Last Round, puntata n°1- Il Diario di Ashley Ravelli

Last Round, puntata n°1- Il Diario di Ashley Ravelli

Commenta per primo!

Mi sembra ieri la prima volta che ho messo i piedi in campo nella palestra della Robert Morris University, eppure eccomi qua, all’ultimo anno di questa incredibile esperienza. Ogni volta le sensazioni, la voglia di lottare, la voglia di far bene e di migliorare sono sempre le stesse. Non è sempre tutto facile, anzi, sono stati più i periodi di difficoltà che altri, ma questo è il mio ultimo anno e da senior ho ancora tanto da dimostrare. Sono pronta!

Per quanto riguarda la squadra abbiamo quattro freshmen (ovvero le matricole) e abbiamo solo perso una giocatrice dall’anno scorso. Siamo in forma, sento che questo è il miglior gruppo di ragazze di cui io abbia mai fatto parte. Abbiamo tanto potenziale e talento, ma quello non vuol dire molto, il cuore e la voglia di vincere ci farà arrivare al torneo del NCAA. Avete sentito bene, quest’anno vinceremo la North East Conference e andremo al Torneo del NCAA! Fuori dal campo siamo come una famiglia e anche se è dura da credere andiamo d’accordo, non abbiamo mai problemi tra di noi. Abbiamo tutte le carte in regola per far bene, tocca solo a noi far vedere cosa possiamo fare! Il pre stagione è andato bene, i nostri allenatori ci hanno spinto fino all’ultimo fisicamente e mentalmente e adesso non vediamo l’ora di iniziare a giocare! Oggi 13 Novembre inizierà la mia ultima stagione da Colonial, e sono carica.

Nell’allenamento di ieri mattina c’era tanta energia e motivazione di iniziare una grande stagione. L’anno scorso abbiamo perso alla finale e quella sconfitta mi ha insegnato tanto, non me la dimenticherò mai, eravamo a un passo da vincere il titolo per la seconda volta di fila. Sono ancora amareggiata da quella partita. Il mio ruolo nella squadra è quello da leader. I miei allenatori hanno deciso di farmi giocare come playmaker quest’anno fin dalla prima giornata. È un ruolo dove ho fatto bene nel passato ma può anche essere frustrante a volte. Ho sempre giocato da tiratrice/guardia tranne in qualche occasione. Iniziare da play mi mette sicuramente tanta pressione addosso ma sono felice che i miei allenatori si fidano di me per un ruolo così importante.

La scuola va bene, ormai sono a un passo dalla laurea in Psicologia Sportiva e sono fiera di me stessa. Giocare in prima divisione e avere buoni voti nei diversi corsi non è facile. Molte volte mi ritrovo a dover studiare di sera dopo una giornata lunga e stancante piena di allenamento e lezioni. Ma se fosse facile non ci sarebbe nessuna soddisfazione!

Per ora è tutto, alla prossima!!!
Let’s go Bobby Mo!!! #14
#NOEXCUSES
Ashley Ravelli

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy