B SF G3 – Vigevano, il cuore non basta per impedire a Orzinuovi di chiudere la serie

B SF G3 – Vigevano, il cuore non basta per impedire a Orzinuovi di chiudere la serie

La semifinale approda al Pala Basletta ma la musica, almeno nel primo tempo, non cambia con Orzinuovi che, grazie a un perfetto lavoro difensivo, tocca anche il +13 (26-39 al 19′). La Elachem Vigevano 1955, dopo un antisportivo, rischia di affondare sul 34-44 al 22′, tuttavia reagisce di orgoglio e, con un parziale di 16-0 (50-44 al 29′), pare ribaltare l’incontro. Gli orceani non mollano mai e, con un contro break di 0-12, in un quarto conclusivo di enorme tensione, scappano sul +6 (50-56 al 34′) che risulterà sufficiente per portare a casa la vitttoria sul 56-58,

di Andrew Villani

I 5 NUMERI DELLA PARTITA

0 – I tiri dal campo errati da Siberna nel primo quarto. L’ala classe 96′ è l’anima orceana dell’avvio: punisce ogni errore difensivo, confeziona una prestazione balistica perfetta (1/1 da due, 3/3 da 3 e 2/2 ai tl) ed è onnipresente con un prezioso rimbalzo offensivo catturato e, soprattutto, due rubate di superba intelligenza tattica.

6 – I punti in striscia coi quali Verri dona il primo vantaggio ducale di tutta la serie (21-18 all’11’) che  dura solo 30″ perchè Turel, prontamente, ricuce il gap dalla distanza e Orzinuovi dimostra per l’ennesima volta, come se ve ne fosse ulteriore bisogno, la propria forza mentale producendo un parziale di 3-18 che li proietta sul +12 (24-36 al 18′). In questo frangente, il faro che illumina il gioco, è Tassinari che infila pure lui 6 punti e, ancor più importante, smazza due assist di rara intelligenza che ne portano in dote altri cinque.

53 – I secondi che impiega Galmarini per commettere 3 falli nel terzo periodo. Il centro, vera spina nel fianco delle partite disputate fuori casa, viene arginato nel primo tempo e, dopo aver subito un fallaccio da Petrosino, valso un antisportivo e il +10 (34-44 al 22′), si tira fuori dal confronto e permette alla Elachem, sull’orlo del baratro, di riaccendersi. La mancanza di questo egregio collante difensivo, e il crescente clima infuocato sugli spalti, infondono fiducia ai ducali che, trascinati da un mirabolante Panzini,  danno il via a un contro parziale di 16-0 (50-44 al 28′).

9 – I rimbalzi offensivi ottenuti nel quarto periodo dalla Elachem. Sono la dimostrazione di come la banda di Piazza, pur patendo un concente 0-12 dell’Agribertocchi (50-56 al 34′), abbiano il fuoco dentro per lottare su ogni singolo possesso tuttavia, a onor del vero, anche poca lucidità, complice stanchezza e valore dell’avversario, per riuscire a convertirli in punti preziosi. Nove sono anche i minuti necessari ai gialloblu, a cavallo tra fine terzo quarto e ultimo periodo, per trovare il primo canesto su azione. Una vera enormità in un momento così cruciale.

24 – I minuti nei quali Vigevano non usufruisce di un tiro dalla linea della carità e, in una continua nervosa bagarre con con un punteggio così basso, sono un elemento negativo insormontabile.

Elachem Vigevano 1955 56 – 58 Agribertocchi Orzinuovi (15-18, 32-40, 50-48)

Elachem Vigevano 1955: Verri 16, Ferri 6, Panzini 8, Minoli , Vecerina , Petrosino 9, De Gregori, Birindelli 2, Rossi 10, Benzoni 5. Coach: Piazza
Tiri Liberi: 7/11 – Rimbalzi: 37 (21+16) – Assist: 15

Agribertocchi Orzinuovi: Tassinari 6, Labovic, Siberna 21, Varaschin 2, Turel 5, Mastroianni 8, Galmarini 7, Bianchi , Ghidotti, Pipitone 2, Pennacchio, Timperi 7. Coach: Salieri
Tiri Liberi: 18/22 – Rimbalzi: 36 (26+10) – Assist: 11

VIGEVANO NUMERI DELLA PARTITA ORZINUOVI
 16 – Verri PUNTI 21 – Siberna
9 – Verri  RIMBALZI 7 – Bianchi
4 – Panzini ASSIST 3 – Tassinari
 15 – Rossi, Verri VALUTAZIONE 27 – Siberna
16 – Rossi PLUS/MINUS 8 – Siberna
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy