DNB EXCLUSIVE: Legnano passa a Rimini in un gara dai due volti

DNB EXCLUSIVE: Legnano passa a Rimini in un gara dai due volti

Commenta per primo!

CON LA COLLABORAZIONE DI “AMICI DEL BASKET RIMINI”

http://www.amicidelbasketdirimini.org

Basket Rimini CRABS – LB Legnano Knights 66-78

Palle perse, alla fine ne abbiamo collezionate 21 ed hanno fatto la differenza, a parte il grande cuore che questi ragazzi mettono in campo, che è indiscutibile e che questa volta non ha sopperito ad altre mancanze, il resto resta in gran parte nascosto sotto questo macigno.

Se “loro” sono primi a punteggio pieno un motivo c’è, e stasera lo abbiamo capito. Loro sempre in scioltezza noi sempre a livello di galleggiamento per tenere il passo. In realtà quando abbiamo giocato da “grandi” sono andati in affanno più volte anche loro, ma ogni volta che la nostra tensione ha avuto un appannamento (ripetuto causa la grande fatica) ci sono scappati via come hanno voluto, onore al merito.

Per una volta siamo arrivati a -5 nel terzo quanto e per ben due volte a -4 negli ultimi 10′ ma poi la palla persa assassina ci ha regolarmente castigato.

Va detto subito che la coppia arbitrale è stata indecorosa, ma giusto per la cronaca, quando si vince lo si fa anche contro le fischiate “ostili” del resto sono arbitri di questo livello e non ti puoi aspettare di più.

Va detto anche che di fronte ad alcuni cali vistosi di alcuni dei nostri ci sono da segnalare delle piacevoli prove da parte dei nostri giovani, non sono bastate ma fanno ben sperare di allargare le rotazioni.

Via col tabellino e la statistica:

Risultato finale noi 66 loro 78 (66 sono davvero pochi)

Tiri da 2, noi 42% e loro 46%

Tiri da 3, noi 35% e loro 38%

Liberi 67% entrambi (stavolta non è colpa dei liberi)

Rimbalzi, noi 39 loro 31

Palle perse, noi 21 loro 12

Recuperate, noi 8 loro 11

I nostri individuali

Tassinari: 30:40 in campo, ma sotto tono, un po’ perso al tiro, solo 25% per 5 punti totali, fatica tanto, prende 5 rimbalzi e perde 3 palloni, non è lui.

Silvestrini: 31:58 in campo, suona sempre la carica e gli si deve parecchio del buono visto quando abbiamo tentato il recupero, non una gran percentuale al tiro (29%) ma porta a casa 11 punti dimostrando che può fare di tutto e di più, ma le 7 perse pesano tantissimo, anche se teniamo conto che i palloni passano tutti da lui. Può fare e disfare, preferisco il fare.

Hassan: 30:40 in campo, limitato dagli avversari finisce con 31% al tiro 10 punti totali, fatica tanto, 2 su 2 ai liberi, prende 3 rimbalzi e perde 3 palloni, sotto tono.

Squeo: 32:47 in campo. Nel primo quarto è ancora a Latina, poi si ricorda che è venuto qui per risollevare le sorti sue e della squadra: 60% al tiro per 14 punti totali con 2 su 2 ai liberi, prende 18 rimbalzi e perde 2 palloni, confeziona la prima doppia doppia della stagione e ci fa sperare per il futuro.

Bosio: i soli 16:06 in campo dicono già quanto non ci sia stato, 4 miseri punti e troppo presto gravato dai falli, per la prima volta l’uomo in meno anche se con 2 sole perse.

Aglio: 17:09 in campo col 50 % al tiro 2 rimbalzi, 1 recuperata e 5 punti, bella notizia dalla panchina.

Brighi: 22:43 in campo, dopo più di una prova incolore gioca bene, particolarmente da playmaker, molto ordinato anche se non preciso al tiro segna 6 punti  (1/3) di cui 4 ai liberi (4/6) prende 4 rimbalzi. Si iscrive al festival delle palle perse con 3, ma nell’insieme una buona prova senza paura di sbucciarsi ginocchia gomiti sulle palle vaganti. Ritrovato.

Marengo: 7:12 in campo senza paura, chiamato a sostituire Squeo quando aveva la testa altrove si fa trovare pronto, 5 punti col 100% (avete letto bene) al tiro piazzando una tripla in faccia al Cazzaniga che gliene aveva appena messa una da distanza siderale. Ha anche un rimbalzo e zero palle perse. Bene.

Gabellieri: 11:36 in campo così così, 35 % al tiro ma ha le polveri bagnate, non va in striscia e non si esalta, ma si sbatte in difesa prendendo 3 rimbalzi. No è bastato.

Myers (figlio): sempre in panca.

Conclusione, partita dai due volti, il primo quarto non ci ha preoccupato, di solito andiamo sotto pesantemente, ci siamo preoccupati molto nel secondo quando non abbiamo recuperato come facciamo di solito. Nei secondi 20 abbiamo mostrato i denti e fatto le cose migliori, ma la differenza è tanta, si è vista e sentita.

Meglio pensare alla prossima trasferta di sabato a Lecco, un altra bella da vincere.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy