Bisceglie conquista gara1 in uno splendido PalaDolmen

Bisceglie conquista gara1 in uno splendido PalaDolmen

Commenta per primo!
Gara1 di semifinale all’Ambrosia Bisceglie

Il team di Scoccimarro, sospinto da un pubblico strepitoso, piega i siciliani nel primo capitolo della serie nonostante l’assenza di Fenny Abassi (che recupererà per gara2). Grandissime prove di Gambarota (5-5 da tre) e Corral (24 punti e 18 rimbalzi)

Ambrosia Bisceglie-Palermo 77-70

Ambrosia Bisceglie: Stella 8 (2-8, 0-3), Torresi 10 (1-3, 2-5), Gambarota 18 (5-5 da tre), Caceres 12 (5-10, 0-4), Corral 24 (9-13), Cena 3 (0-4, 0-2), Smorto 2 (0-1), Galantino. N.e.: Falcone, Vitanostra. Allenatore: Pasquale Scoccimarro.
Palermo: Merletto 13 (2-6, 1-5), Cozzoli 7 (0-1, 2-6), Rizzitiello 13 (1-3, 2-6), Giovanatto 9 (2-3, 1-5), Antonelli 6 (3-8, 0-1), Dragna 10 (2-4, 2-3), Gottini 7 (3-4), Di Emidio 5 (2-6, 0-1), . N.e.: Tagliareni, Caronna. Allenatore: Gianluca Tucci.
Arbitri: Battista di Firenze, Venturini di Capannori (Lucca).
Parziali: 19-12; 33-30; 53-50.
Note: spettatori 1500. Usciti per cinque falli: Dragna, Rizzitiello, Gottini. Fallo antisportivo: Gambarota. Tiri da due: Bisceglie 17-39, Palermo 15-35. Tiri da tre: Bisceglie 7-19, Palermo 8-27. Tiri liberi: Bisceglie 22-30, Palermo 16-20. Rimbalzi: Bisceglie 45 (35+10, Corral 18), Palermo 28 (23+5, Antonelli 9). Assist: Bisceglie 15 (Stella 9), Palermo 7 (Merletto 4).

Il punto dell’1-0 l’ha messo a segno l’Ambrosia Bisceglie ma Palermo ha lottato a stretto contatto coi nerazzurri, rientrando sempre a stretto contatto col team pugliese.

Gara1, impreziosita da una fantastica cornice di pubblico sugli spalti del PalaDolmen, è stata caratterizzata dalla determinazione con cui la formazione allenata da Pasquale Scoccimarro, priva anche di Fenny Abassi (sarà in campo martedì sera per il secondo match della serie), ha cercato il successo; piegando le gambe in difesa, moltiplicando gli sforzi a rimbalzo, attaccando con raziocinio per quasi tutta la durata del confronto, limitando i passaggi a vuoto. I siciliani di coach Gianluca Tucci hanno dimostrato cinismo e prontezza di riflessi nello sfruttare qualsiasi leggerezza, anche lieve, dei padroni di casa. Bisceglie ha bisogno di comprendere che mantenere l’intensità costante, a questo punto della stagione, è indispensabile.

14-4 il parziale che ha contrassegnato il massimo scarto per l’Ambrosia. Palermo si è rifugiato subito nella zona 2-3 ma ha chiuso il primo quarto con 6-18 dal campo e cinque errori su cinque tentativi dal perimetro. Stratosferica frazione di Giovanni Gambarota: tre triple e 5 rimbalzi, 9 punti e 15 di valutazione.

La difesa (col ritorno all’individuale) ha permesso agli ospiti di ricucire il gap nel secondo periodo: la tripla del capitano di casa Mauro Torresi (24-16) non ha scalfito i siciliani, che si sono riavvicinati con due canestri pesanti di Dario Dragna, ricongiungendosi a Bisceglie con due tiri liberi dell’ex di turno Daniele Merletto (26-26 al 17°). L’Ambrosia ha cercato un altro strappo (Torresi dalla distanza per il 33-26), cui Palermo ha replicato con Giovanatto e Merletto dalla linea della carità (33-30 all’intervallo lungo). Pur tirando col 33% e cedendo 23-15 a rimbalzo i biancorossi si sono tenuti in partita, forzando Mauro Stella e compagni a 9 palle perse.

Il gioco da 4 punti di uno scatenato Giovanni Gambarota (canestro dall’arco dei 6,75 e tiro libero aggiuntivo) per il 44-39 ha messo alle corde Palermo, abbastanza lucido e paziente per rientrare un’altra volta, affiancarsi e superare i nerazzurri (47-48, poi 49-50 con Riccardo Antonelli). Sfuriata Ambrosia e controsorpasso con Caceres e Torresi.

Contatti più duri e agonismo a fiumi nel quarto parziale: di Mauro Stella lo strattone del +4 (59-55) cui gli ospiti hanno replicato con Merletto e l’unica tripla della sfida di Michele Giovanatto. Un fallo antisportivo fischiato a Gambarota ha dato a Palermo i tiri liberi del +3. Sospinti dal pubblico i nerazzurri si sono riscattati con un canestro e due tiri liberi di un Diego Corral devastante, altri due personali di Giovanni Gambarota, un altro 2-2 del centro italo-argentino e un jumper di Mauro Torresi: 10-2 e PalaDolmen in delirio. Palermo, indomabile, ha prodotto l’ultimo sforzo, risalendo fino a -1 (71-70). Ultimo giro di lancette: palla sotto per Diego Corral e +3 Bisceglie, tripla di Giovanatto sul ferro, 2-2 di Mauro Stella dalla lunetta. I siciliani, con 14 secondi da giocare, hanno provato ancora da fuori con Marcello Cozzoli: errore, rimbalzo di Enzo Cena e schiaccione di Corral a mettere il sigillo sul risultato.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy