U20M- Pianella in delirio, Cantù batte Venezia ed è campione d’Italia

Sospinto da un Pianella sold out, la squadra di Visciglia sfodera una prestazione fantastica e diventa campione d’Italia trascinata da Ruben Zugno.

Cantù è campione d’Italia Under 20. La squadra di Visciglia s’impone nettamente contro Venezia, vincendo 74 57, trascinata da un Ruben Zugno monumentale: per il play canturino sono 21 punti a referto, con 10 rimbalzi e 7 assist per un mostruoso 36 di valutazione. Alla Reyer non bastano i 17 punti di Visconti.

Cantù: Zugno-Cesana-Siberna-Freri-Nwohuocha

Venezia: Antelli-Visconti- Ambrosin- Totè- Simioni

ZUGNO ON FIRE, CANTU’ AL COMANDO- C’è il sold out della Mapooro Arena a far da contorno alla finale tra Cantù e Venezia, valida per il titolo nazionale Under 20. La Reyer comincia alla grande, con Visconti e Ambrosin a scrivere lo 0-4 iniziale. Cantù si sblocca con Zugno, poi salgono in cattedra Siberna e Cesana, concretizzando il sorpasso sul 7-4. E’ però il playmaker canturino il vero protagonista in campo: due triple di fila infiammano il pubblico canturino, toccando quota 10 sul tabellino personale, con Cantù che vola sul 15-6 obbligando Buffo al timeout immediato. Al rientro è una bomba di Siberna a portare in doppia cifra lo scarto, mentre Venezia prova a ricucire con Totè. La Jumbo Collection è però in controllo e con i due punti di Freri, archivia il primo periodo avanti 22-10. Simioni apre la contesa nel secondo quarto con un comodo appoggio da sotto, ma è con una tripla di Bolpin che gli ospiti tornano a contatto sul meno sette. Visciglia pesca così le mosse vincenti dalla panchina, con Cantù che trova cinque punti di fila con Ukaegbu e Baparapè. Bolpin colpisce nuovamente dai 6.75, ma Zugno prima e Cesana poi rimettono dodici punti di margine (20-32), costringendo gli oro granata al minuto di sospensione. Visconti e Bolpin ricuciono il passivo, ma la Jumbo Collection con Siberna mantiene la doppia cifra di vantaggio, sul 39-29.

CANTU’ CAMPIONE D’ITALIA-Dopo l’intervallo è ancora Cantù a partire forte: canestro di Siberna, bomba di Freri ed è 44-32. Venezia replica con Visconti, ma Zugno scrive quattordici sotto la voce punti personali. E’ lo stesso play in maglia numero sei a ripetersi poco dopo, insaccando il 48-34. Botta e risposta tra Visconti e Nwohuocha, ma l’inerzia è completamente in mano ai ragazzi di Visciglia e complice un contatto tra Visconti e Zugno non sanzionato, si alzano ancora più forti i decibel di tifo sugli spalti. La squadra di casa amministra e con il canestro di Freri a fil di sirena, è 54-40 dopo trenta minuti. Nell’ultima frazione Visconti prova a suonare la caricare per i propri compagni, ma Siberna replica con un bel canestro per il 59-44. Visconti riporta i lagunari a meno dodici, ma Cesana risponde dall’arco per il 66-51 a 3’30’’ dal termine. Sono le prove di game over, che arrivano dopo il timeout di Buffo, con Cesare Zugno e la tripla di Siberna che scrivono il game set and match sulla gara. Cantù trionfa 74-57.

MVP BASKETINSIDE.COM: Zugno

MIGLIOR COACH DELLA MANIFESTAZIONE: Visciglia (Cantù)

QUINTETTO IDEALE: Zugno-Pollone-Radonjic-Visconti-Totè

JUMBO COLLECTION CANTU’ 74 REYER VENEZIA 57

Venezia: Visconti 17, Antelli 7, Ambrosin 2, Bergamo ne, Criconia, Totè 6, Bolpin 9, Simioni 11, Cantoni ne, Ndoye ne, Pettenò 5, Groppi. All Buffo

Cantù: Tremolada, C.Zugno 2, Castelli, Fioravanti, Siberna 17, Zugno 21, Baparapè, Ukaegbu 6, Cesana 15, Freri 9, Nwohuocha 2, Bugatti. All: Visciglia

VISUALIZZA LA GALLERY DELLA PARTITA A CURA DI BETTA CESANA

VISUALIZZA LA GALLERY DELLA PREMIAZIONE A CURA DI BETTA CESANA

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy