Europeo Under20F: l’Italia prima scappa, poi rischia la beffa, ma alla fine esulta!

Europeo Under20F: l’Italia prima scappa, poi rischia la beffa, ma alla fine esulta!

Per fortuna c’è Tagliamento! L’Italia sorride, ringrazia la giocatrice di Battipaglia e con qualche patema finale di troppo, supera anche l’Ungheria centrando così il secondo posto nel girone. Partita piacevole, soprattutto nella prima metà di gara, con le azzurre ancora una volta molto positive. Le ragazze di Molino, così come successo ieri, escono dall’intervallo con prepotenza trasformando l’equilibrio della prima metà di gara, nella continua rincorsa avversaria. Il più sei del trentesimo diventa più dodici al trentacinquesimo ma quando tutto sembra ormai già scritto con i due punti comodamente in tasca, l’Italia entra in un black out che riporta fino al meno tre l’Ungheria, sfiorando un clamoroso harakiri. Come detto in apertura, è Tagliamento a scacciare ogni paura, archiviando così una vittoria in cui ancora una volta è Elisa Penna a spiccare: per la giocatrice della Reyer altra prova solida con una doppia doppia da 12 punti e 13 rimbalzi. In doppia cifra anche la stessa Tagliamento, top scorer con 13 punti, Zandalasini, che ha chiuso con 11 punti e Peresson, autrice di 10 punti.

Italia: Marangoni-Kacerik-Zandalasini-Barberis-Penna

Ungheria: Kaposi – Papp- Nagy – Böröndy -Aldazabal Berroa

ITALIA BENE, MA L’UNGHERIA E’ A CONTATTO-Come ieri, anche oggi l’Italia inizia alla grande sfruttando le due protagoniste di questa prima fase: sono Penna e Zandalasini a firmare l’8-4 iniziale dopo due giri di lancette. L’Ungheria però ritrova la parità a quota otto, con Nagy a segno dalla lunga distanza. La partita è piacevole: al botta e risposta tra Aldazabal Berroa e Penna, segue quello tra Barberis e Dobos, lasciando immutata la parità. L’equilibrio resta saldo e il primo quarto si conclude infatti sul 18-18. Nel secondo periodo è l’Ungheria a piazzare il primo break: Nagy e una scatenata tra Aldazabal Berroa, autrice dell’ottavo punto personale, regalano l’allungo alle ungheresi che si portano sul 26-20 che obbliga al minuto di sospensione coach Molino. La pausa scuote le azzurre: due canestri di Marangoni e la tripla di Penna riportano le due squadre in perfetta parità a quota 27. Papp e Nagy riportano davanti le nostre avversarie, ma il finale è tutto azzurro: Tagliamento si sblocca dall’arco, Peresson impatta e con il lay up vincente di Zandalasini, è 35-33 all’intervallo.

ITALIA VINCENTE, MA CHE BRIVIDO! La terza frazione vede subito l’attacco azzurro colpire, con Penna e Barberis a siglare il 40-35. Kaposi e Nagy riportano a un singolo punto di scarto il punteggio (40-39), ma l’Italia tiene botta e con i liberi di Marangoni, Penna e Zandalasini, resta a debita distanza sul 47-41. Barberis timbra il più otto, ma tre punti di Aldazabal Berroa e quattro di Dobos, tengono incollate le due formazioni sul 49-46. Kacerik e Zandalasini ridanno ossigeno, ma è il 2/2 di Tagliamento a valere il nuovo più otto. L’Ungheria però non molla e con l’ottavo punto di Böröndy, è 56-50 dopo tre periodi. Gli ultimi dieci minuti iniziano con un bel canestro di Peresson, prontamente replicato dai primi due punti di Zsilinszki. Tagliamento ed Ercoli riscrivono la doppia cifra di vantaggio (64-52), con le ungheresi costrette a chiedere minuto di sospensione. Al rientro, l’Ungheria inizia ad aumentare i ritmi: al canestro di Tagliamento arriva un contro break di 7-0 che riapre prepotentemente la contesa, con la bomba di Nagy a firmare il 66-59 che porta Molino al timeout. La pausa però non aiuta le nostre ragazze, visto che nonostante il ritorno sul parque di Zandalasini, è ancora Nagy da tre punti a trovare il diciassettesimo punto personale che dà il meno quattro sul 66-62 a un minuto dalla fine. L’Italia continua col suo blackout tra palle perse ed errori in lunetta: Penna infatti fa solo 1/2 e il conseguente gioco da due punti di Böröndy vale il clamoroso meno tre sul 67-64. Nel momento di maggior difficolta, con la beffa che sembra in arrivo, è Marzia Tagliamento a tirare fuori dai pericoli le azzurre: la giocatrice di Battipaglia si conferma glaciale, mandando nella retina tutti e quattro i tiri liberi a sua disposizione, che evitano quello che sarebbe stato un clamoroso harakiri. Finisce così 71-66, con le azzurre che festeggiano la seconda vittoria di fila. L’Italia si qualifica alla seconda fase con il secondo posto nel Girone C portandosi dietro 2 punti.

MVP BASKETINSIDE.COM: Penna

ITALIA UNGHERIA 71-66  (18-18, 33-35, 50-56)

Italia: Trimboli ne, Mosetti ne, Barberis 9, Kacerik 5, Tagliamento 13, Zandalasini 11, Marangoni 7, Peresson 10, Penna 12, Nicolodi ne, Botteghi ne, Ercoli 4.

Ungheria: Studer 2, Kaposi 4, Szabó, Papp 8, Zsilinszki 2, Farkas ne, Nagy 17, Böröndy 12, Aldazabal Berroa 14, Varga, Simon ne, Dobos 7.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy