Barcellona, il riscatto passa dagli ex

Barcellona, il riscatto passa dagli ex

La preview fra Basket Barcellona e Virtus Valmontone

Commenta per primo!

QUI BARCELLONA: Dopo la sanguinosa sconfitta contro Forli’, Barcellona torna fra le mura amiche affrontando Valmontone, una delle pretendenti per la vittoria del campionato e attuale capolista del girone C in compagnia di Palestrina. La partita in terra Forlivese ha lasciato l’amaro in bocca alla truppa guidata da Milan Nisic che ,dopo due quarti di ottima fattura, è crollata nel terzo quarto (33-9 il parziale) sotto i colpi dell’ex Rombaldoni. Eppure Barcellona aveva interpretato molto bene la partita nei primi due periodi mostrando un buonissimo gioco di squadra ed una difesa attenta sui terminali offensivi di Forli’. Nel terzo quarto , anche grazie ad una difesa molto più attenta specialmente su Grilli da parte di Rombaldoni, i siciliani si sono disuniti ed hanno subito in modo eccessivo la voglia di rimonta di una Forli’ apparsa fino a quel momento totalmente in balia dell’avversario. Impalpabile la partita di Rodriguez che ha chiuso la sua gara con 8 punti, un pessimo 1/10 da 2 punti ,5 perse e un – 8 di valutazione che ha pesato non poco sull’economia della partita. Meno incisivo del solito Brunetti che è passato da 19 punti di media nelle prime 4 di campionato ad appena 11,5 nelle ultime due , grazie anche a maggiori accorgimenti difensivi delle squadre avversarie. Nota positiva la prestazione di Paunovic che in 14 minuti ha messo a segno 9 punti e catturato 3 rimbalzi.

QUI VALMONTONE: Con 6 vittorie in altrettante partite, Valmontone si presenta in terra sicula cercando di mantenere imbattibilità e testa della classifica. La squadra allenata dall’orlandino Agostino Origlio , dal novembre 2015 sulla panchina Laziale, può contare su giocatori esperti e di sicura affidabilità che durante la loro carriera hanno giocato e vinto campionati da assoluti protagonisti. Lo sa bene Barcellona che sulla sua strada troverà due ex mai dimenticati quali Bisconti e Guarino, artefici della storica promozione in Legadue nella stagione 2009/2010. Sono proprio loro due i giocatori di punta di Valmontone non solo nei numeri ma nella leadership trasmessa alla squadra. Bisconti è di sicuro uno dei migliori lunghi del campionato e con i suoi 17 punti e 8 rimbalzi di media a gara  dimostra ampiamente quanto possa essere ancora decisivo. Guarino , nonosante le 37 primavere, continua ad essere un’assoluta certezza grazie alla sua esperienza e capacità di leggere il gioco. Con 12,5 punti ,4 rimbalzi e 4 assist di media, detta i ritmi di gioco di Valmontone senza mai risparmiarsi su entrambi i lati del campo. Altra conoscenza dei tifosi barcellonesi è l’italo-argentino Manuel Carrizo , ala piccola dalle grandi doti realizzative e ottimo tiratore. Classe 1980, Carizzo sta viaggiando ad 11 punti di media con il 40% da tre , ricoprendo spesso lo spot “4” tattico vista anche l’assenza di Caceres. Seconda bocca di fuoco della squadra è Antonio De Fabritiis che con i suoi 16 punti di media sta vivendo una delle sue migliori stagioni in carriera. Guardia tiratrice , De Fabritiis sta tirando con il 53% dal campo e un ottimo 50 % dalla linea dei 6.75. Fra le “sorprese” della squadra c’è sicuramente l’ala piccola classe 95 Andrea Martino, già con il coach siciliano ai tempi di Ferentino nella stagione 2014/2015. Il mancino romano sta contribuendo alla causa mettendo assieme 11,5 punti e 4 rimbalzi di media. Dalla panchina per coach Origlio si alzano i giovani del roster e cioè Reali , Di Ianni e Saletti. Il primo è il cambio naturale di Guarino e con i suoi 22 minuti di media è il più utilizzato. Fino ad ora la sua stagione parla di 7 punti e 2 assist di media. Di Ianni, classe 97 e di proprieta di Latina , è un’ala molto atletica che sta contribuendo con 2 punti e 2 rimbalzi di media in 16 di utilizzo. Prospetto interessante, sta dispuntando la sua prima vera stagione dopo essersi soltanto allenato lo scorso anno in A2 proprio con Latina. Saletti ,con 9 minuti di utilizzo, fa rifiatare Bisconti e allunga le rotazioni dei lunghi vista anche l’assenza di Caceres.

LA CHIAVE DEL MATCH: Limitare il gioco di squadra e le varie soluzioni di Valmontone sarà compito arduo per Grilli e compagni. La squadra di coach Origlio manda ben 5 giocatori in doppia cifra ogni partita e quindi riesce a trovare un protagonista diverso in ogni gara. Senza dubbio limitare Bisconti sarà comunque il primo obbiettivo per il lunghi di Barcellona. I laziali dovranno come al solito stare molto attenti alla verve offensiva di Grilli e cercare di limitare più possibile i giochi a due con Brunetti abile, come sempre, a punire le difese con i suoi tiri dalla media e da fuori.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy