B SF G2 – Napoli aggredisce e resiste portando a casa gara 2. La serie si sposta a Cassino

B SF G2 – Napoli aggredisce e resiste portando a casa gara 2. La serie si sposta a Cassino

Pronto riscatto per Napoli che pareggia la serie.

Commenta per primo!

Il Cuore Napoli Basket si riscatta tra le mura amiche e, in un Palabarbuto ribollente di entusiasmo, vince gara 2 imprimendo fin da subito un gran ritmo al match. Sin dal primo quarto i ragazzi di coach Ponticiello hanno mostrato grande aggressività con un’inarrestabile Visnjic sotto le plance.  Grandissima prova dei comprimari, da  Murolo, il “ soldatino” azzurro, che con una grande difesa e due triple di fondamentale importanza ha dato un grossissimo contributo alla causa azzurra, alla guardia Marzaioli, stasera in doppia cifra con 10 pt realizzati e lontano parente del giocatore di gara 1.

Napoli ha toccato addirittura il più 25 di vantaggio (60-35) a inizio terzo quarto ed è riuscita a contenere il ritorno di Cassino trascinata da un superlativo Birindelli , 23 pt per lui alla fine. I partenopei, nonostante le continue intimidazioni degli avversari e il loro gioco duro che ha causato una brutta ferita alla testa alla guardia azzurra Barsanti, sono riusciti a chiudere vittoriosi il match con il punteggio finale di 85-78. Uno a uno nella serie, appuntamento a Cassino fissato per venerdi 19 Maggio alle ore 20.30.

Generazione Vincente Cuore Napoli – BPC Virtus Cassino 69-72

Generazione Vincente Cuore Napoli Basket: Mastroianni 15, Maggio 6, Visnjc 16, Nikolic 17, Murolo 9 Barsanti 9, Marzaioli 10, Matrone 3

BPC Virtus Cassino: Birindelli 25, Petrucci 15, Del Testa 7, Panzini 9, Quartuccio 5, Sergio 9, Bagnoli 13

Parziali: 27-16; 23-13;17-24;18-25.

Primo quarto: Starting five di Napoli: Maggio, Barsanti, Mastroianni, Nikolic, Vjisnic. Starting five di Cassino: Petrucci, Sergio, Bagnoli, Del Testa, Panzini.

Possesso Cassino con Bagnoli che attacca subito Visnjic dal post costringendo il serbo al fallo. 2-0 Napoli con l’appoggio al ferro di Visnjic. Errore di Bagnoli con il piazzato e Napoli torna in attacco ma Maggio fallisce la sospensione in allontanamento. Ancora errore di Cassino e Barsanti punisce i laziali da 3. 5-0 Napoli ma risponde subito Del Testa per i primi 3 punti di Cassino.  Rimbalzo d’attacco e canestro di Mastroianni.  Ancora Mastroianni in entrata per il 9-5 Napoli. Primo fallo di Maggio che manda in lunetta Sergio che fa due su due. Cassino sbaglia due triple consecutive con Del Testa e Petrucci e Panzini commette il secondo fallo ed è richiamato in panchina. Tripla di Visnjc per il 12-7 Napoli. Fallo in attacco di Sergio, anche per lui secondo fallo. Tripla di Mastroianni  e fallo di Bagnoli con Cassino che raggiunge il bonus e manda in lunetta Visnjc che fa due su due e fa volare Napoli sul più 10. Ancora errore di Bagnoli e Napoli in contropiede punisce con Mastroianni per un clamoroso 19-7 a 3:53 dalla fine del primo quarto, costringendo la panchina laziale al time out. Cassino rientra dal time out con Marsili per Bagnoli.  Cassino surclassata di falli e ancora Visnjic in lunetta con un due su due. 21-7. Birindelli blocca l’emorragia laziale con l’entrata del meno 12 ma ancora un fallo subito da Visnjic porta il lungo serbo in lunetta che continua con le sue percentuali inarrestabili dalla lunetta. Bagnoli in lunetta accorcia il passivo a meno 10. Ancora Bagnoli ch attacca Matrone e realizza ma Napoli risponde con il piazzato di Marzaioli. Marzaioli allo scadere, recuperando una palla vacante da un tiro sporcato di barsanti, fissa con una magata il risultato sul 27-16.

Secondo quarto. Napoli apre ancora con un ottimo Marzaioli da sotto, Del Testa sbaglia la tripla e Matrone cancella Bagnoli sotto canestro con una stoppata che è lo specchio di una Napoli molto aggressiva  e con un’altra faccia stasera. Entrata di Murolo per il 31-18. Bagnoli accorcia con il piazzato. Fallo di Petrucci sul consegnato a Marzaioli e rimessa Napoli. Tripla di Murolo per il 34-20 che batte la zona di Cassino. Petrucci sbaglia la tripla aperta da 3 e Bagnoli commette fallo tecnico di frustrazione mandando in lunetta Maggio che mette il libero. Possesso  Napoli con Mastroianni che sbaglia la tripla ma ottima difesa di matrone sull’altro lato del campo che costringe Birindelli all’infrazione di passi e il coach laziale al minuto di sospensione. Si riprende sul 35-20 a 5:20 dal termine del secondo quarto e con Petrucci che trova due punti in penetrazione. Grandissima penetrazione con canestro in rovesciata di Marzaioli e fallo in attacco di Sergio, terzo fallo per lui. Ancora una tripla di Murolo per il 40-22 Napoli. Parzialino Cassino 6-0 con Bagnoli e Birindelli che costringe coach Ponticiello a chiamare il suo primo time out della gara a 2.33 dal termine del secondo quarto. Palla recuperata di Visnjc che lancia in contropiede Barsanti per il 42-28 Napoli.  Terzo fallo di Bagnoli richiamato in panchina per far spazio a Marsili. Tripla di Nikolic per il 45- 28 Napoli. Fallo di Del Testa che manda Barsanti in lunetta che mette entrambi in liberi per il 47-28 Napoli.  Ancora un errore dall’arco per Cassino con matrone che subisce fallo a rimbalzo e va in lunetta  e con ½ porta a Napoli al max vantaggio. Del Testa in lunetta dopo il secondo fallo di Rappoccio fa uno su due e Napoli con l’ultimo possesso del quarto ha l’opportunità di incrementare ulteriormente il vantaggio. Nikolic con l’entrata costringe Birindelli al suo secondo fallo e va in lunetta fissando il punteggio sul 50-29 del secondo quarto. Top scorer Visnjic a quota 11 per gli azzurri, altrettanti per Bagnoli sponda Cassino.

Terzo quarto.  Possesso Cassino con Del Testa che capitalizza lo splendido assist di Birindelli. Terzo fallo di Del Testa e tripla di Mastroianni per il 53-31 Napoli.  Tripla di Visnjc per il 56-33 Napoli e piazzato di Nikolic per il più 25 Napoli.  Entrata di nikolic on fire che risponde a Birindelli. Petrucci da 3 per il 60-38 ma Mstroianni raccoglie l’assist di capitan Maggio per il 62-38 Napoli. Ancora una tripla di Petrucci cui segue una tripla di Sergio che riporta  i laziali a meno 18.  Piazzato di Panzini che costringe coach Ponticiello a chiamare time out. Napoli esce dal time out male con la palla persa di Visnjc. Fallo in attacco di marsili  e palla recuperata da Napoli con Barsanti che fallisce la tripla da 9 mt. Ribaltamento di fronte dopo l’errore di Sergio e Murolo subisce un preziosissimo fallo sul tiro da tre e fa uno su tre dalla linea della carità. Terzo fallo di Barsanti che manda in lunetta Sergio con due su due.  Terribile fallo su Barsanti costretto a lasciare il campo sanguinante al volto colpito da una gomitata di Sergio  sanzionata con il fallo tecnico dagli arbitri. Il pubblico del PalaBarbuto è inviperito, diversi minuti di pausa per togliere le tracce di sangue finite sul parquet. Marzaioli dai liberi fa due su due e Matrone sul possesso costringe Del Testa a commettere il suo quarto fallo e Napoli torna a più 19. 67-48. Tripla di Birindelli allo scadere che riduce le distanze e porta Cassino alla chiusura del quarto a meno 14, 67-53.

Quarto quarto. Ancora Birindelli per il 67-56. Cassino in rimonta . Birindelli on fire e Cassino a meno 9. Tripla di Maggio che rilancia Napoli a più 12 e Nikolic completa l’opera con l’entrata in sottomano per il più 14, 72-58 Napoli. Quarto fallo di Bagnoli su ottima difesa di Mastroianni. Quinto fallo di Bagnoli su Marzaioli sanzionato antisportivo. Maggio mette il libero del 73-58. Panzini con il piazzato per il meno 13 mentre a 5:48 dal termine, dopo la grande paura rientra Barsanti. Quinto fallo di Marsili e quarto di squadra per Cassino e Nikolic dall’angolo punisce per il 75-60 ma Birindelli non vuole abdicare  e ricuce a meno 10. Nikolic ancora ricaccia via Cassino. Mastroianni con uno su due per il più 11 Napoli. Gran rimbalzo dell’airone Mastroianni ma Barsanti fa 0/2 in lunetta. Petrucci sbaglia la tripla  ma si riscatta con la penetrazione del meno 9 Cassino che costringe coach Ponticiello al minuto di sospensione sul punteggio di 78-69. Marzaioli sbaglia e Sergio riavvicina ancora i laziali a meno 7 ma Visnjc mette il lay up del più 9 ricacciando via i fantasmi laziali a un minuto dalla fine. Panzini con la penetrazione del meno 7, ancora Nikolic con la penetrazione del più 9 ma risponde Petrucci con un’incredibile tripla in transizione da 8 mt di Petrucci. Due su due di Barsanti dalla lunetta.  Sbaglia l’ultima tripla Petrucci e Napoli vince 85-78. Adesso la serie si sposta a Cassino e bisognerà vincerne almeno una per continuare a sognare.

LA SALA STAMPA (A cura di Davide Uccella)

Ciccio Ponticiello (Coach Cuore Napoli Basket): “E’ stato molto importante capire i perchè della timidezza di domenica. Vero che una passività del genere l’hanno mostrata anche squadre come Milano, Virtus Bologna, Biella o Bisceglie, ma fino alla vittoria di stasera non avrei potuto dirlo. A monte c’è comunque un dato oggettivo: siamo una squadra in cui esperienza specifica da quintetto in questo campionato ne hanno pochissimi, e l’hanno costruita in maniera encomiabile già da ottobre. Esperienza da playoff con ruoli da protagonisti ne hanno in pochissimi in questo roster, e se c’era un dazio da pagare credo che l’abbiamo pagato. Io ho chiesto di giocare senza nessuna paura e credo che sulla nostra prestazione abbi influito la consapevolezza che avevamo introiettato ansia e pressione senza averla messa in campo nel corso di Gara 1. Si è visto benissimo quanto il dispostivo adoperato da Cassino, che mirava a farci giocare sotto ritmo con situazioni di tiro forzato, non abbia funzionato. La pressione difensiva è tornata ai nostri livelli, specie nel primo tempo. Ci siamo costruiti situazioni in campo aperto, abbiamo giocato pick n’roll dinamici. Quella transizione che due giorni fa era telefonata stavolta ha avuto i giusti ritmi, credo ci sia stato un cambio di approccio radicale e completo da parte nostra. Vanno fatti comunque i complimenti a Cassino per essersela giocata sempre nonostante il parziale, facendo canestri anche forzati e anche fuori ritmo, continuando a credere nella gara. Noi però su queste cose possiamo far qualcosa in più. Ora ci concentriamo su venerdì, perché dobbiamo vincere. E non perchè valutiamo decisivo vincere in gara 3 piuttosto che in gara 4, ma perchè così come stasera siamo usciti dallo spogliatoio pensando a giocare senza un domani, tre 48 ore dobbiamo uscire dallo spogliatoio con la medesima mentalità. Se sono playoff, dobbiamo giocare con intensità e mentalità da playoff. Ci mancano due successi per vincere, ma esattamente come abbiamo preparato questa partita come fosse una gara 2 al meglio delle tre, dobbiamo giocare pensando che sia una bella. Il valore della panchina? Noi abbiamo una profondità non casuale ma indotta dal lavoro. Ogni dettaglio sia offensivo sia difensivo non è casuale. Stasera direi che il gruppo e il sistema hanno prevalso, attaccando tutti quei tiri che non sentivamo da situazioni di hand-off o evitando penentrazioni fuori ritmo. Il pubblico? Io ricordo l’ex allenatore del Napoli Renzo Ulivieri che nei tempi bui del calcio Napoli disse: “Se il Napoli è in B è perché la società e il pubblico sono da B”. Io ribalterei completamente lo schema: “La squadra è in B, ma la società ha una voglia di A, e il pubblico ha un calore, una partecipazione che merita una A di vertice. Napoli è Napoli, è il mantra che sto ripetendo da settembre alla voce Napoli calling. Questo pubblico è da vertice, lo ripeto, ed è un delitto per il basket nazionale e internazionale che sia costretto alla B”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy