Silvia Sarni si racconta in esclusiva a Basketinside.com

Silvia Sarni si racconta in esclusiva a Basketinside.com

LA SCHEDA

Nome: Silvia

Cognome: Sarni

Data di nascita: 16/09/1987

Città: Foggia

Mano educatissima è per una lunga è una dote non da poco, media e lunga distanza non fa differenza. Sa come muoversi nel pitturato, diligenza difensiva nella quale sfrutta il suo forte fisico, avversario ostico per tutte le difese. Ma anche o principalmente una ragazza solare e molto simpatica che nonostante i suoi 26 anni vanta già tanta esperienza nella massima serie. Cresce nel Basket Foggia società fondata dal padre e a soli quindici anni viene ingaggiata dalla Phard Napoli stagione 2003/2004 ed è subito promozione in A. Tre stagioni a Napoli, una Fiba CUP vinta, si trasferisce un anno in A2 a Pozzuoli, per poi fare un filotto di cinque anni consecutivi in serie A. Maddaloni, Napoli, Pool Comense, nel 2010/2011 finalmente la Puglia, veste la maglia del Cras Taranto campione d’Italia e vince la Super Coppa Italiana 2010. Gioca anche a Faenza prima di essere nella scorsa stagione una delle vere trascinatrici di Ragusa verso la conquista della serie A. Quest’anno veste la maglia della LPA Ariano Irpino ed insegue un altra promozione. In esclusiva per basketinside.com Silvia Sarni si racconta.

Hai cominciato a giocare a basket perché?

– Perché vengo da una famiglia di cestisti ed essendo la quarta figlia ho voluto seguire le orme dei miei.

Numero di maglia preferito?

– Il mio numero sarebbe 11, ma quest’anno è occupato dal capitano, quindi ho scelto il 20 che ho usato l’anno in cui ho vinto il titolo di miglior giovane in campionato in A1.

La squadra più forte nella quali hai militato?

– La squadra piu’ forte con la quale ho giocato e’ stata la Phard Napoli con Bullet, Holland-Corn, Ndiaye, Cirone,…(l’anno dello scudetto).

La squadra più forte incontrata da avversaria?

– Il Cras Taranto di qualche anno fa!

Giocatore o Giocatrice preferita?

– Per mia fortuna ho giocato con diverse giocatrici forti,diciamo che il mio modello da seguire e’ Bullet, la migliore come avversaria e compagna di squadra.

La giocatrice più simpatica e quella più antipatica?

-Giocatrici simpatiche ed antipatiche in particolare non ne ho.

A cena con…

– Roberto Benigni.

In tv non rinuncio a…

– X factor e squadra antimafia!

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy