Top&Flop della 6 giornata di A2 Est e A2 Ovest

Top&Flop della 6 giornata di A2 Est e A2 Ovest

I migliori e peggiori scelti dalla redazione di basketinside.com

Andiamo alla scoperta dei 5 giocatori migliori e i 5 giocatori peggiori dell’ultimo turno di A2 Maschile.

I TOP

MIKE HALL e JAZZMARR FERGUSON

Biella supera Agropoli lontana dalle mura amiche dopo un overtime (77-81 il finale) grazie a una prestazione stellare dei due americani. Entrambi in campo 41 minuti, Ferguson mette a referto la bellezza di 36 punti, tirando con il 50% sia da due che da tre e chiudendo con una valutazione totale di 26, Hall invece non ha grandi percentuali al tiro (arrivano comunque 21 punti per lui) ma fa un lavoro fondamentale sotto canestro catturando 13 rimbalzi di cui 6 offensivi. Grazie a questa vittoria Biella resta nel gruppo di testa, appaiata a 10 punti con Legnano, Tortona e Siena.

ADAM SMITH

L’esterno di Roseto ormai è un chiodo fisso tra i top di giornata. Ennesima vittoria per la squadra di coach Di Paolantonio che ormai pare inarrestabile, 5 vittorie in 6 partite e testa solitaria del girone est. Stavolta a doversi arrendere ai biancoazzurri è Forli. Per Smith arrivano 29 punti in 34 minuti in campo, in cui va a segno 6 volte da 2 in 14 tentativi e 5 volte da 3 in 9 tentativi, 2 palle recuperate e 2 assist completano il tabellino del protagonista assoluto di questo inizio di stagione che proprio non sembra abbia intenzione di fermarsi. Chapeau.

LEONARDO CANDI

La Fortitudo Bologna perde a Mantova a causa di un primo quarto che compromette tutta la partita (32-19 il parziale), ma non si puo non inserire tra i top di giornata il giovanissimo play della squadra ospite, Candi. Per il diciannovenne 31 punti nei 35 minuti d’impiego e 8 falli subiti. Grandi percentuali soprattutto dall’arco, dove tira con un ottimo 5 su 6. Una prestazione che va sottolineata.

TONY EASLEY

Oltre a Candi c’è un altro protagonista di giornata che è impossibile non citare nonostante la sconfitta della sua squadra. Si parla di Tony Easley. L’Eurobasket Roma esce sconfitta nel derby laziale con Rieti, ma il lungo americano sforna una prestazione davvero niente male: 20 punti tirando con un notevole 9/10 da due, con l’aggiunta di 2 tiri liberi realizzati sui 3 tentati. All’ottimo bottino di punti si aggiungono gli 11 rimbalzi catturati, una stoppata, una palla recuperata e 2  assist, con una valutazione finale di 33.

TOMMASO MARINO

Il play Italiano di Treviglio sfodera una grande prova che consente ai suoi di superare in casa Trapani e agganciare i Siciliani in classifica a quota 6. Marino mette 25 punti in 28 minuti , tirando con il 50% da due e con il 60% da tre, subisce 10 falli e mette a segno 12 dei 15 tiri liberi tirati. 29 di valutazione finale e delle statistiche invidiabili per l’esperto play  di Treviglio.

 I FLOP

NORMAN HASSAN

Imola perde di misura il derby in casa con Ferrara e resta ultima insieme a Recanati nel girone Est. 80-82 il finale con i padroni di casa che non riescono a spiccare il volo in questo complicato inizio di stagione. Molto deludente la prestazione di Hassan, per l’ala di origine egiziana arrivano solo 6 punti in 33 minuti. Il dato che piu rende l’idea di quanto sia storta la sua serata è l’imbarazzante 2/11 con cui tira dall’arco. 3 rimbalzi e 2 assist non bastano a oscurare la pessima prova in fase realizzativa che condanna i suoi alla sconfitta.

RUBEN ZUGNO

Agrigento perde in casa contro la più quotata Siena, al termine di una para combattuta in cui le due squadre vanno entrambe a singhiozzo, meglio i padroni di casa nel primo e nel terzo quarto e meglio gli ospiti nel secondo e nel decisivo ultimo quarto. Tra i protagonisti negativi della partita per i siciliani sicuramente la prova del giovane Zugno. Per l’ex Cantù 0 punti in 32 minuti d’impiego, 0/6 da due e 0/1 da tre. Prestazione in parte risollevata dai 9 assist, che comunque non bastano ai suoi per portare a casa una vittoria che sarebbe stata a dir poco prestigiosa.

ROBERTO MARULLI

Reggio Calabria regala la prima gioia stagionale a coach Ramondino e la sua Casale Monferrato. Prestazione sottotono soprattutto in fase realizzativa per i Calabresi che segnano solo 55 punti. Marulli parte in quintetto ma resta in campo solo 21 minuti, nei quali non segna nemmeno un tiro dal campo e riesce a raccimolare solo un misero punto dalla lunetta. Ad aggravare la sua prestazione ci sono anche 5 palle perse, che gli permettono di raggiungere una valutazione increibilmente negativa di -6.

ATTILIO PIERINI

Non basta una grande difesa in tutto il secondo tempo (solo 25 i punti concessi ai padroni di casa nel terzo e nel quarto quarto) a Recanati per espugnare un campo difficile come quello di Verona. I marchigiani ci credono ma nel finale sono costretti ad arrendersi e arriva una sconfitta di misura, 67-66 per i padroni di casa. Tra gli ospiti però si deve segnalare la prestazione totalmente incolore di capitan Attilio Pierini, che in 31 minuti sul parquet non va oltre i 5 punti, tirando con uno scialbo 2/7 dal campo. Troppo poco per la bandiera di Recanati, che sta giocando la tredicesima stagione con la stessa canotta.

TRAE GOLDEN

La Proger Chieti cade a Udine  e resta inchiodata a quota 4 punti in classifica al penultimo posto assieme a Trieste e Mantova. Non è sufficiente la prova in fase realizzativa dei ragazzi di coach Galli che dopo un primo quarto da 24 punti ne segnano solo 40 nei restanti 30 minuti di partita. Per l’esterno americano arrivano solo 5 punti in 21 minuti, bottino troppo magro in relazione alla quantità di tiri presi nel corso della partita: le cifre parlano di 0/2 dall’arco ma soprattutto il 2/9 da due punti, a cui si aggiunge una stoppata subita, due palle perse per una valutazione complessiva di -4. Non ci siamo, gli abruzzesi sembrano aver perso lo smalto delle primissime partite stagionali e stentano a decollare.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy