B SF F8 – Cesena schiaccia Faenza, Tigers in finale

B SF F8 – Cesena schiaccia Faenza, Tigers in finale

I ragazzi di Di Lorenzo mettono il turbo nel secondo quarto, decisivi Brkic sotto e la duttilità di De Fabritiis. Non pervenuto Venucci in casa Rekico, dove si paga anche la giornata in calo di Sgobba e l’infortunio di Costanzelli nel pitturato.

di Davide Uccella

I Tigers di coach Di Lorenzo conquistano il pass per l’ultimo atto delle Final Eight di Serie B. L’Amadori mette il turbo nel secondo quarto, decisivi Brkic sotto e la duttilità di De Fabritiis. Non pervenuto Venucci in casa Rekico, dove si paga anche la giornata in calo di Sgobba e l’infortunio di Costanzelli nel pitturato.

AMADORI TIGERS CESENA – REKICO FAENZA 75-50

PARZIALI: 15-13; 36-25; 55-40

CESENA: Ferraro 5, Dagnello 8, Trapani 4, Rossi, Battisti 9, Papa 2, De Fabritiis 16, Raschi 8, Poggi, Sacchettini 11, Brkic 12. All.: Di Lorenzo.

FAENZA: Fumagalli 8, Costanzelli, Silimbani, Casagrande 7, Venucci 2, Zampa 10, Petrucci 12, Pambianco ne, Chiappelli 5, Sgobba 6, Petrini ne. All.: Friso.

ARBITRI: SANTILLI di RECANATI (MC) e BARTOLINI di FANO (PU)

Starting five fuori script di Cesena con Battisti, De Fabritiis, Dagnello, Papa e Sacchettini. Faenza invece schiera Venucci, Zampa, Petrucci, Sgobba e Costanzelli. Bassi ritmi, zero transizioni, l’unica di Battisti che firma i primi quattro punti dell’Amadori. A fargli da controcanto c’è Sgobba sotto le plance, sopperendo per ora all’infortunio di Costanzelli e al pessimo impatto di Venucci controllato da De Fabritiis. Ancora botta e risposta nel pitturato tra Papa e Chiappelli, per l’8-8 a 3’21”, dalla prima girandola di cambi Faenza si giova della buona regia di Fumagalli, Casagrande mostra buona duttilità offensiva, ma quando Trapani prende le chiavi del quintetto, Brkic cambia Sacchettini e Raschi rileva Dagnello i Tigers mettono il naso avanti e chiudono avanti il primo quarto (15-13).

Con Petrucci in tear-drop e Fumagalli in transizione sembra resistere il testa a testa, ma dopo la nuova parità di Sgobba (19-19), ecco il 17-3 Tigers con Sacchettini in grande spolvero nonostante i tre falli, Trapani che ruba palla e deposita, un De Fabritiis sempre sul pezzo in difesa e letale dall’arco. Sempre dai 6.75 Chiappelli mette una pezza, ma alla pausa lunga è 36-25 per la Amadori.

Al rientro Fumagalli, Petrucci, Venucci, Chiappelli e Sgobba in casa Rekico, Cesena sul parquet con Battisti, De Fabritiis, Raschi, Ferraro e Brkic. Una nuova folata del veterano di casa Amadori tiene a distanza Faenza, che paga uno Sgobba meno lucido (41-27 a 7’45” dall’ultima pausa). Si rivede Venucci in penetrazione, ma la Rekico ripiomba a -18 sotto le bombe di Fabrittis (49-31 a 4’03”). Petrucci, che aperto la ripresa con un jumper dei suoi, ribatte dai 6.75 quindi va fino in fondo e non molla. Ma l’apporto di Fumagalli e Chiappelli lascia ancora a desiderare, come ancora Cesena crivella dall’arco con Dagnello e resta a +14. I cambi di Sacchettini, Trapani e Raschi tengono alta l’asticella, con la forza della disperazione Casagrande si procura i liberi del -15 di fine terzo quarto (55-40).

Il 2+1 di Sacchettini che apre l’ultimo parziale sembra mettere una pietra tombale sul match, che a 7’27” dalla fine vede proprio il n.18 uscire di scena con il quinto personale. Una bomba di Dagnello ritocca ancora il massimo vantaggio Tigers (61-40), Faenza che non trova più armi e stimoli contro la buona zona cesenate. Punti per tutti in casa nero-arancio: anche per Ferraro, mentre a 5’39” è Battisti a iscriversi alla fiera delle triple, ben 8 su 20 di squadra (66-40). Solo il cuore di Zampa risponde alla caldissima Curva Est faentina, mentre con la schiacciata sfascia-struttura di Brkic Cesena inaugura ufficialmente il garbage-time. Breve pausa per sistemare alla meglio il canestro del PalaSavelli, puntualmente crivellato da De Fabritiis. 75-50 il finale in favore dei Tigers.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy