U20M: all’Italia la rivincita contro la Rep. Ceca, azzurrini in finale per il 5° posto

U20M: all’Italia la rivincita contro la Rep. Ceca, azzurrini in finale per il 5° posto

Partita combattuta nel primo tempo, fino ad arrivare all’exploit del terzo quarto che ha permesso agli Azzurrini di conquistare un vantaggio abbastanza largo da chiudere poi in tutta tranquillità l’ultimo periodo. Ora bisogna aspettare la vincente tra Ucraina e Lettonia per sapere la sfidante per la finale 5°-6° posto.

Commenta per primo!

Repubblica Ceca – Italia 66-81 (17-20; 28-33; 44-58)

Una bella Italia si aggiudica la rivincita contro la Repubblica Ceca valida per le qualificazioni tra il 5o-8o posto. Partita combattuta nel primo tempo, fino ad arrivare all’exploit del terzo quarto che ha permesso agli Azzurrini di conquistare un vantaggio abbastanza largo da chiudere poi in tutta tranquillità l’ultimo periodo. Ora bisogna aspettare la vincente tra Ucraina e Lettonia per sapere la sfidante per la finale 5o-6o posto.

Repubblica Ceca: Pulpan – Klimek – Svoboda – Kroutil – Jokl

Italia: Mussini – Flaccadori – Totè – Donzelli – Guaraglia

Comincia con un appoggio da sotto di Totè il rematch del primo incontro di questo Europeo, con Jokl e Svoboda che falliscono  i primi due tentativi per la compagine Ceca. Una bella penetrazione dello stesso Svoboda sblocca poi il punteggio per la sua nazionale, seguito a ruota da Pulpan, che ruba palla a Mussini e realizza altri due punti. Ma è proprio del giocatore dell’Università di St. John il canestro che mette in equilibrio il risultato. Flacadori realizza due triple consecutive alle quali rispondono prontamente Svoboda e Kroutil. Il digiuno Azzurro viene interrotto da Mussini che segna in transizione dopo aver rubato palla, impattando il risultato sul 12 pari dopo il canestro di Pulpan. Parte così il pressing dei ragazzi di Sacripanti che riescono subito ad aggiudicarsi un fallo in attacco grazie al sacrificio di Candi, recupero poi sfruttato male da Totè che commette anche lui il medesimo errore del giocatore ceco. Un bellissimo step back e una successiva tripla sempre di Candi permettono all’Italia di balzare avanti nel finale di periodo, arrivando alla sirena sul 20-17 in favore degli Azzurrini.

Il secondo quarto si apre molto lentamente e con tantissimi errori, al tiro e non, per entrambe le squadre. A  mettere la prima firma della frazione ci pensa Lupusor con una tripla assistita da Flaccadori dopo quasi tre minuti. A seguire l’ennesimo errore dei cechi, che esauriscono i 24, e nell’azione successiva subiscono un gran canestro da moretti, il quale supera agilmente la difesa avversaria e mette a segno un bel tiro in sospensione. Svoboda e compagni sono completamente nel pallone e continuano a perdere palloni, i quali, però, non vengono tutti sfruttati dai ragazzi della Nazionale. I primi punti della Repubblica Ceca arrivano da tiro libero per mano di Svoboda, che fa 1 su 2 dalla lunetta. Kroutil realizza un layup immediatamente dopo, che viene poi annullato da una gran schiacciata di Flaccadori, che ruba palla a Svoboda dopo un errore di Totè e la inchioda al ferro. A fine primo tempo il segnapunti riporta 33-28 sempre per Flaccadori&Co.

Al ritorno dalla pausa lunga gli equilibri non sembrano cambiare. Una magia di Flaccadori porta Severini a realizzare un fantastico fallo e canestro, sbagliando, però, il libero aggiuntivo. Sono sempre di un ispiratissimo Severini i 6 punti successivi, che culminano poi in un fantastico alley oop di Mussini per la schiacciata di Totè, che forza il time out dell’allenatore ceco.  Al ritorno sul parquet gli Azzurrini si presentano ancora molto attenti, con Flaccadori che recupera palla e realizza due punti semplici. Ennesima opera d’arte di Flaccadori, che con un no look serve Totè, il quale finalizza con una esaltante schiacciata in testa a Pursl. Una tripla da distanza siderale di Svoboda cerca di svegliare i compagni, ma un’immenso Flaccadori realizza anche lui da dietro la linea dei 6’75”.  Moretti segue l’esempio del giocatore in forza a Trento e aggiunge alti 3 punti a referto. L’Italia, in pieno controllo della gara tocca il +16, per poi arrivare all’ultimo periodo con 14 lunghezze di vantaggio, fissando il punteggio sul 58-44.

Il quarto finale è quasi una formalità, con le riserve Azzurrine che mantengono e ampliano il vantaggio conquistato nei quarti precedenti. Candi e Moretti infilano triple pesantissime, con i cechi che sbagliano tutto il possibile. La Torre stecca due conclusioni consecutive e Coach Sacripanti chiama il time out per non far perdere la concentrazione ai suoi ragazzi, pur essendo il vantaggio rassicurante. Pulpan e Pursl cercano di ridurre il distacco, ma Mussini dalla lunetta non sbaglia i due tiri liberi. Un appoggio da sotto di Pursl porta la Repubblica Ceca sul -10, con Rossato che risponde prontamente con un jumper sullo scadere dei 24. A chiudere definitivamente i giochi ci pensa Rossato con un bel tiro in sospensione, firmando la vittoria Azzurra per 81-66

MVP Basketinside.com: Diego Flaccadori (17 punti, 4 rimbalzi, 4 assist)

Italia: Mussini 10, Candi 9, Rossato 6, Mastellari 5, Lupusor 3, La Torre 2, Moretti 10, Flaccadori 17, Totè 7, Donzelli 0, Severini 12, Guariglia 0.

Rep. Ceca: Mares 4, Dragoun 2, Potocek 0, Pulpan 9, Klimek 1, Svoboda 12, Sehnal NE, Kroutil 12, Chaloupka 10, Jokl 1, Roub 0, Pursl 15.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy