UFFICIALE: Accordo con l’ACB, Ourense già promosso nella prossima Liga 2016-17

UFFICIALE: Accordo con l’ACB, Ourense già promosso nella prossima Liga 2016-17

Commenta per primo!

“Previa approvazione finale dell’Assemblea Generale dei club, l’ ACB ha raggiunto un accordo preliminare con il Club Ourense Baloncesto per l’inclusione nella Liga Endesa 2016-17.
L’ACB e Club Ourense Baloncesto hanno risolto le loro divergenze attraverso un accordo preliminare raggiunto nel pomeriggio che stabilisce e definisce le condizioni che l’ACB prenderà in considerazione il COB per assicurare la sua partecipazione nella stagione 2016-17 della Lega Endesa, a prescindere i suoi risultati sportivi in Liga LEB Oro.
L’efficacia e la validità del contratto preliminare oggi approvato dall’ ACB e Club Ourense Balconcesto è soggetto a ratifica da parte dell’Assemblea Generale, che è stata convocata d’urgenza il 17 settembre”.
Si dovrebbe chiudere così, un po’ “all’italiana”, la vicenda dell’estate iberica a spicci, che aveva avuto come ultimo episodio un’altra, attesissima Assemblea Generale della ACB, in data 31 agosto. Si era allora confermato il format a 18 squadre per la prossima Liga Endesa, ma confermando anche la scelta del 3 luglio scorso, che contemplava la permanenza del Fuenlabrada e la non ammissione come 18ma squadra della finalista playoff nell’ultima LEB Oro. Era stato infatti respinto il provvedimento dell’11 agosto scorso, con cui il Consiglio Superiore dello Sport aveva sostenuto il ricorso al provvedimento della squadra galiziana (ritenuta titolata a salire visto il forfait di Burgos, vincitrice dei playoff).
La stampa iberica, dal canto suo, interpreta il risultato come una vittoria schiacciante di Real Madrid e Barcelona, che più delle altre si erano opposte a un campionato a 19 squadre, con una soluzione che soprattutto sponda catalana, ha permesso un riordino della LEB che ha visto la sua selezione B salire nel girone “Oro” dopo due anni.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy