Serie B. Taranto fa sudare Montegranaro

Serie B. Taranto fa sudare Montegranaro

Niente colpaccio ma tanto onore per Casa Euro Basket Taranto che fa sudare le proverbiali sette camicie alla Dino Bigioni Montegranaro che espugna a fatica il PalaMazzola mantenendo così la testa della classifica del girone D di Serie B Citroen.

Commenta per primo!

CASA EURO TARANTO – DINO BIGIONI MONTEGRANARO 89-97

Casa Euro Taranto: Osmatescu, Circosta 26, Malfatti 19, Orlando 25, Potì 3, Conte 2, Tinto 2, Stola, Della Torre 3, Bastoni 7. All: Putignano.

Poderosa Montegranaro: Fabi, Sanna 10, Serino 18, Gatti 6, Rossi 17, Broglia 4, Trionfo 8, Di Trani 9, Rosignoli 14, Diomede 11. All.: Steffè.

Parziali: 17-25, 47-51, 64-77

Arbitri: Marco Leggiero di Lecce e Antonio Bartolomeo di Cellino San Marco (BR).

Spettatori: 500; Uscito per fallo: Della Torre (T)

 

Niente colpaccio ma tanto onore per Casa Euro Basket Taranto che fa sudare le proverbiali sette camicie alla Dino Bigioni Montegranaro che espugna a fatica il PalaMazzola mantenendo così la testa della classifica del girone D di Serie B Citroen. Ce l’hanno messa davvero tutta i rossoblu che trascinati da Circosta, 26 punti, Orlando, 25, e Malfatti, 19, sono riusciti a restare sempre in scia alla squadra di coach Steffè andando anche in un paio di volte anche al pareggio nel secondo quarto. Ma la Poderosa aveva pure un’arma in più quel Serino che arrivato in settimana è stato subito top scorer dei suoi con 18 punti. Discorso a parte per l’arbitraggio, davvero sfortunata Taranto quando incontra sulla propria strada Leggiero, da quel derby col Martina rinviato e poi perso a tavolino quasi sempre male con il fischietto di Lecce.

Coach Putignano parte con Circosta, Malfatti, Orlando, Bastoni e Della Torre. Steffè risponde con Sanna, Rossi, Broglia, Di Trani e Rossignoli.

Sanna apre le danze, segna anche Romagnoli che comincia dominando sotto i tabelloni; Orlando risponde per le rime, poi Circosta segna il 5-6 con una tripla. Montegranaro sale in cattedra e piazza un break di 9-0 con Broglia e Rossi che alternano penetrazioni a canestri dalla media distanza. Taranto regge botta anche per le triple di Della Torre e di Orlando che riportano a contatto i rossoblu 13-15 a metà quarto ma Montegranaro gioca la carta Serino, ultimo arrivato del mercato in settimana, che segna e fa segnare: Diomede e Gatti ringraziano per il 17-25 con cui si chiude il primo quarto.

Incredibile quanto succede nel secondo quarto con Taranto capace di annullare il gap segnando da tutte le posizioni con Circosta in formato Mola a cui si unisce Potì ben assistito da Orlando. Il 31-31 lo firma Malfatti segnando, subendo il fallo e realizzando il tiro libero supplementare. Purtroppo il sogno di impattare con la capolista dura solo un attimo quello che serve a Di Trani per infilare la tripla del nuovo vantaggio ospite aumentato da Rosignoli per il 31-36 che costringe Putignano al time out al 15’. Lo stesso Rosignoli allunga a  +7 ma oltre a Circosta il Cus Jonico ha anche un buon Malfatti che segna ancora un paio di canestri tripla compresa e resta in contatto. È una sorta di ping pong, la Poderosa allunga con Rossi e Di Trani, Casa Euro risponde con un grande Bastoni che recupera e segna due volte in contropiede. Prima dell’intervallo succede ancora di tutto, prima Circosta infila una tripla in equilibrio precario per il -1 rispedito al mittente dalla preghiera a fil di sirena di Diomede che va a segno per il 47-51.

Orlando subito per il -2 uscendo dagli spogliatoi, Rossi risponde per gli ospiti. Finisce la partita di Della Torre per falli, continua quella di Orlando ma soprattutto sembra cominciare quella di Trionfo che segna due triple di fila per la Poderosa che sul 53-61 costringe Putignano ad un altro time out. È il momento che decide la partita perché Diomede infila un’altra tripla e Rosignoli completa il break per il +11 della Dino Bigioni. Taranto continua a lottare ma subisce un altro paio di fischi contrari come quello che sanziona Orlando di un tecnico e antisportivo. Serino segna dalla lunetta e nonostante un paio di canestri di Maldatti il Cus non evita di andare sotto 64-77 alle soglie dell’ultimo quarto.

Serino in fiducia segna il +15, Rossi il +16 ma Orlando non si arrende, 5 punti in fila con tanto di tripla per un Cus mai domo che col canestro di Malfatti consiglia a coach Steffè di ricorrere al time out sul 75-88 per evitare problemi che Taranto continua a dare nonostante la tripla di Gatti del +16 annullata da quella di Circosta e l’ennesimo tap in di Malfatti per l’82-94 a 3’ dalla fine. Il canestro della staffa lo mette per gli ospiti Rossi, ancora loro Malfatti, Orlando e Circosta addolciscono il ko nel finale per l’89-97. La sconfitta resta, la prestazione in ottica futura anche. Da qui bisognerà ripartire: le prossime due ultime giornate di regular season, Bisceglie fuori e Falconara in casa, decideranno il destino del Cus Jonico, tutto è ancora incerto con una classifica cortissima in zona playout.

FONTE: Ufficio Stampa Cus Jonico Basket Taranto

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy