TBL, 1° Giornata: Buona la prima per Pianigiani, vincono anche Anadolu e Galatasaray

TBL, 1° Giornata: Buona la prima per Pianigiani, vincono anche Anadolu e Galatasaray

Commenta per primo!

Antalya Bsb – Galatasaray Medical Park 57-93 (14-20; 32-47; 43-68; 57-93)

Il Galatasaray si sbarazza senza troppi problemi del modesto Antalya. I padroni di casa rimangono in partita solo nel primo quarto grazie a un ispirato Ron Lewis che sarà anche il miglior marcatore di giornata, ma poi nel secondo quarto gli uomini di Ataman (seppur privi di Domercant) riescono a prendere il largo, catturando un numero enorme di rimbalzi (quarantotto). Ataman riesce così a gestire i minutaggi facendo giocare un po’ tutti e lanciando un primo segnale alle altre pretendenti al titolo.                                                              
Antalya: Ron Lewis 21, Jordan Theodore 13, Reha Oz 11 
Galatasaray: Ersin Dagli 14+10 r., Milan Macvan 11+9 r., Furkan Aldemir 11+9 r., Cenk Akyol 12

Ted Kolejililer – Tofas Bursa 81-72 (21-18; 42-31; 62-50; 81-72)
Buona la prima per la neopromossa Ted Kolejililer di Ankara. I gialloblu, da noi accreditati come possibile sorpresa del campionato, battono il forte Tofas Bursa a cui non sono bastate le grandi prove di Heytvelt, Burtt e Elonu. Nonostante la scarsa vena dalla distanza del tiratore Penney (che ha chiuso comunque con 15 punti), gli uomini di casa hanno tirato con un ottimo 46% da 3 punti, esattamente il doppio della percentuale degli ospiti, che hanno inoltre sbagliato ben otto tiri liberi su diciassette tentativi. Gli uomini chiave nel successo del Kolejililer sono stati soprattutto uno Yucel dominante sotto i tabelloni e un Ben Woodside che sembra aver già preso in mano la nuova squadra. Piccola curiosità: si affrontavano la squadra con l’età media più alta (Kolejililer) e la squadra con l’età media più bassa (Tofas).
Ted Kolejililer: Nedim Yucel 14+11 r., Kirk Penney 15, Jovo Stanojevic 14, Ben Woodside 12+5 ass.
Bursa: Josh Heytvelt 16, Steve Burtt jr. 14+7 ass., Chinemelu Elonu 13+8 r.

Pinar Karsiyaka – Mersin Bsb 85-73 (20-19; 40-37; 63-50; 85-73)
Mantiene il fattore campo anche il Pinar Karsiyaka, che in attesa di cimentarsi nell’Eurochallenge, è partita con il piede giusto in campionato battendo il Mersin, squadra sulla carta inferiore. Partita in bilico fino all’intervallo, poi per il Mersin è affiorata anche un po’ di stanchezza vista la poca profondità della panchina (solo otto uomini a referto), e ovviamente Karsiyaka ci ha messo del suo mettendo a segno ben tredici delle ventitre triple tentate. Oltre alle bombe, poi, è salito in cattedra anche Alade Aminu (19 punti, 10 rimbalzi e 8/10 da 2) e allora per il Mersin c’è stato davvero poco da fare.
Karsiyaka: Alade Aminu 19+10 r., Jon Diebler 18, Bobby Dixon 13+ 6 r.+ 6 ass.
Mersin: John Prince 19, David Holston 15, Ali Karadeniz 14, Omar Sneed 13

Olin Edirne – Royal Hali Gaziantep 75-56 (21-20; 35-28; 53-48; 75-56)
Con una grande prova difensiva nell’ultimo quarto, l’Olin Edirne festeggia con una vittoria casalinga l’esordio stagionale. Bene per tre quarti Gaziantep che risponde sempre ai padroni di casa rimanendo a contatto, ma paga anch’essa nel finale i problemi di scarsa profondità del roster; Macklin, Swann, Akpinar e Collins, infatti, segnano ben 51 dei 56 punti complessivi di squadra, ed è stato decisivo il mancato apporto di Charles Rhodes che in 15 minuti sul parquet ha collezionato la miseria di un punto, troppo poco per un americano in una squadra che deve salvarsi. Per l’Olin Edirne, invece, grandi prove di Yagmur (top scorer assoluto della prima giornata con 23 punti), Jelinek e Yarangume (in campo per 40 minuti filati).
Edirne: Mehmet Yagmur 23, David Jelinek 17, Bekir Yarangume 12
Gaziantep: Vernon Macklin 14, Isaiah Swann 14, Mutlu Akpinar 13, Andre Collins 10

Erdemir – Fenerbahce Ulker 78-83 (19-23; 41-43; 63-64; 78-83)
Anche in Turchia la fatica di giocare ogni tre giorni si sente eccome, con la differenza che almeno lì le grandi soffrono ma riescono a vincere. E’ il caso del Fenerbahce (e non solo), che riesce a passare sul campo dell’Erdemir (comunque un’ottima squadra) solo allo sprint. Lasciato a riposo Batiste ha fatto il suo esordio JR Bremer, ma senza brillare (0 punti in 11 minuti); male anche Sato ed Andersen, ci hanno pensato Savas, McCalebb, Onan e Bogdanovic a permettere a coach Pianigiani di esordire con una vittoria in campionato. Uno scatenato Mahmutoglu (6/10 da 3) ha portato i suoi ad un passo da uno storico trionfo.
Erdemir: Melih Mahmutoglu 20, Gerrod Henderson 15, Nusret Yildrim 11, Jure Balazic 10
Fenerbahce: Oguz Savas 20, Bo McCalebb 16, Omer Onan 13

Aliaga Petkim – Hacettepe Universitesi 73-70 (15-21; 43-40; 61-57; 73-70)
Bella partita quella andata in scena all’Enka Spor Salonu di Izmir, dove l’Aliaga Petkim ha dovuto sudare forse anche più di sette camicie per sbarazzarsi dell’Hacettepe Universitesi. Che sarebbe stata una partita difficile per gli uomini di casa lo si capiva già nel primo quarto, quando Glover, Bennerman ed Eldridge si prendevano Hacettepe sotto braccio e la portavano avanti di sei alla prima sirena. Erdogan e Haciyeva (9 punti e 9 rimbalzi), avvicinavano i padroni di casa che andavano avanti all’intervallo e mantenevano il vantaggio anche nel terzo periodo grazie a Marcus Arnold. L’Aliaga sembrava avere il match in mano a 2 minuti dalla fine sul punteggio di 72-65, ma doveva soffrire ancora un po’ perché gli ospiti rientravano fino al 72-70 ma non riuscivano a concretizzare la rimonta.
Petkim: Marcus Arnold 15, Branislav Ratkovica 12, Mehmet Gorkem 11, Torin Francis 11
Hacettepe: Michael Glover 15, Cameron Bennerman 15, Courtney Eldridge 12

Besiktas Milangaz – Turk Telekom Ankara 61-60 (14-16; 33-27; 47-46; 61-60)
Continua senza intoppi il cammino del Besiktas in questa nuova stagione. Dopo la vittoria in Supercoppa, il passaggio di turno in coppa e la vittoria all’esordio in Eurolega contro l’ostico Partizan Belgrado arriva anche la vittoria alla prima di campionato contro una Turk Telekom Ankara che ha mollato solo sulla sirena finale. Sono addirittura gli ospiti a chiudere avanti il primo quarto seppur con un margine risicato, ma nel secondo periodo la squadra di Kunter prende in mano le operazioni con l’ottimo Cetin. Ankara è brava a non demordere nei secondi venti minuti di gioco, e nel finale recupera uno svantaggio che sembrava decisivo (da 53-46 a 53-55). Il Besiktas, però, mantiene la calma e con Jerrells mette il muso avanti prima di fare festa in seguito all’errore di Brown.
Besiktas: Gaspar Vidmar 13, Curtis Jerrells 13, Damir Markota 8
Turk Telekom: Daniel Brown 21, Ceyhun Altay 14+9 r., Drago Pasalic 13

Anadolu Efes – Banvit 79-69 (14-14, 42-33, 56-50; 79-69)
L’Anadolu Efes (sempre senza Tunceri) riscatta la sconfitta del Mediolanum Forum vincendo e convincendo contro il forte Banvit, sulla carta la quinta forza del campionato e che parteciperà all’Eurocup. Il primo quarto filava via con pochi canestri e sui binari della parità, era tutto il contrario nella seconda frazione di gioco, quando i padroni di casa prendevano il largo con i canestri di Jamon Lucas e Farmar, anche se Erdogan e Stimac riuscivano a limitare il passivo (42-33). L’Efes andava anche sopra di 13, ma il Banvit era bravo ad alzare l’intensità difensiva e a impattare il match sul 48-48; un Mahmuti furioso dava la carica ai suoi che riuscivano ad avvantaggiarsi di nuovo di quei pochi ma decisivi punti che permettevano loro di non perdere già all’inizio il treno delle migliori.
Anadolu Efes: Dusko Savanovic 17, Sasha Vujacic 15, Kerem Gonlum 14, Jamon Lucas-Gordon 12, Jordan Farmar 10+6 ass.
Banvit: Serkan Erdogan 15, Chuck Davis 14, Vladimir Stimac 11+8 r.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy