Europeo Under20F: Spagna troppo forte, Italia k.o

Europeo Under20F: Spagna troppo forte, Italia k.o

Debutto con sconfitta per l’Under 20 guidata da coach Molino. Troppo forti le padrone di casa della Spagna, che iniziano alla grande la loro avventura europea. Azzurre in difficoltà sin dalle prime battute con Orts subito protagonista nel punire la nostra difesa, mai in grado di reggere l’urto contro le offensive avversarie. Da salvare però l’orgoglio finale, con il passivo che è quasi genoroso, viste le undici lunghezze di differenza finali dopo esser stati sotto anche di venti punti. Tre giocatrici in doppia cifra per le iberiche (Lo 13pt+7rb, Romero 12pt+7rb e Orts 11pt), mentre per le azzurre la sola Zandalasini con 14 punti. Bene anche la prova di Penna, che ha chiuso con 9 punti.

Italia: Marangoni-Kacerik-Zandalasini-Penna-Ercoli

Spagna: Lizarazu- Romero- Lo-Quevedo-Orts

SPAGNA SUBITO IN CONTROLLO-Avvio contratto delle azzurre, che subiscono fin da subito le offensive iberiche che valgono lo 0-4 iniziale. Marangoni in regia è spesso raddoppiata, serve così una magia di Zandalasini per vedere i primi punti delle nostre ragazze dopo cinque minuti. La Spagna però gioca con una facilità disarmante: quattro punti di Romero portano infatti al primo break dell’incontro, con Molino obbligato al timeout sul 2-10. Penna interrompe il digiuno dell’Italia, ma Romero risponde per le rime. L’ultimo acuto è di Penna, che realizza il 6-12 che sigilla la prima frazione. Sei punti di Lo in avvio di secondo quarto portano al massimo vantaggio le iberiche, sul 6-18. Molino prova a mischiare le carte, togliendo Kacerik e inserendo Mosetti ma il copione non cambia e prima Arrojo e poi Lizarazu bucano la difesa azzurra, realizzando il 6-22. Tagliamento e Zandalasini risvegliano dal letargo l’Italia, ma quattro punti di Lizarazu ricacciano lontano le italiane. L’1/2 di Zandalasini rende meno amaro il passivo, ma al ventesimo è dominio Spagna sul 15-28.

ORGOGLIO ITALIA, SI CHIUDE A MENO 11 – Dopo l’intervallo, l’Italia prova a cambiare marcia con quattro punti in rapida successione di Kacerik, ma Orts e la doppia cifra di Lo, ristabiliscono dodici punti di distacco sul 21-35. Botta e risposta tra Penna e Lizarazu, ma è il 2/2 di Arrojo a valere il più sedici iberico. L’ultimo sussulto è di Penna, che sigla il libero del 24-39 a dieci dal termine. L’ultima frazione ha poco da dire: ai canestri di Tagliamento, la Spagna replica con Lo e Romero, volando sul più venti (28-48).  Negli ultimi cinque minuti arriva finalmente una reazione: la Spagna, in netto controllo, abbassa la concentrazione e subisce tutto l’orgoglio italiano, con Zandalasini che mette a posto il proprio tabellino ergendosi protagonista dei canestri che fissano il 43-54.

ITALIA – SPAGNA  43 -54 (6-12; 9-16; 9-11; 19-15)

Italia: Trimboli, Mosetti, Barberis 2, Kacerik 4, Tagliamento 6, Zandalasini 14, Marangoni 1, Peresson 7, Penna 9, Nicolodi, Botteghi, Ercoli.
Spagna: Flores 2, Rodriguez, Esparcia ne, Arrojo 4, Canella, Lizarazu 8, Romero 12, Lo 13, Quevedo 4, Orts 11, Sole, Zaragoza ne.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy