Ad Maiora, puntata n°5 – Il diario di Valentina Primossi

Ad Maiora, puntata n°5 – Il diario di Valentina Primossi

Commenta per primo!

Fine agosto, un’altra estate è volata ed è tempo di tornare nella mia seconda patria. Carica anzi carichissima; pronta per cominciare questo terzo anno da Caper. Tanta voglia di ritornare su quel campo dove l’anno scorso siamo arrivate ad un passo dal titolo di AUS Champions. Stessa squadra con aggiunta di 4 rookies e si comincia il training camp. Prima settimana di sedute con test fisici ed atletici accompagnati da varie partitelle per riprendere il ritmo. Dalla seconda settimana si inizia a fare sul serio. Doppie sedute, individuali, tiro e pesi. Non ci si ferma mai. Dopo tre mesi di duro lavoro, arriva finalmente novembre e comincia il campionato. Otto partite in un mese. Due partite a settimana; di solito back to back ovvero sabato e domenica oppure venerdì e sabato. Quest’anno abbiamo anche due partite infrasettimanali quindi è un novembre davvero impegnativo. Incredibile pensare che sono già a metà del mio terzo anno qui in Canada. Sento quest’ esperienza sempre più mia, sempre più fantastica. Ormai conosco tutto e tutti qui, sono la mia seconda famiglia. I canadesi sono persone fantastiche e soprattutto adorano gli italiani… o meglio le nostre doti culinarie. Di solito, un sera a settimana (a volte anche più di una), cucino per amici e squadra la pasta, la pizza, le meatballs (polpette). Serate che non dimenticherò mai. La vita da college è qualcosa di unico che solo chi la prova sulla propria pelle può capirla. Lontano da casa, famiglia e amici ma allo stesso tempo vicino alla tua seconda famiglia, ad amici e nella tua seconda casa. Ora che tornerò a casa per Natale sarà così strano non svegliarsi con la mia roomie che mi grida dietro; oppure mettersi le cuffie alle orecchie alle 3 del mattino quando no riesco ad addormentarmi perchè i vicini stanno “having a party”; quando alle 2 del mattino arriva il messaggino “due tiri?!”, e via in palestra con la musica a bomba e la palla a spicchi. Anno importante anche dal punto di vista scolastico, a maggio mi aspetta la laurea in Bachelor of Arts con major in Political Science. Tutto un incastro di “class” (lezioni) ed allenamenti. Paper e essay di 15, 20, 30 pagine!!! Si mi chiedo anch’io come faccio a ricordarmi ancora l’italiano dopo tutto quest’inglese! A metà dicembre avrò una pausa natalizia e riuscirò a volare in Italia, o meglio, spero… visto che lo scorso anno la neve e il freddo hanno raggiunto i – 30 gradi e spesso molti voli sono stati cancellati.

I’ll see you soon! Valentina

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy