Europeo U20 F – La Slovenia è dura a morire, l’Italia ai quarti spinta da Cubaj e Fassina

Europeo U20 F – La Slovenia è dura a morire, l’Italia ai quarti spinta da Cubaj e Fassina

Non brillano le azzurre, che escono comunque vincenti piegando la resistenza della Slovenia.

di Daniele Tagliabue, @Danyboy1991

Un Italia non spumeggiante compie comunque il proprio dovere, sconfiggendo l’ostica Slovenia e accedendo così ai quarti di finale spinta dall’asse Cubaj-Fassina. Non la sfida più facile, con le azzurre partite male e poco in grado di contenere l’inerzia offensiva delle slovene che nella prima metà di gara hanno viaggiato a percentuali elevate. Tutt’altro capitolo nella ripresa e così come avvenuto due giorni fa, le azzurre hanno trovato lo sprint decisivo nel terzo quarto vinto con un pesante 24-11 che ha di fatto spezzato la partita. Nell’ultima frazione la Slovenia ha provato in ogni modo a riaprirla rispondendo colpo su colpo, prima di inchinarsi nuovamente al talento di Martina Fassina, ancora una volta mvp della contesa.

Italia: Verona – A. Togliani – Fassina – Cubaj – Castello
Slovenia: Cvijanovic – Friskovec – Gorsic – Bubnic – Kroselj

CRONACA – Primo quarto in cui le azzurre faticano molto, fin dalle prime battute. Dopo il 5-2 di Anna Togliani, salgono in cattedra le nostre avversarie che trascinate da Cvijanovic, volano sul 5-11. Castello risponde dall’arco, ma Cvijanovic è on fire e si erge anche a passatrice per la tripla di Friskovec. Si sbloccano Olbis e Cubaj, ma la Slovenia è in controllo e con Friskovec e Bubnic allunga nuovamente. Il botta e risposta tra Trucco e Cvijanovic sancisce il 15-22 dopo un quarto. Nella seconda frazione le azzurre ricominciano forti e con Trucco e Fassina ricuciono fino al meno tre che porta la Slovenia al timeout immediato. Del Pero al rientro fa meno uno dalla lunetta, ma Jesensek risponde con la tripla vincente. E’ però questione di istanti per il sorpasso, che si concretizza con Fassina che diventa protagonista per il 28-27. Il finale è però tutto sloveno: Dautovic segna da sotto, Jesensek dalla lunetta e con il furto e canestro di Friskovec, la Slovenia ritrova coraggio. Trucco da una parte e Jesensek dall’altra fissano il 33-37 dell’intervallo.

Dopo la pausa lunga, Andrè e Fassina trovano subito la parità. Jesensek sblocca la Slovenia, ma Cubaj, Togliani e Anna Fassina fan volare le azzurre sul 43-40. La Slovenia chiama minuto di sospensione, ma al rientro è break Italia con Andrè e Fassina che piazzano il 7-0 che vale la doppia cifra di vantaggio. Andrè e Fassina firmano il più quindici (57-42), ma la Slovenia ha un sussulto nel finale e si rimette in scia grazie a Dautovic e Cvijanovic che in contropiede firma il meno nove, sul 57-48 che archivia i primi trenta minuti. I liberi di Cubaj e la tripla di Jesensek aprono la quarta frazione. Trucco prova ad allontanare le slovene, ma le nostre avversarie si rifanno sotto con Gorsic on fire per il 62-55. L’Italia però si risveglia dal letargo e con la solita immensa Fassina apre il mini break in cui Andrè rimette la doppia cifra di margine. La Slovenia è però dura a morire e prima Friskovec e poi Bubnic rispondono per le rime obbligando coach Orlando al timeout a tre minuti dal termine. E’una pausa che fa bene, perchè al rientro arriva il 2/2 di Anna Togliani seguito dal canestro di Andrè, che tutta sola insacca il 70-59. La Slovenia non ne ha più ed è così costretta ad alzare bandiera bianca, con il 2/2 di Cubaj che fa scorrere i titoli di coda sulla contesa. L’Italia s’impone 73 64.

MVP BASKETINSIDE.COM: Fassina

ITALIA SLOVENIA 73 64

Italia: Andre 12, Del Pero 6, Parmesani, G. Togliani 2, Trucco 8, Castello 4, Cecili, Cubaj 15, Fassina 18, Smorto, A.Togliani 6, Verona 2. All.Orlando

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy