Top&Flop della 5 giornata di A2 Est e A2 Ovest

Top&Flop della 5 giornata di A2 Est e A2 Ovest

I migliori e peggiori scelti dalla redazione di basketinside.com

Andiamo alla scoperta dei 5 giocatori migliori e i 5 giocatori peggiori dell’ultimo turno di A2 Maschile.

I TOP

ADAM SMITH

Non ci sono più parole per descrivere quello che sta combinando l’Americano a Roseto, per lui parlano i numeri. Roseto si impone per 83-76 su Udine, per lui 37 punti, 8 falli subiti, 7/9 da 2, 3/6 da 3, 14/16 dalla lunetta, 3 rimbalzi e 3 assist, 43 di valutazione. Inizio di stagione strepitoso per il giocatore e per tutta la squadra, 4ª vittoria in 5 partite e testa della classifica. Grazie a Smith a Roseto sogna!

LAWRENCE BOWERS

Dopo una grande partita Ferrara batte la Virtus Bologna e l’aggancia a quota 6 in classifica, non bastano i tempi regolamentari agli estensi che vincono 86-75 ai supplementari. Sugli scudi Bowers, con una clamorosa doppia doppia da 24 punti e 15 rimbalzi (4 offensivi). Notevole il 9/12 da 2, a testimonianza dell’efficacia offensiva di questo giocatore che fa la differenza anche nella metà campo difensiva, oltre agli 11 rimbalzi difensivi infatti arrivano anche 3 stoppate, a coronare una serata di grazia.

PERRY-DECOSEY

In testa alla classifica del girone est a far compagnia a Roseto e Ravenna c’è anche Treviso, che passa a Jesi con il punteggio di 75-80. Prestazione maiuscola del duo Perry-Decosey. Per il primo 18 punti con 9 rimbalzi di cui 4 offensivi e 5 assist, per il secondo 20 punti, 8 rimbalzi e 5 assist. Con due Americani così a Treviso sembrerà sicuramente di rivivere gli anni d’oro della Benetton.

MATTIA UDOM

Biella sbanca Latina con un protagonista a sorpresa. Mattia Udom uscendo dalla panchina sfodera una orestazione immensa e guida i suoi alla vittoria. In “soli” 21 minuti di impiego mette a referto 25 punti, infallibile da 2 (9/9) e dalla lunetta (4/4), combatte sotto i tabelloni conquistando anche 6 rimbalzi, e per non farsi mancare nulla piazza anche una stoppata! Già abbiamo il sesto uomo dell’anno?

ANDREA RENZI

Trapani demolisce Ferentino agganciando i Laziali a 6 in classifica. MVP di giornata il lungo Genoano, in 36 minuti d’impiego tira con un ottimo 8/12 da 2 e cattura 9 rimbalzi, sforna anche 2 assist e recupera due palloni per una valutazione finale di 33. Formidabile inizio stagione di Renzi che sta segnando 20.6 punti a partita e ancora non sbaglia un libero,25/25 per ora, davvero tanta roba per un centro.

I FLOP

MICHEAL ANTONIO FRAZIER

Verona regala la prima gioia stagionale ad Imola, brutta prestazione dei veneti che non riescono a sbloccarsi in questo difficile inizio campionato, troppo pochi 4 punti in 5 partite per una società partita con ben altre ambizioni. A Imola Frazier è apparso parecchio sottotono, in 37 minuti in campo segna solo 9 punti, tirando con percentuali impietose per un giocatore come lui (25% da 3 e 33% da 2), perde 4 palloni e subisce una stoppata. Unica nota positiva sono gli 8 rimbalzi difensivi conquistati, ma assolutamente non può bastare.

TOMMASO CARNOVALI

Ferentino si stacca dal gruppo di testa perdendo malamente a Trapani, tranne Gigli e Raymond nessuno è sufficiente tra i Laziali. Protagonista assoluto in negativo Tommaso Carnovali, in 30 minuti mette solo due tiri da 2, ma è incredibile il dato dall’arco, un surreale 0/10 per l’ala piccola che ripropone la terribile prestazione che aveva già sfoderato alla prima giornata contro l’Eurobasket Roma (0/5 in quel caso con -8 di valutazione). Inizio di stagione incerto per Carnevali che stavolta incide e non poco nella corsa di Ferentino.

GIOVANNI CARENZA

Agropoli cade a Scafati e resta inguaiata nel gruppone a quota 4 punti insieme ad altre 6 squadre. Il derby va ai gialloblù, e per Agropoli pesa la scarsa lunghezza della panchina che non riesca ad assicurare ricambi di qualità per i titolari. Gli ospiti possono contare solo su 8 elementi e la fatica si fa sentire. Tutte più o meno positive le prove dei 5 partiti in quintetto, ad esclusione di Carenza che nei 29 minuti in campo si fa notare per il 2/10 totale al tiro. Combatte e ci mette i muscoli sotto il proprio canestro catturando 5 rimbalzi difensivi (7 totali) ma fa troppa fatica nella metà campo offensiva.

MASSIMO CHESSA

Seconda sconfitta consecutiva per la Virtus Roma che perde lo scontro diretto con Tortona (93-77) e abbandona la testa della classifica. Per i capitolini fa particolarmente male Massimo Chessa che giocando 30 minuti mette a referto solo 3 punti tirando con il 25% da due e con un imbarazzante 0/5 da 3, assolutamente insufficiente per un giocatore che ci ha abituato a prestazioni ben diverse in fase di realizzazione. Come se non bastasse ci aggiunge anche 3 palle perse, -3 di valutazione per lui e la prima squadra della capitale si ridimensiona.

STEFANO BOSSI

Trieste continua il periodo no (1 vittoria nelle prime 5) e a causa di un secondo tempo in cui segna solo 22 punti cade al Paladozza, finisce 66-58 per Bologna. Tra i Friulani si salva solo Green, il peggiore in negativo (soprattutto in fase realizzativa) è Stefano Bossi, per il play classe ’94 solo 2 punti in mezz’ora di gioco, arrivati per altro dalla lunetta, dal campo tira con lo 0% (0/3 da 2 e 0/8 da 3). Unica nota positiva i 7 assist che non possono bastare a colmare l’impietosa prestazione al tiro.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy