DNB: Varese supera la neo promossa Mortara

DNB: Varese supera la neo promossa Mortara

Commenta per primo!
COELSANUS VARESE – EXPO INOX MORTARA 73-63 (19-16, 37-27, 58-46)
Coelsanus Varese: Realini 12, Piccoli 2, Santambrogio 6, Rovera F. 9, Mariani 6, Bellotti 5, Rovera M. 7, Matteucci 14, Castelletta 9, Bernasconi 2. All. Pagani
Prima uscita stagionale sotto gli occhi dei tifosi gialloblù per la nuova Robur di coach Pagani impegnata nel Memorial Parmigiani a Malnate. Avversaria di serata Mortara, formazione che prenderà parte alla nuova Dnb, ma nel girone A. Una Robur un po’ imballata – come normale che sia in questa parte dell’anno – quella del primo quarto con Mortara che scappa sul 7-12 al 6? con una tripla di Mossi. Buon impatto da parte di Castelletta, uscito dalla panchina, con punti e rimbalzi riporta sotto i suoi che sorpassano con due liberi di Matteucci 13-12 all’8?. In un secondo quarto giocato con una bassa intensità difensiva, la Coelsanus assume lentamente il controllo delle operazioni grazie ad una maggiore voglia di cercarsi in campo da parte dei gialloblù che si trovano avanti di 5 al 18?: 32-27. Il maggiore tonnellaggio dentro l’area dei varesini si fa sentire e la Robur avanza sino al 37-27 del 20? con canestro a fil di sirena di Bernasconi su assist di Matteucci. L’assetto “vecchio stile” con Martino Rovera da 4 e Matteucci da pivot continua a pagare dividendi con la Coelsanus che scappa sul 52-36 del 25? lucrando sul fallo tecnico per proteste sanzionato a Del Sorbo che abbandona, così, anzitempo la gara. Robur che controlla e dà sfoggio anche di una discreta forma fisica: 67-53 al 35?. L’infrazione di 24” di Mortara a 100” dal termine è il segnale che consegna alla Coelsanus il secondo Memorial Parmigiani e alcune certezze in più nella costruzione del progetto di Pagani: una buona solidità difensiva, qualche sprazzo di luce in più in attacco e la capacità della vecchia guardia di serrare le fila quando necessario.
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy