F8 B QF – Omegna parte col piede giusto, battuta Pescara

F8 B QF – Omegna parte col piede giusto, battuta Pescara

Nel primo quarto di finale equilibrio per tre periodi poi grande finale di Omegna che si impone per 67-51.

di Simone Franco

E’ la Fulgor Omegna la prima semifinalista della Coppa Italia di Serie B Old Wild West. La capolista del girone A ha sofferto a lungo contro Pescara ma nell’ultimo quarto ha fatto valere il maggior tasso tecnico ed anche le più ampie rotazioni andandosi ad imporre con un distacco troppo pesante per una Amatori che, dal canto suo, ha fatto vedere a larghi tratti un’ottima pallacanestro prima di crollare nel finale.
CRONACA – Omegna parte con Dip, Villa, Torgano, Arrigoni e Benedusi mentre Pescara schiera inizialmente Drigo, Bedetti, Caverni, Capitanelli e Leonzio. La partita comincia decisamente meglio per gli abruzzesi con la tripla dall’angolo di Caverni e un bel canestro di Drigo per il 5-0. Omegna reagisce subito dopo qualche errore iniziale al tiro ma Pescara gioca meglio i propri possessi offensivi sfruttando l’ottima mano dalla grande distanza di Leonzio che porta i suoi sul +7 (11-18) prima di uscire avendo commesso il secondo fallo. Torgano e Fratto con due giochi da tre punti ricuciscono lo svantaggio e si va al primo intervallo sul 17-20.
L’avvio di secondo periodo ha un grande protagonista ovvero sia Capitanelli che, con due triple, lancia Pescara al massimo vantaggio (17-25) prima di una serie di palle perse che rende non bellissima la gara. Gli uomini allenati da coach Rajola continuano però a macinare un gioco in attacco molto fluido, a tratti spettacolare e si portano sul +10 (25-35) al 16′ con Caverni protagonista costringendo al time out Ghizzinardi, ovviamente molto scontento per l’atteggiamento stranamente passivo dei suoi in difesa. Alla ripresa del gioco cambia totalmente il registro della gara con Omegna che inizia a difendere trovando continuità anche dall’altro lato del campo e, con un parziale di 13-2, riesce a portarsi avanti all’intervallo lungo sul 38-37 sfruttando anche gli errori dalla lunetta di Pescara.
Il terzo quarto comincia con molti errori al tiro da entrambe le parti ed una tensione che sale notevolmente rendendo molto incerta ed avvincente la partita. Le due squadre non si risparmiano con il tabellone che al 25′ indica 45-44 per Omegna prima di una tripla di Torgano per il massimo vantaggio sul +4. Sale l’intensità ma si segna pochissimo e risulta fondamentale quindi la pessima giornata dalla lunetta per Pescara che chiude il periodo sul -5 (50-45) con appena 3 tiri liberi realizzati in totale a fronte di 11 errori.
Gli ultimi dieci minuti si aprono con la difesa a zona degli abruzzesi subito punita da una tripla fortunosa di tabella di Villa che non è altro che il preludio di un netto allungo di Omegna che si porta addirittura sul +18 (63-45) a 7′ dalla fine. Pescara cerca di reagire ma non ha più le forze e la gara si chiude così sul 67-51.

Paffoni Omegna – Amatori Basket Pescara 67-51 (17-20, 21-17, 12-8, 17-6)
Paffoni Omegna: Francesco Fratto 15 (7/12, 0/1), Marco Torgano 12 (0/0, 4/8), francesco Villa 11 (1/3, 3/5), Marco Arrigoni 10 (4/8, 0/3), Marcelo Dip 6 (2/4, 0/0), Nicolò Benedusi 5 (1/3, 1/2), Alex Simoncelli 4 (0/2, 1/5), Giovanni Bruni 2 (1/2, 0/4), Marco Di pizzo 2 (1/1, 0/0), Kevin Brigato 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 6 / 8 – Rimbalzi: 35 7 + 28 (Marco Arrigoni 13) – Assist: 13 (Giovanni Bruni 5)
Amatori Basket Pescara: Andrea Capitanelli 14 (4/8, 2/4), Michele Caverni 13 (2/6, 3/4), Ennio Leonzio 11 (1/3, 3/5), Mathias Drigo 6 (2/5, 0/3), Dario Masciarelli 5 (2/4, 0/4), Luca Bedetti 2 (1/3, 0/1), Luca D’eustachio 0 (0/0, 0/0), Francesco Di giorgio 0 (0/0, 0/0), Alessandro Boscherini 0 (0/0, 0/0), Matteo Pagliaroli 0 (0/0, 0/0), Marko Mlinar 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 3 / 16 – Rimbalzi: 31 3 + 28 (Andrea CapitanelliMathias Drigo 7) – Assist: 7 (Dario Masciarelli 3)
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy