B QF G2 – Desio frena la rimonta di Omegna, si torna al PalaBattisti

B QF G2 – Desio frena la rimonta di Omegna, si torna al PalaBattisti

Perez epico da 33 punti con 10/15 dal campo.

di La Redazione

Pallacanestro Aurora Desio – Paffoni Omegna 78-76 (15-29, 26-15, 17-19, 20-13)

Pallacanestro Aurora Desio: Daniel Perez 33 (9/12, 1/3), Xavier Brown 10 (2/3, 2/4), Carlo Fumagalli 9 (4/8, 0/4), Andrea Mazzoleni 8 (1/1, 1/1), Marco Corti 8 (3/4, 0/0), Simone Fiorito 5 (1/3, 1/2), Leonardo Malagutti 5 (2/2, 0/0), Ludovico De paoli 0 (0/4, 0/0), Simone Casati 0 (0/0, 0/0), Francesco Parma 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 19 / 25 – Rimbalzi: 30 5 + 25 (Andrea Mazzoleni 10) – Assist: 9 (Carlo Fumagalli 4)

Paffoni Omegna: Marcelo Dip 16 (7/10, 0/0), Nicolò Benedusi 14 (1/2, 3/5), Marco Torgano 14 (4/5, 2/6), Marco Arrigoni 12 (6/13, 0/3), Francesco Fratto 9 (3/7, 0/2), francesco Villa 6 (3/5, 0/2), Giovanni Bruni 5 (1/2, 0/0), Tommaso Milani 0 (0/3, 0/2), Kevin Brigato 0 (0/0, 0/0), Marco Di pizzo 0 (0/0, 0/0), Gionata Guala 0 (0/0, 0/0), Riccardo Ramenghi 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 11 / 19 – Rimbalzi: 32 15 + 17 (Marco Arrigoni 10) – Assist: 16 ( francesco Villa 5)

Non riesce a chiudere i conti in gara due la Paffoni: servirà la bella, in calendario domenica alle 18 al PalaBattisti, per stabilire chi tra Omegna e Desio raggiungerà la semifinale. Ieri sera in Brianza occasione persa per i rossoverdi, autori di un primo quarto perfetto, chiuso avanti di 13, 29-16, con una delle migliori pallacanestro della stagione. Poi, complice la serata fantascientifica dell’ex Daniel Perez, l’Aurora è rientrata, con le iniziative della sua guardia e con le triple di Fumagalli e Brown. Margine azzerato o quasi in 5′ e partita in bilico, con la squadra di Ghizzinardi avanti di 3, 41-44, all’intervallo lungo. Secondo tempo di grande equilibrio ed intensità, con le due squadre a rispondersi colpo su colpo. Ospiti ancora avanti, di 5, al 30′, ma nell’ultimo quarto una prolungata amnesia ha prodotto un 11-0 di parziale che ha consentito ai padroni di casa di mettere il naso avanti. Finale palpitante: più 7 Desio a 50” dalla fine, ultimo disperato tentativo di rimonta per la Paffoni, capace di arrivare a meno tre con Bruni in lunetta a 4” dalla fine. Il play.-guardia ha messo il primo e sbagliato appositamente il secondo: sulla lotta a rimbalzo, palla a Fratto che dall’arco ha provato, senza fortuna, il tiro della vittoria. Ultimo spunto di cronaca: in due partite ci sono stati fischiati contro tre tecnici e due antisportivi. Questa società mai ha alzato la voce, rispettando sempre la componente arbitrale. Ma se stare in silenzio significa non essere rispettati, forse è il caso di alzare la voce.

FONTE: Ufficio stampa e comunicazione Fulgor Basket Omegna

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy