Top&Flop della 29ma giornata di serie A2 Est e Ovest

Top&Flop della 29ma giornata di serie A2 Est e Ovest

Andiamo a scoprire i protagonisti del penultimo turno di serie A2.

I TOP

 

MICHELE MAGGIOLImaggioli

Imola supera Forlì tra le mura amiche, trovando una vittoria fondamentale che vale la salvezza diretta. 78-75 il finale grazie a uno splendido ultimo periodo dei ragazzi di casa, chiuso con un parziale di 27-14.  Grande protagonista Michele Maggioli, l’esperto lungo Italiano ne mette a referto 18 nei 31 minuti sul parquet, autore di una prova perfetta al tiro: 3/3 sia dall’area che dall’arco che dalla lunetta. 18 punti ai quali aggiunge 3 rimbalzi e un assist, per un ottimo 21 di valutazione finale. Due punti fondamentali per Imola, che centra la permanenza in A2 trascinata da un super Maggioli.

 

ABDEL FALLfall

Udine fa il colpaccio, battendo a domicilio la capolista Treviso, ma grazie ale vittorie di Verona e Mantova svanisce il sogno play-off. Al PalaVerde finisce 62-65, grazie a una rimonta firmata dagli ospiti nel quarto periodo, al quale si era arrivati con un punteggio di 48-35. Mvp Fall, che nei 34 minuti in campo mette a referto 20 punti, 12 rimbalzi e 2 stoppate, tirando con un preciso 8/9 da due punti. Fondamentale tanto in attacco quanto in difesa, 11 dei 12 rimbalzi totali arrivano nella propria area, e alle due stoppate aggiunge anche un recupero. 33 la valutazione finale, Grazie a un super Fall Udine conquista una vittoria più che prestigiosa.

 

DEANDRE DANIELSBasketInsideDaniels2

Mantova si tiene stretto l’ottavo posto, ultimo valido per la qualificazione ai play-off, passeggiando nella sfida casalinga con Recanati, già retrocessa la scorsa settimana. 96-65 il finale, al termine di un match mai in discussione, dominato dai padroni di casa sin dalle prime battute. Migliore in assoluto tra gli Stings Daniels, il lungo Americano centra una doppia doppia da 27 punti e 15 rimbalzi, dominando sia in fase offensiva (grandi percentuali al tiro, 6/8 da due e 3/5 dall’arco), che in fase difensiva, 3 stoppate aggiunte ai 14 rimbalzi difensivi. Arriva così per gli Stings la matematica qualificazione alla post season, in cui Mantova si giocherà le proprie chances per la promozione in massima serie, con un Daniels così sognare è lecito.

 

ARISTIDE LANDIlandi

La Virtus Roma supera tra le mura amiche Ferentino nel derby Laziale. 97-84 il finale in favore dei capitolini che raggiungono quota 34 punti in classifica, in piena zona play-off. Protagonista, un po’ a sorpresa, Aristide Landi. Il giovane lungo mette a referto 19 punti, 8 rimbalzi, 2 rubate e 1 assist, il tutto uscendo dalla panchina e restando in campo per 29 minuti. Ottime le percentuali al tiro, 2/2 dall’area e 5/10 dalla linea dei 6.75m, niente male per un ala Grande di 204cm. Landi si conferma l’arma in più di questa Virtus, un sesto uomo fondamentale anche in chiave play-off.

 

TOMMASO MARINOMarino

Treviglio supera Latina tra le mura amiche con il punteggo di 84-70 e centra la qualificazione ai play-off. Grande match dei ragazzi di coach Vertemati, che piazzano il break decisivo nell’ultimo periodo, chiuso con un 32-22 di parziale. Mvp l’esperto play Tommaso Marino, autore di una grande prova da 28 punti, 6 assist e 3 rimbalzi. Grande prova anche al tiro, 3/4 da due, 5/7 da tre e 7/7 dalla lunetta, Marino si conferma trascinatore vero di questa squadra, sempre decisivo. I Bergamaschi si candidano ad essere una delle mine vaganti ai play-off, Marino e i suoi vogliono rendersi protagonisti della postseason.

 

I FLOP

 

LAURENCE BOWERSbowers lawrence

Ferrara crolla nel match casalingo con la Scaligera Verona, con il risultato finale di 58-72. Match equilibrato nel primo tempo, nel secondo i padroni di casa scompaiono letteralmente dal campo (solo 17 punti segnati negli ultimi 20 minuti), consegnando la vittoria e i play-off agli ospiti. Particolarmente sottotono Bowers, 5 punti in 35 minuti, tirando con percentuali bassissime, 1/9 da due e 1/5 da tre, 1 stoppata subita e 2 palle perse. I 5 rimbalzi conquistati e i 2 assist per i compagni non bastano a salvarlo da una prova pessima, chiusa con un -2 di valutazione. La vittoria di Chieti costringe Ferrara ad attendere l’ultima giornata per festeggiare la salvezza diretta.

 

TOMMASO RASPINOraspino

Piacenza, che non ha più nulla da chiedere al campionato, cade al PalaMaggetti di Roseto con il punteggio di 81-77. Dopo un buon primo periodo gli ospiti si addormentano e per due quarti vengono surclassati dagli Sharks, non basta la reazione del quarto periodo a regalare due punti su un campo difficile a Piacenza. Prova decisamente negativa per Raspino, che nei 26 minuti sul parquet mette a referto 10 punti, sbagliando tanti, troppi tiri dal campo. Chiude con il 5/12 da due e lo 0/4 da tre, percentuali al di sotto della media alle quali aggiunge ben 2 stoppate subite e 4 palle perse, ciliegina sulla torta di una serata da dimenticare.

 

TRAVIS BADERbader

Recanati, già in serie B da una settimana, crolla sul campo di Mantova. Pessima partita dei Marchigiani, asfaltati dagli Stings, che vincono 96-65. Il peggiore in assoluto è Bader, che nei 34 minuti in campo mette a referto 5 punti, tirando con lo 0/7 da due e l’1/4 dall’arco, oltre a perdere ben 4 palloni e subire una stoppata. -2 la valutazione, risollevata parzialmente dalle tre palle recuperate e da un assist smazzato ai compagni, comunque troppo poco. Recanati si arrende inesorabilmente, ed esce sconfitto dal PalaBam senza l’onore delle armi, aspettando solo la fine di una stagione da dimenticare.

 

BRUNO ONDO MENGUEmengue

Il derby Siciliano va ad Agrigento, che supera Trapani con il punteggio di 76-72, al termine di un match equilibratissimo e deciso solo nei minuti finali. Mengue protagonista negativo tra le fila degli ospiti, 0 punti messi a referto in 20 minuti sul parquet, autore di una prova a dir poco incolore. 0 tiri tentati, 0 assist, rimbalzi, palle recuperate o perse, falli subiti. Il suo apporto manca sia in fase difensiva che in fase offensiva, la parola più giusta è inesistente. Sconfitta pesante per Trapani che perde una ghiotta occasione per fare un salto in avanti in zona play-off. Resta apertissima la lotta per l’ottavo posto nel girone Ovest, con tante squadre a contendersi gli ultimi pass disponibili per la post season.

 

NICOLO’ BENEDUSIbenedusi

Rieti cade tra le mura amiche con Tortona, lasciando comunque vive le ultime speranze di qualificazioni ai play-off. 58-67 il finale in favore degli ospiti, al termine di un match sempre in bilico, che ha visto il vantaggio di Tortona aumentare mano a mano, senza mai riuscire a dare il colpo di grazia a Rieti. Peggiore in campo tra i Reatini Benedusi, 3 punti in 34 minuti sul parquet, tirando con l’1/4 dall’arco, e poco altro. Solo 3 rimbalzi e 2 palle perse nella prova di Benedusi, che chiude con un -2 di valutazione, che descrive alla perfezione la sua prova incolore. Tortona blinda il secondo posto, mentre Rieti, a quota 26 punti, resta in corsa per l’ottavo posto, ultimo utile per i play-off.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy