L’Apu Gsa domina il match e si porta a casa il “Basket Doc”

L’Apu Gsa domina il match e si porta a casa il “Basket Doc”

Riccardo Truccolo

In occasione del decimo torneo “Basket Doc”, l’Apu Gsa Udine è scesa in campo contro Zagabria, squadra militante nel campionato di A1 croato e terza formazione della capitale dopo il Cibona e il Cedevita. L’incontro amichevole è finito con la vittoria dei friulani per 107-67 dopo un match dominato dal primo all’ultimo secondo che non ha lasciato spazio a nessuna possibilità di recupero da parte della formazione ospite.

Partenza lampo per l’Apu Gsa, subito in vantaggio dopo un parziale di 8-0. Il primo canestro croato arriva solo dopo due minuti e mezzo dall’inizio del match. A 6’25 l’ennesimo canestro di Pinton dalla lunga distanza costringe coach Jusup a chiamare il primo time out, sul 10-2, per riorganizzare la difesa. Ma questa sera non c’è storia: Udine dopo cinque minuti è già avanti di 20. La reazione, seppur debole, della squadra ospite si fa sentire solo negli ultimi minuti grazie soprattutto alla tripla di Peric. La prima frazione si chiude sul 33-10 per gli udinesi.

Nel secondo periodo Zagabria cerca la chiave della gara, ma senza successo.Sebbene i ragazzi di coach Lino Lardo abbiano abbassato l’intensità difensiva, i croati fanno fatica a trovare la via del canestro e a recuperare, almeno in parte, lo svantaggio accumulato. A 7’35 Ferrari va a segno su assist di Zacchetti, mentre nell’azione successiva è Poltroneri ad andare a bersaglio dai sei metri e settantacinque. Per Zagabria, l’unico che si fa sentire è Halilovic che sotto canestro mette in difficoltà i lunghi udinesi. Non c’è partita: allo scadere il buzzer beater del solito Poltroneri manda le squadre negli spogliatoi sul +30 (59-29).

La terza frazione sembra una fotocopia del primo tempo. Udine non ha nessun problema a trovare il canestro; questa sera a funzionare è soprattutto l’attacco corale costruito con tutti e cinque i giocatori in campo: a 4’45, infatti, dopo una circolazione di palla magistrale, Nobile trova il modo migliore di concludere la fase offensiva con un canestro da tre punti. Continuità e fluidità di gioco non lasciano scampo alla difesa croata: Truccolo e Poltroneri “bombardano” dall’arco e Ferrari è sempre pronto in mezzo all’area a catturare rimbalzi e a concretizzare le azioni friulane. Il terzo periodo si chiude sul 79-50.

Ad inizio ultimo quarto, qualcosa sembra cambiare: Zagabria rientra in campo con più intensità e in pochi secondi sigla un mini parziale di 0-7 (79-57). L’Apu non si lascia intimorire: ci pensa Truccolo a mettere fine al break avversario con la tripla del 82-57 a 7’49, seguito poi dal canestro di Castelli (84-57).Gli udinesi si riportano subito a +30 (89-59) e senza troppa fatica a due minuti dalla fine superano quota 100.
Un match a senso unico quello disputato questa sera al PalaBenedetti di Udine che, però, è servito alla squadra friulana per incrementare la sinergia di gruppo e per testare il livello di preparazione raggiunto in vista dei prossimi impegni di precampionato.

APU GSA UDINE 107 – ZAGABRIA 67

(33-10; 59-29; 79-50)

APU GSA UDINE: Castelli 9, Marchetti 11, Zacchetti 5, Truccolo 19, Nobile 9, Pinton 16, Ferrari 10, Maran, Vanuzzo 7, Poltroneri 21. Coach Lardo.
ZAGABRIA: Peric 2, Majcunic 6, Halilovic 21, Milekovic, Lazic, Bozic 4, Batur 6, Vladovic 20, Sarlija 3, Rados, Vlajic 5. Coach Jusup.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy