TBL, Semifinali Gara 3: il Galatasaray è in finale, harakiri Efes

TBL, Semifinali Gara 3: il Galatasaray è in finale, harakiri Efes

 

Pinar Karsiyaka – Galatasaray Medical Park  77-79 (26-18; 34-40; 56-60; 77-79)

Una bella ed emozionante sfida è andata in scena ad Izmir decretando la prima finalista di questa Tbl, ovvero il Galatasaray Medical Park prima classificata nella regular season. La tripla sulla sirena sbagliata da Senturk ha messo fine ai sogni di gloria di un Pinar che ha condotto una stagione gagliarda arrivando in finale di Eurochallenge ed in semifinale di campionato facendo fuori ai quarti addirittura il Fenerbahçe con un bugdet neppure minimamente paragonabile a quello della squadra di Istanbul.

Anche gara 3 è stata molto equilibrata, sulla falsa riga delle precedenti due svoltesi all’Abdi Ipekçi: Karsiyaka partiva fortissimo spinta da un Aminu in grande spolvero (14 punti e 8 rimbalzi), nonostante il Galatasaray provasse a tenere botta con gli unici tre punti del match di Markoishvili e con un Ndong immarcabile da 23 punti e 9 rimbalzi (26-18 al 10’).

Il secondo quarto era completamente diverso, con l’attacco del Pinar che si spegneva anche per merito della difesa dei ragazzi di Ataman e con il Galatasaray che prendeva in mano le redini dell’incontro sorpassando per la prima volta sul 29-31 e andando all’intervallo sul 34-40 dopo aver toccato anche il +9.

Karsiyaka riusciva ad aggiustare le cose rientrando dagli spogliatoi migliorando in attacco grazie soprattutto ad un micidiale Mutaf da oltre l’arco (3/5 per lui) e reggendo al feeling dello scatenato asse play-pivot giallorosso Arroyo-Ndong (56-60 al 30’).

L’ultimo quarto era ancora punto a punto e mozzafiato: il Galatasaray sembrava firmare lo strappo decisivo sul 65-72 a quattro minuti dalla fine, prima che Dixon, Buker e Diebler facessero capire che la partita non era ancora chiusa (71-72 al 38’).  Il solito Mutaf siglava la bomba importantissima del -1 a 25 secondi dalla fine (74-75) e costringeva Ataman a chiamare timeout, ma dalla sfida del fallo sistematico usciva vittorioso il Galatasaray, che tirava un sospiro di sollievo dopo l’errore di Senturk al momento dell’ultima preghiera.

 

Karsiyaka: Bobby Dixon 19+ 6 ass., Evren Buker 15, Alade Aminu 14+ 8 r., Can Maxim Mutaf 10

Galatasaray: Boniface Ndong 23+ 9 r., Ersin Dagli 15, Ender Arslan 13, Jamont Gordon 13

 

Banvit BC – Anadolu Efes Istanbul 75-69 (23-19; 41-38; 52-59; 75-69)

La buona notizia per l’Efes era il rientro di Jordan Farmar, presenza fondamentale per cercare di rimettere in piedi la serie. Nel primo quarto la sfida si giocava tutta sotto canestro con il botta e risposta Stimac-Gonlum: il serbo del Banvit metteva a segno 11 punti (con 5 rimbalzi) in avvio portando i suoi anche a toccare il +8, ma il cuore di Gonlum salvava l’Efes (23-19 al 10’). Anche nel secondo parziale il film della partita era pressoché simile, con il Banvit che provava a fuggire con Bajramovic a fare la voce grossa ma l’Efes rimaneva a galla con molti tiri liberi e con la classe di Savanovic ed Erden (37-35 al 18’). Il Banvit riprendeva un piccolo margine di sei punti con la solita coppia Mejia-Davis, prima che Tunceri segnasse la prima tripla per la squadra allenata da coach Mahmuti e mandando tutti negli spogliatoi con il match in grande equilibrio (41-38). L’Efes rientrava dagli spogliatoi con un piglio diverso e in maniera più decisa, con Farmar a segnare da oltre l’arco e Shipp a realizzare il sorpasso (43-46 al 24’). Da quel momento il poi gli ospiti sembravano poter controllare la partita con uno Shipp scatenato e con l’iscrizione a referto anche di Sinan Guler (46-55 al 27’). Simmons e Davis, però, riuscivano ad evitare che l’Efes toccasse la doppia cifra di vantaggio e così il Banvit, seppur con difficoltà, rimaneva in partita (52-59 al 30’).

I padroni di casa riuscivano a reagire nell’ultimo periodo, iniziando con un rapido 5-0 firmato Turkyilmaz-Mejia che quasi annullava le distanze (59-61 al 33’). L’Efes si innervosiva e gestiva malamente possessi offensivi importantissimi con Guler che si intestardiva nel cercare il tiro da lontano, con il Banvit che ringraziava e tornava avanti (67-63 al 36’ e timeout Mahmuti). L’Efes, però, non riusciva a cambiare atteggiamento ed un disperato coach Mahmuti era costretto a richiamare timeout perché la partita stava piano piano sfuggendo di mano alla squadra di Istanbul (71-63 al 38’). La partita di fatto finiva lì, con l’Efes che si spegneva nell’ultimo quarto dopo una bella rimonta ed ora è spalle al muro: domenica dovrà vincere a Balikesir, altrimenti sarà il Banvit a fare compagnia al Galatasaray in finale.

 

Banvit:  Chuck Davis 19, Vladimir Stimac 13+ 10 r., Kenan Bajramovic 10, Sammy Mejia 9

Anadolu Efes: Kerem Gonlum 22+ 11 r., Semih Erden 10, Dusko Savanovic 10, Josh Shipp 10

 

GALATASARAY MEDICAL PARK – PINAR KARSIYAKA  3-0

ANADOLU EFES ISTANBUL – BANVIT BC 1-2

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy