Siena inesauribile, il Partizan si inchina!

Siena inesauribile, il Partizan si inchina!

Commenta per primo!

Chi pensava che, dopo la vittoria corsara di due settimane fa a Belgrado, l’impegno di questa sera sarebbe stato agevole si è dovuto ricredere: vuoi per la stanchezza di Siena dopo le fatiche delle Final 8, vuoi per l’orgoglio del mai domo Partizan, il risultato è rimasto incerto fino agli ultimi minuti dell’ultimo quarto, quando la vena realizzativa di Kaukenas e i viaggi in lunetta di Moss hanno portato Siena avanti di due possessi consentendo di amministrare al meglio il vantaggio. Ora gli occhi sono puntati sulla sfida di domani sera tra Efes e Real Madrid per la leadership del girone. C’è da scommettere che qualcuno farà il tifo per i Blancos, ma con questa vittoria Siena è ancora padrona del suo destino.

L’avvio di gara è nervoso ed entrambe le squadre non smuovono il tabellone per 2′. Finalmente Kaukenas apre le ostilità con un recupero e layup, ma dall’altra parte risponde subito Gist dall’arco. Vesely si dimostra il più in palla dei suoi e manda sotto Siena con due schiacciate che portano Pianigiani a chiamare timeout sul 4-9. Al rientro in campo due triple di Stonerook e Lavrinovic riportano avanti Siena, ma è un fuoco di paglia. Una schiacciata e il 4/4 dalla lunetta di Jawai, non più marcato da Rakovic (uscito al secondo fallo), portano gli ospiti sul +7 (11-18). Klobucar dalla lunetta fissa il risultato sul 12-20 al 10′.

Dragan Milosavljevic porta i suoi al massimo vantaggio +10 in apertura. Rakovic prova a ricucire ma trova pronta risposta nel coast to coast di Jerrels che va a schiacciare. Zizis infiamma la folla con un intercetto seguito da canestro e fallo. La tripla di Kecman riporta Siena a -9. Michelori prova a replicare l’incredibile prova dell’andata con un altro 2+1 ma fallisce il libero (26-29). La tripla di Carraretto impatta sul 29 pari. Siena sembra entrata in modalità schiacciasassi e Moss dalla lunetta firma il vantaggio. Il Partizan soffre la pressione dei toscani e perde palloni su palloni, mentre dall’altra parte Zisis concretizza un grandissimo gioco tre punti che valgono il +4 (38-34). Vesely trova la tripla allo scadere, mandando tutti negli spogliatoi sul 38-37.

In avvio di ripresa Siena si ripresenta in campo decisamente sottotono: il Partizan ne approfitta con Katic e Jerrells che in un lampo portano sul +3 gli ospiti. Kaukenas contribuisce al momento no della sua squadra beccandosi un fallo tecnico che con il successivo 1/2 di Katic sempre dalla lunetta costruisce il parziale di 8-0 . Siena appare stordita, non riesce a trovare soluzioni offensive e ricorre più volte al fallo per fermare gli avversari. Risultato: sono passati solamente 2′ 30” nel terzo quarto e i biancoverdi hanno già esaurito il bonus. Fantasmi cominciano ad aleggiare nel Palaestra. Dopo ben 4′ Rakovic interrompe il digiuno su invito di Moss ma Katic ripristina immediatamente le distanze. Il canestro dall’area di Bozic porta i serbi sul +8 (44-52). L’ingresso di Hairston da nuova linfa all’attacco senese: in breve si seguono un’assist per Rakovic, tripla dall’angolo e gioco da tre punti (con errore al libero), che permettono a Siena di chiudere il terzo parziale in perfetta parità, 53-53.

In avvio di ultima frazione Siena entra nuovamente in campo con le polveri bagnate: il Partizan, seppure a fatica, riesce invece a trovare la via del canestro così che dopo due minuti il tabellone dice 53-57. Stonerook smuove il risultato dalla lunetta mentre Lavrinovic, mai veramente in partita, deve lasciare il campo per falli. Kaukenas apre il suo spettacolare ultimo quarto con un canestro da alto coefficiente di difficoltà. Il Partizan prova a fare la voce grossa a rimbalzo, ma è ancora Kaukenas che prima da sotto e poi con una tripla riporta avanti i suoi e costringe Jovanovic al timeout immediato (62-60). Al rientro è ancora il lituano che, con un po’ di fortuna, allunga a 9 la sua striscia di punti consecutivi; dall’altra parte rispondono però Jerrells con una magia e Gist in contropiede. Quando mancano 2′ al termine il risultato è 66-66. Capitan Stonerook infiamma il Palaestra con la tripla che lo porta in doppia cifra. Entrambe le squadre si ritrovano in bonus e i viaggi in lunetta si infittiscono. Moss, il migliore dei suoi, fa ammattire la difesa ospite e con quattro centri di fila dalla lunetta rende annulla la magia di Jerrells per Gist (73-70). Stonerook spende il suo quinto fallo su Vesely che però dalla lunetta fa ½.; sul ribaltamento di fronte Zisis viene mandato in lunetta e non fallisce, portando i suoi a due possessi di vantaggio con 12” da giocare. La tripla della disperazione per il Partizan non entra e ancora Zisis dalla linea della carità porta i suoi sul +6 (77-71). A nulla serve l’incredibile canestro di Bozic sulla sirena, Siena può festeggiare!

MONTEPASCHI SIENA: Zisis 9, Hairston 8, Carraretto 5, Rakovic 8, Lavrinovic 6, Kaukenas 17, Ress, Michelori 2, Jaric, Stonerook 10, Aradori 2, Moss 10. All. Pianigiani

PARTIZAN mt:s: Jerrells 16, Kecman 7, Klobucar 2, Jaramaz ne, Lucic 1, Milosavljevic 2, Katic 8, Jawai 8, Bozic 5, Gist 8, Vesely 17, Djekic ne. All. Jovanovic

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy