un 5-0. Koch dà ossigeno a Wurzburg ma il Banco, trascinato da Smith dimezza lo svantaggio ancora con Pierre. McGee non sbaglia in lunetta e chiude il quarto 46-41.

3° QUARTO:
Dopo il riposo lungo i tedeschi, sospinti da un grande pubblico, rimettono subito la testa avanti con un parziale di 7-0. Ma il controparziale sassarese (11-2) non si fa attendere: Pierre, McGee e Thomas gli autori della grande prova di inizio quarto. Poi sale in cattedra Gentile che sigla i canestri del -1, Wells non sbaglia dalla lunetta ma la giocata di McGee chiude al 30’ 65-64.

4° QUARTO:
Nell’ultimo e decisivo quarto Gentile sigla il sorpasso nel primo possesso dell’ultimo quarto, Bowlin risponde, ma le due prodezze di Thomas regalano a Sassari parità e sorpasso.
Polonara con un tap in di destro infiamma i suoi: Wurzburg ci prova con Bowlin e Oliver, ma il +1 tedesco ancora non basta. Polonara è ancora decisivo per Sassari che va incredibilmente avanti. Spissu ruba un pallone deciviso nel finale che vale un pezzo di trofeo. I secondi scorrono inesorabili pronti ad incoronare una storica Sassari. La palla persa da Wurzburg chiude i conti: alla S. Oliver Arena finisce 79-81. Il Banco di Sardegna conquista la prima coppa europea della sua storia.

 

TABELLINI:

Wurzburg: Bowlin 20, Cooks 5, Koch 7, Morrison 9, Wells 18, Albus NE, Hadenfeldt N.E., Hoffmann 0, Loesing 0, Obiesie N.E., Olaseni 8, Oliver 12.
Coach Denis Wucherer.

Dinamo Banco di Sardegna Sassari: Carter 1, McGee 8, Pierre 19, Polonara 6, Thomas 14, Cooley 4, Devecchi N.E., Gentile 10, Magro N.E., Re N.E., Smith 15, Spissu 4.
Coach Gianmarco Pozzecco.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy