Top&Flop della 7 giornata di A2 Est e A2 Ovest

Top&Flop della 7 giornata di A2 Est e A2 Ovest

I migliori e peggiori scelti dalla redazione di basketinside.com

Commenta per primo!

Andiamo alla scoperta dei 5 giocatori migliori e i 5 giocatori peggiori dell’ultimo turno di A2 Maschile.

I TOP

KENNY LAWSON- In attesa del recupero con Treviso la Virtus Bologna sbanca Udine e si porta al terzo posto in classifica, alla pari di altre quattro squadre, alle spalle di Roseto e Treviso. Nell’equilibrata sfida in terra Friulana la spunta la Virtus con il punteggio finale di 76-94, grazie ad un parziale di 17-31 nell’ultimo periodo. Per Lawson, che parte in quintetto, solo 24 minuti in campo, nei quali riesce a mettere a segno ben 24 punti, tirando con il 75% da 2 e con un buon 2/3 da 3, ai quali si aggiungono 5 rimbalzi di cui uno offensivo e una palla rubata, per una valutazione complessiva di 27. Importante vittoria per le V nere che si avvicinano nel migliore dei modi allo scontro diretto con la De Longhi Treviso.

VALERIO AMOROSO E ROBERT FULTZ – Roseto non perde un colpo e resta al comando della classifica nel girone est. La squadra malcapitata stavolta è Recanati, ad Ancona finisce 82-91 per gli Abruzzesi che vincono grazie ad una grande rimonta nel secondo tempo. Mattatori assoluti sono Amoroso e Fultz che non fanno pesare la pesantissima assenza del capocannoniere Smith (ai box per infortunio). Parlano i numeri, 25 punti a testa, conditi da 5 rimbalzi e 7 falli subiti da Amoroso che tra l’altro tira con un grande 5/7 da 3. Fultz invece aggiunge 10 assist ai 25 punti per una doppia doppia clamorosa. I bianco-blu volano sulle ali dell’entusiasmo dei tifosi, arrivati nelle Marche in 800.

JAVONTE GREEN E JORDAN PARKS – Trieste asfalta Forlì in casa e abbandona la zona più bassa della classifica portandosi a quota 6 punti. Basta il primo quarto concluso sul 25-5 ai padroni di casa per chiudere la partita, i 30 minuti successivi servono a Trieste solo per amministrare il vantaggio e portare il punteggio fino al 103-74 della sirena finale. I protagonisti tra le fila dei Triestini sono senza ombra di dubbio i due Americani Green e Parks, 70 di valutazione in due, 34 minuti a testa
in campo, 29 punti per il primo che tira con 5/8 da 3 e recupera ben 8 palloni e 28 punti per il secondo che ci aggiunge 9 rimbalzi sfiorando una doppia doppia clamorosa. Trieste finalmente gode a stelle e strisce.

ANGELO GIGLI- Il centro italiano di Ferentino sfodera una prestazione incredibile e permette ai suoi di superare in trasferta Scafati con il punteggio di 79-96. Per l’esperto centro parla da solo il 100% al tiro, sia dal campo che con il cronometro fermo: 5/5 dalla lunetta, 2/2 da tre e 7/7 da due. A questi numeri già di per se incredibili si aggiungono 6 rimbalzi e 4 assist. 36 di valutazione e una Domenica da protagonista assoluto.

ARISTIDE LANDI- La Virtus Roma torna alla vittoria e lo fa superando facilmente Agropoli tra le mura amiche, con un netto 87-70. Top scorer per i capitolini l’uomo che non t’aspetti. Landi infatti esce dalla panchina e resta sul parquet solo per 21 minuti, mettendo a referto 19 punti e 6 rimbalzi, grazie a delle grandissime percentuali al tiro: 2/2 da 2 e 4/5 da 3, una sentenza. La giovane ala italiana si prende cosi il ruolo da protagonista al PalaLottomatica e rilancia Roma che dopo un grande inizio aveva avuto un leggero calo.

I FLOP

ALEX RIGHETTI- La seconda squadra di Roma continua a deludere e nonostante un grande ultimo quarto perde a Latina con il punteggio di 81-73. Delude l’esperto Righetti, che parte in quintetto e in 26 minuti sul parquet colleziona 4 punti e 6 rimbalzi, con un osceno 2 su 10 da 2 che gli permette di non andare oltre il -3 di valutazione totale. L’Eurobasket Roma resta cosi inchiodata a quota 4 punti in classifica, nel gruppetto che occupa la penultima pazza davanti al fanalino di coda Casale Monferrato.
MARCO PORTANNESE-Verona cade a Mantova e si fa raggiungere in classifica a quota 6. Partita sempre piuttosto equilibrata con i padroni di casa che però vincono tutti e 4 i parziali. Non brilla nessuno tra gli scaligeri ma particolarmente sottotono è senza dubbio Portannese che pur non partendo titolare resta in campo per 24 minuti, nei quali mette a referto solo 4 punti, tira con lo 0% da 2 e con il 33% da 3 (1/3), perde ben 4 palloni e sbaglia uno dei soli due tiri tentati dalla lunetta. Prestazione incolore per la guardia italiana che coincide con la prestazione altrettanto incolore della sua squadra e l’ennesima battuta d’arresto di inizio stagione.

MATTIA VENUCCI- Chieti cade ancora in casa, regalando ad Imola la prima gioia esterna stagionale, finisce 87-93 al PalaTricalle. I padroni di casa si fanno raggiungere in classifica dagli Emiliani e ora le due squadre formano la coppia che occupa il penultimo gradino della classifica, davanti a Recanati. A Chieti stavolta non bastano i 26 punti di Golden. Particolarmente negativa la prova di Venucci, il play parte titolare e in 24 minuti in campo non mette a referto neanche un canestro, si prende solo due tiri da 3 tra l’altro sbagliandoli entrambi. Troppo poco per un giocatore partito in quintetto, non possono bastare 6 assist e a pagarne la conseguenze è la squadra, che perde uno scontro diretto fondamentale.

YANKIEL MORENO-Ferrara cade al PalaVerde di Treviso, uno dei campi più difficili dell’intera serie A2. A Treviso i ragazzi di coach Trullo perdono 82-71 nonostante una prova sufficiente per 4 dei 5 titolari, tutti eccetto Moreno. L’ex Roseto in 32 minuti in campo raccoglie il bottino misero di 4 punti, tirando con un insufficiente 2/5 da 2 e perdendo 3 palloni. Qualche rimpianto per Ferrara, con il vero Moreno a supportare i suoi compagni forse l’idea di espugnare Treviso non sarebbe stata un’utopia.

PHIL GREENE- Tortona batte di misura Trapani (79-76) e resta con il gruppo di testa nel girone Ovest, faticando però più del previsto. I padroni di casa riescono comunque a conquistare i due punti nonostante una prova stranamente negativa di Greene. Per l’Americano 35 minuti in campo in cui segna solo 3 punti. Percentuali bassissime al tiro, 0 su 5 dall’arco e 1 su 4 da due, è comunque fortunato perchè Tortona è riuscita comunque a raggiungere la vittoria, altrimenti si sarebbe dovuto sentire decisamente in colpa.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy