Fortitudo: giovedì al via la serie finale. Genovese ci parla della partita da avversario

Fortitudo: giovedì al via la serie finale. Genovese ci parla della partita da avversario

Commenta per primo!

Dopo questa pausa decisamente troppo lunga si torna “a Palazzo”, per gara 1 di finale del girone B.
I ragazzi di Boniciolli ospiteranno l’ennesima lombarda di questi playoff: la Contadi Castaldi Montichiari che, come la Fortitudo, arriva da un percorso netto in questi playoff (2-0 e 3-0).

Coach Cadeo dispone di una rosa non esageratamente lunga ma di grande qualità per la categoria, con molti volti conosciuti qui a Bologna. Tra questi: Salvatore Genovese, che rievoca i ricordi dorati di quella serie finale contro Forlì del 2010 culminata come tutti sappiamo, grande duttilità e ottimo tiro dalla distanza; Mattia De Ruvo, reduce da una metà stagione non esaltante nella Fortitudo di coach Tinti; Simone Bonfiglio, guardia di 181 cm con tiro mortifero dalla linea dei tre punti, bolognese d.o.c. ma che non ha mai giocato da queste parti; infine Stevan Stojkov e Riccardo Perego, entrambi ex Gira Ozzano dei vari Ranuzzi, Barbieri, Esposito ecc. che tanto fece bene nelle annate 2009 e 2010. Il primo, scuola Virtus classe ’89, playmaker vecchio stampo con grande visione di gioco, il secondo classe ’81 è un’ala grande con ottimi fondamentali che può giocare anche da 5 e aprirsi per tirare da tre, vero fattore per la categoria. Oltre a questi citati, c’è Roberto Cazzaniga, classe ’78, centro molto dotato tecnicamente e anche alto (207 cm), con un trascorso in serie A tra Varese e Cremona, e Denis Marconato, che non ha bisogno di presentazioni.

In stagione regolare lo score è di 1-1, 78-67 all’andata per Montichiari e 76-71 per Bologna al ritorno.

 

A due giorni dal match abbiamo scambiato due parole con l’ex della partita Salvatore Genovese, che ringraziamo. Queste le sue parole:

-Innanzitutto ben ritrovato.  ‘Grazie mille, è un piacere.’

-Stiamo entrando nelle fasi calde della stagione, tralasciando il percorso netto avuto finora, come arrivate a questa serie?  ‘Arriviamo sicuramente bene, finalmente disponiamo della rosa al completo. Sinceramente avrei preferito giocare un po’ prima, questa pausa può averci smorzato l’entusiasmo, ma penso che valga anche per loro. Certo, la Fortitudo ha l’eventuale “bella” in casa e il fattore Paladozza, che non è cosa da poco, ma sul piano tecnico tattico non ci sentiamo inferiori.’

-Nei playoff state tenendo gli avversari mediamente sotto i 60 punti (59.6), così come la Fortitudo. Qual è la chiave per portarne a casa 3 su 5?  ‘Mi ricordo la partita di ritorno qui al Paladozza, già quella fu una partita molto fisica e “sporca”, con punteggi bassi e percentuali cattive, di sicuro la serie si giocherà su quella falsa riga. Secondo me tutte le partite saranno punto a punto o quasi, le decideranno quindi le singole occasioni e gli episodi. Non è comunque un caso che le due migliori difese del campionato siano arrivate in fondo…’

-Vista l’avversaria, pensi sarebbe stata meglio una partita secca come quelle che si giocheranno a Forlì rispetto ad una serie al meglio delle 5?  ‘Guarda, partiamo dal fatto che per me quella che si giocherà a Forlì è una sciocchezza, visto che si rischia di mandare all’aria un’intera stagione per una partita che, parliamoci chiaro, non serve a nulla viste le possibilità di ripescaggio molto alte.
Detto questo, penso che una sfida con una squadra e un tifo come quello della Fortitudo, per un giocatore, sia bello giocarsela in una serie. A prescindere di come andrà a finire sono certo che sarà una serie intensa ed emozionante; per me poi lo sarà in modo particolare, visto l’affetto che provo e che sento contraccambiato per questi colori. Colgo l’occasione per ringraziare i ragazzi della Fossa per farmi sentire sempre ben voluto da queste parti, con loro ho vissuto momenti indelebili.’

-Credo di aver capito a cosa ti riferisci e restando sul tema ti pongo questa domanda: com’è giocarsi contro la tua ex squadra l’accesso a quel Palafiera che ti ha regalato quelle emozioni nel 2010?  ‘Eh già, sono coincidenze che sembrano fatte apposta. Per assurdo sono desolato a pensare che una delle due squadre non potrà andarci, l’unica cosa che mi auguro è quella di re-incontrarci l’anno prossimo in Legadue.’

-Lo si spera. Per ora ti ringraziamo Salvatore, a giovedì.  ‘Grazie a voi, un saluto a tutti gli amici di Bologna e ai lettori di Basketinside.’

 

Detto ciò, appuntamento a giovedì, ore 20.30 al PalaDozza per Fortitudo Eternedile-Contadi Castaldi Montichiari. La partita sarà trasmessa in diretta su Radio Nettuno e Nettuno Tv (canale 99 DT o streaming).

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy