B SF G3 – Ghersetti domina e Bergamo sale 2-1, Orzinuovi all’angolo

B SF G3 – Ghersetti domina e Bergamo sale 2-1, Orzinuovi all’angolo

Al 40′ il tabellone mostra l’84-72 finale, che consegna gara 3 alla Co.Mark Bergamo. ora a un passo dall’accesso alle finali playoff del Girone B di Serie B.

Commenta per primo!

Di Manuel Caldarese

Co.Mark Bergamo 84 – 72 Gagà Milano Orzibasket

Co.Mark Bergamo: Planezio 2, Bloise, Mercante 11, Panni 13, Milani 9, Scanzi 11, Chiarello 4, Saletti, Pullazi 10, Ghersetti 24.

Gagà Milano Orzibasket: Motta, Mazzucchelli, Valenti 16, Perego 1, Genovese 11, Chiacig 4, Cantone 8, Bona 17, Ruggiero 12, Tessitore 3.

La serie è sull’1-1, ma non è un nulla di fatto per i bergamaschi, che per questa gara e la prossima possono contare sul vantaggio del campo amico di via dello Statuto. Orzinuovi, dal canto suo, non ha paura ed è decisa a giocarsela fino in fondo. All’Italcementi inizia tutto secondo le previsioni, con le due squadre che entrano aggressive e corrono dai primi istanti con tutto quello hanno. Ruggiero ci mette neanche tre secondi a segnare i primi due punti, poi Planezio e Valenti ne fanno uno ciascuno e tutto ciò in 43 secondi di gioco. Il ritmo rimane alle stelle e soprattutto un Ghersetti formato serie A costringerà Furlani al primo timeout all’8, dopo aver fatto canestro con fallo, sul punteggio già altissimo di 19-15. Al rientro non lo scossone non arriva ancora. Ghersetti completa il gioco da tre punti, Pullazi fa subito un altro canestro e a rispondere c’è solo un 1/2 dai liberi di Valenti. La gagà non muore, ma non accorcia mai. Si arriva al 9′, Milani segna, risponde Genovese, ma è lo stesso Milani a infilare subito dopo la tripla del +9 (27-18). A 35” dalla fine Ruggiero la imbusta anche lui da tre, poi il canestro dell’ex Chiarello, seguito dalla tripla di Tex Bomb Tessitore fissano il risultato sul 29-24 alla prima sirena. I secondi 10 minuti iniziano con le stesse premesse del primo quarto, se non che le difese si sono decisamente alzate e le squadre faticano a segnare. A parte la tripla iniziale di Mercante seguito dal 2/2 in lunetta di Ruggiero, bisognerà aspettare il 12′ inoltrato per vedere un altro canestro. Segna ancora Ruggiero, poi Chiacig, risponde Chiarello e poi ancora il Ghiaccione mette un canestro con fallo. Il libero non va, ma Orzinuovi è tornata in pista (34-32 al 14′). La partita prosegue in una situazione di sostanziale parità, finché è ancora Ghersetti a costringere al timeout Furlani. È il 17′ e il distacco è tornato di sei punti (42-36). Non cambierà nulla, a livello di gioco, fino al 20′, se non che i cronometri premiano Bergamo per numero di azioni, che può concludere con i due liberi di Pullazi che allungano di ulteriori due punti e fanno segnare il +8 sul tabellone (51-43). Orzinuovi parte con uno 0-6 che fa ben sperare, ma la tripla seguente di Pullazi spegne un po’ gli animi, tanto che il per il prossimo canestro il pubblico dovrà aspettare il 24′, con Ghersetti prima e la tripla di Scanzi dopo, che mettono in seria difficoltà i ragazzi di coach Furlani, che è costretto a richiamare all’ordine i suoi con un timeout (59-49). Al rientro c’è subito una palla persa per gli ospiti, che innescano il contropiede di Scanzi: prende fallo, fa 1/2 in lunetta e firma il massimo vantaggio (60-49 all’inizio del 26′). I tentativi di ripresa della Gagà arrivano, soprattutto per iniziativa di Bona, che prima mette la tripla, poi fa canestro e va anche a mettere un 2/2 in lunetta (62-56 al 27′). Mercante però si gasa, fa fallo e canestro al 28′, concludendo il gioco da tre punti, e in più Bona non riesce a trasformare il libero conseguente al tecnico fischiato a Bloise, che secondo i direttori di gara ha avuto troppo da ridire. Come se non bastasse per gli orceani, Panni va ad allungare ulteriormente con due liberi, che quando manca 1’34” alla terza sirena vogliono dire 67-56. Bona va subito a rispondere con una tripla, ma negli ultimi 60 secondi si vedono solo un canestro di Milani e il 2/2 in lunetta di Cantone. Il tabellone segna 69-61, ma soprattutto sembra che nessuno sappia più cosa inventarsi. Il quarto quarto inizia infatti con più di un minuto e mezzo di stallo. A sbloccare il risultato è il 2/2 in lunetta di Valenti, che fa arrabbiare Ghersetti e gli risponde subito all’azione seguente. Una caduta di Valenti fa temere il peggio, ma il capitano se la sente e rimane sul parquet. Fino al 34′ si vedono solo un 1/2 ai liberi per parte, prima Panni e poi Valenti, quando poi Mercante la mette da tre punti riportando i suoi sul +11 (75-64). Reazioni non se ne vedono consistenti e, da quando Scanzi fa il canestro dell’81-68 al 36′, la Gagà fa solo altri 4 punti. Le cose da scrivere rimangono poche, se non che al 40′ il tabellone mostra l’84-72 finale, che consegna gara 3 alla Co.Mark Bergamo.

Il commento a caldo di coach Furlani: «Bergamo ci ha messo subito sotto, con maggiore energia fisica e mentale. Abbiamo tentato di reagire col cuore, ma sempre in maniera altalenante, senza mai fare due cose bene di fila, che avrebbero potuto darci fiducia e un ritmo maggiore. L’inerzia della partita, in questo modo, è sempre stata in loro controllo e non è bastato il cuore che ci abbiamo messo fino alla fine. Gli ultimi cambi sono serviti per togliere minutaggio a giocatori sfiniti da una partita che è stata molto impegnativa e sfiancante.»

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy