Lega DNB – Girone A, tutte le cronache della 6a Giornata

Lega DNB – Girone A, tutte le cronache della 6a Giornata

Commenta per primo!

Basket Team E.Battaglia – Cus Torino 77-85 dts (19-19, 20-19, 17-15, 13-15, 8-16)

Basket Team E.Battaglia: Del Sorbo 19 (2/6, 3/7), Fant, Cavallaro 15 (4/14, 2/7), Grugnetti 11 (2/10, 2/5), Mossi 26 (5/11, 3/7), Manuelli, Di Paola 6 (3/8) N.E.: Ratti E., Ratti A., Bossi

Tiri Liberi: 15/18 – Rimbalzi: 32 20+12 (Mossi 10) – Assist: 17 (Grugnetti 8)

Cus Torino: Chiotti, Alberti 2 (1/1, 0/1), Fevola 21 (4/7, 4/5), Persico 10 (4/6), Ficetti, Liberati 7 (2/3 da tre), Carlos Canelo 18 (6/13, 2/5), Tuci 4 (2/5), Raucci 15 (6/9, 0/1), Sodero 8 (2/4, 1/3)

Tiri Liberi: 8/17 – Rimbalzi: 43 31+12 (Persico, Raucci 8) – Assist: 17 (Carlos Canelo 5)

Arbitri:Liberali,Patrone

La prima vittoria esterna in campionato del CUS, strappata dopo 45’ di battaglia sul parquet di Mortara, ha più di una spiegazione: la difesa aggressiva sul temuto play di casa Grugnetti, quella di squadra, specie sui fondamentali possessi avversari nel finale dell’ultimo quarto e nella prima metà del supplementare, il controllo del ritmo della partita, una vena offensiva (85 punti, quasi 60% da due, 9/18 da tre) ancora mai messa in mostra in stagione, il silenzioso dominio a rimbalzo (ben 11 in più i rimbalzi conquistati dai biancoblù), la pazienza nell’attaccare la zona, l’apporto di una panchina più profonda di quella dei lomellini, una maggiore freschezza atletica e soprattutto una gran voglia di vincere.

Il Mortara si presenta al via senza Tardito, il CUS, che già manca di Mollura, ha Raucci e Ficetti reduci da una settimana in pratica senza allenamenti a causa dell’influenza.
Grande imprecisione nelle battute iniziali: per qualche minuto la gara sembra in cerca di un’identità. Cavallaro da una parte e Canelo (8/18 al tiro) dall’altra provano a dargliela: la tripla del play torinese vale il 7-7 del 5’. Ancora Canelo porta avanti il CUS sul 9-11, convincendo i padroni di casa che è già tempo di mettersi a zona. Bucata da Fevola (4/5 da tre) dall’angolo con la bomba del 12-16 all’8. Anche Torino sceglie la zona: Del Sorbo e Grugnetti hanno gli attrezzi giusti per scardinarla. E al 10’ un solo punto (19-20) separa le due formazioni.
Sorpasso lomellino di Mossi alla ripreea del gioco, con Torino che per qualche minuto si fa trovare meno attenta dentro al colorato: violato da Cavallaro per il 27-22 del 14’. Alberti si batte bene, Sodero si procura lo spazio necessario per metterla dall’arco: 27-25. Tuci fallisce la schiacciata ma recupera rimbalzo e segna da sotto, Sodero se la gioca ancora senza alcun timore e sigla il contro-sorpasso: 30-31. Torino dà fondo alle rotazioni, il ’95 Chiotti esce dalla panchina con il piglio del veterano: doppio assist per le triple di Fevola e Canelo a cui replica ancora e sempre Mossi: 39-39 all’intervallo.
Il secondo tempo si apre nel segno di Di Paola e Del Sorbo, e il Mortara si porta sul 47-43. Torino non sta a guardare: bel movimento di Persico, bomba di Liberati, 2/2 di Raucci dalla lunetta: 49-50. I pavesi, ancora  zona, si rimettono sul lato opposto nelle mani di Mossi e Di Paola e al 31’ sono di nuovo a +4: 58-54. Sale in maniera vistosa l’intensità della difesa cussina, protagonista assoluta nel frangente con preziosi recuperi e rimbalzi che aprono rapidi ribaltamenti di fronte: Liberati dall’angolo ne approfitta per il -1, quindi gli ospiti avrebbero più occasioni dalla lunetta per ribaltare ancora il punteggio ma fanno 0/4 (con Sodero e Persico), trovando comunque la parità poco dopo su un antisportivo fischiato a Del Sorbo. Sodero ne mette uno solo (58-58 al 34’) e sull’azione successiva commette il quinto personale.
Tra il 36 e il 38’ il CUS sembra risolvere il lungo braccio di ferro: una circolazione lucidissima contro la zona porta in dote un doppio siluro di Fevola, poi errore di Cavallaro, Raucci ruba e corre indisturbato in contropiede: 63-68. Del Sorbo non ne vuole sapere di arrendersi e con un tiro da tre in diagonale e un libero tiene il fiato di Mortara sul collo cussino: 67-68 a 63” dalla fine. Torino sente la pressione e perde palla ai 24”, Del Sorbo lo castiga con l’arresto-e-tiro sulla linea dei liberi del 69-68 a -26”. Dopo un time-out di Guidi, Fevola subisce fallo: altro 1/2 a gioco fermo e il Mortara ha l’occasione per chiudere il discorso con ben 18” sul cronometro. La difesa ospite chiude qualunque spiraglio senza commettere fallo, Grugnetti s’impappina, non trova compagni liberi e non cerca neanche quel fallo che, con entrambe le squadre in bonus, gli regalerebbe la doppia chance dalla linea. Cavallaro riceve e spara a vuoto sulla sirena.
Il prolungamento è un monologo di Raucci (6/9 da due), che dà un calcio ai postumi dell’influenza e si scatena: suoi i 4 punti, tutti dentro l’area avversaria, per il 73-77 del 43’. Quindi, dopo due liberi di Del Sorbo, è Fevola a tagliare in due il match con la quarta bomba della serata: 75-80 a -1’40”. Il muro biancoblù è invalicabile per i padroni di casa, meno lucidi di minuto in minuto. Ennesimo rimbalzo difensivo, Canelo per Raucci (9 punti nell’overtime) che realizza il 75-82. Mortara sbaglia ancora e ancora Raucci mette a referto il 2+1 che a 31” dall’epilogo porta il CUS sul rassicurante +10.

 

===============================================

Alessandria Basketball-Use Empoli 70-79

ZIMETAL ALESSANDRIA BASKETBALL: Francescato ne, Milone 4, Danna 2, Salvatore 4, Grilli 26, Palmesino 2, Bazzoli 15, Ferri 5, Pavone 4, Stassi 8. Allenatore: Vandoni.

COMPUTER GROSS USE EMPOLI: Galligani 1, Mariotti 20, Manetti Se., Sesoldi 2, Mazzoni 2, Terrosi 16, Manetti Sa. 6, Ravazzani 13, Berni 8, Cappa 11. Allenatore: Quilici.

PARZIALI: 17-18, 35-38, 54-61.

Arriva ad Alessandria il primo botto fuori casa dell’Use, un successo che vale, almeno fino a domani sera, il primato in classifica in coabitazione col Don Bosco. Una vittoria con brivido solo in avvio dell’ultimo quarto sul parquet dell’ultima della classe.

I piemontesi spinti da un caldissimo Grilli, 26 per l’ex Affrico, sono sempre a rincorrere ma non mollano mai. Gli empolesi conquistano il +10 nel finale del secondo periodo, 26-36, poi si addormentano un attimo e Alessandria rientra fino al -3. Ancora parziale biancorosso al rientro dagli spogliatoi, subito 35-48, con i padroni di casa che faticano a trovare canestro e restano con uno scarto accettabile essenzialmente grazie ai liberi. Nell’ultima frazione però la banda di Quilici si fa sorprendere: gioco da tre punti di Grilli, tecnico alla panchina e le due squadre sono a braccetto a quota 61. La parità è però come un colpo di frusta per l’Use che carica di nuovo a testa bassa, Berni (sei degli otto punti nel quarto tempino), Terrosi da fuori e Mariotti e in un attimo Empoli è sul +9, 63-72, gestendo poi senza patemi fino alla sirena. Adesso per i biancorossi ci sono due match casalinghi, Pavia e Cecina, prima del derby con l’Abc.

L.B. Legnano Knights – Basket  Montichiari 85-63 (22-16, 20-16, 24-13, 19-21)

L.B. Legnano Knights: Navarini 10 (1/3, 2/4), Cazzaniga 13 (5/6, 1/1), Penserini 16 (4/6, 2/3), Tavernelli 10 (4/6, 0/3), Guidi 3 (1/1 da tre), Maria Arrigoni 4 (2/5, 0/3), Milani 23 (6/12, 2/5), Maiocchi 2 (1/1), Borroni 4 (1/4, 0/2) N.E.: Maiocco

Tiri Liberi: 13/18 – Rimbalzi: 36 24+12 (Maria Arrigoni 17) – Assist: 19 (Tavernelli, Maria Arrigoni 6)

Basket  Montichiari: Filattiera 11 (0/3, 3/5), Giovanelli, Perego 6 (2/7), Pagliari 9 (3/3, 1/6), Zanella 18 (7/8, 0/1), Mascadri 3 (1/1 da tre), Scanzi 15 (5/9, 0/2), Conte 1 N.E.: De Guzman, Tedoldi

Tiri Liberi: 14/20 – Rimbalzi: 26 21+5 (Pagliari 7) – Assist: 8 (Filattiera, Scanzi 3)

Arbitri:Dori,Chiodi

===============================================

Fortitudo Pallacanestro – Don Bosco Livorno 87-73 (26-13, 19-13, 19-14, 23-15)

Fortitudo Pallacanestro: Caroldi 15 (6/7, 1/3), Seravalli, Fin (k) 5 (1/1, 1/3), De Min 13 (4/9, 1/3), Spizzichini 10 (5/11, 0/1), Pederzini 19 (7/14), Sabatini 16 (4/6, 2/3), Venturelli 9 (4/6, 0/4) N.E.: Taddei, De Ruvo

Tiri Liberi: 10/13 – Rimbalzi: 42 29+13 (De Min 10) – Assist: 14 (Caroldi 6)

Don Bosco Livorno: Sanguinetti 6 (0/5, 2/5), Della Rosa 5 (1/2, 0/6), Sollitto 8 (1/1, 2/3), Mazzantini 5 (0/3, 1/4), Marchini, Lemmi, Gigena 20 (4/8, 4/6), Artioli 2 (1/2, 0/1), Malfatti 3 (1/1), Benvenuti 24 (8/12, 1/3)

Tiri Liberi: 11/18 – Rimbalzi: 30 22+8 (Benvenuti 8) – Assist: 9 (Sanguinetti 7)

Arbitri:Gianecchi,Bianchi

===============================================

Abc Castelfiorentino – Pall. Piacentina 71-66 (24-14, 19-14, 15-12, 13-22)

Abc Castelfiorentino: Montagnani 16 (1/6, 3/10), Crotta 4 (1/3), Tommei, Belli, Bertolini 10 (4/7, 0/1), Venucci 23 (5/8, 2/5), Stefanelli 5 (1/2, 1/2), Mastroianni 2 (1/1), Papi 3 (1/2), Dolic 8 (4/8)

Tiri Liberi: 17/25 – Rimbalzi: 38 31+7 (Crotta, Dolic 8) – Assist: 17 (Venucci 7)

Pall. Piacentina: Gambolati 14 (6/9, 0/1), Rombaldoni 13 (5/12, 0/5), Zampolli 15 (5/6, 1/4), Massari 5 (1/3, 1/1), Antonini, Bonaiuti 4 (1/3, 0/2), Italiano 5 (0/4, 1/2), Speronello 8 (2/3, 1/5), Garofalo 2 (1/1, 0/2) N.E.: Mazzocchi

Tiri Liberi: 12/19 – Rimbalzi: 39 29+10 (Gambolati 14) – Assist: 7 (Bonaiuti 2)

Arbitri:Nuara,Cordone

Stavolta i ragazzi di coach Massimo Angelucci sono riusciti a mettere in pratica tutto ciò che andava fatto: grande spirito, tanta testa, tantissimo carattere e un cuore immenso. Ne è emersa senz’altro la miglior partita giocata fino ad oggi, oltretutto contro un avversario di spessore che si presentava a Castelfiorentino forte di un roster davvero di spicco. Ma la determinazione di questa ABC è venuta fuori fin dalla palla a due iniziale ed ha rappresentato il motore di questa splendida vittoria. Una ABC che ha sempre gestito la gara toccando anche il +20 e riuscendo a rinviare al mittente ogni tentatvo di rimonta degli ospiti, i quali non sono mai riusciti a raggiungere i castellani ma hanno soltanto toccato il -3 quando la gara stava ormai incanalandosi verso questo splendido epilogo. Un -3 da cui però i gialloblu non si sono lasciati assolutamente intimidire, riprendendo subito in mano la sfida e allungando nuovamente fino al fatidico 71-66.

Una vittoria importante per tanti aspetti, ma primariamente per il fatto di essere tornati a mostrare quello che realmente questa squadra può fare, scacciando via i fantasmi delle ultime due gare contro Mortara e Piombino in cui abbiamo visto soltanto la brutta copia di questa ABC. Una vittoria che da dunque grande carica all’ambiente, anche perchè giunge contro una tra le squadre più attrezzate e di maggior esperienza del nostro girone. Due punti conquistati tra le mura del nostro Palazzetto che torna così ad essere teatro di uno splendido spettacolo, il quale adesso dovrà darci nuova grinta e consapevolezza per affrontare le due difficili trasferte che ci aspettano: domenca prossima a Cento e lunedì 25 novembre a Bologna. Dopodichè si tornerà al PalaRoosevelt, e sarà derby.

L’ABC parte schierando Montagnani, Venucci, Tommei, Dolic, Bertolini. Avvio di gara in equilibrio con il primo allungo gialloblu che arriva grazie a 5 punti consecutivi di capitan Montagnani (11-6). Gli ospiti si fanno pericolosi con Zampolli e Rombaldoni, ma l’ABC gestisce fino a toccare iil +7 con Crotta (24-17). Dalla lunetta Italiano chiude la frazione sul -6 Piacenza (24-18).

Nel secondo quarto la tripla di Venucci e il canestro di Mastroianni valgono la doppia cifra di vantaggio (29-18 al 12′). Rombaldoni e Gambolati tengono vivo il match (34-29) e coach Coppeta tenta la carta della zona, ma i gialloblu allungano ancora con Papi e Bertolini (38-29). Il solito Rombaldoni tocca il -6 (38-32), ma ci pensa Dolic a ristabilire il +11 gialloblu su cui si va al riposo (43-32).

Al rientro dall’intervallo lungo ottimo approccio dei castellani che nonostante la zona ospite affondano subito un break di 8-0 firmato Venucci, Bertolini e Dolic che vale il +19 (51-32 al 24′). Gli uomini di Coppeta non riescono a fermare l’avanzata castellana: i soliti Zampolli e Gambolati cercano di restare aggrappati alla gara, ma la tripla di Stefanelli sigla il massimo vantaggio ABC: 56-36 al 26′. La doppia tripla dei piacentini siglata Italiano-Speronello riporta gli ospiti a -12 (56-44), ma dalla lunetta Crotta chiude il parziale sul +14 ABC (58-44).

Negli ultimi dieci minuti Piacenza riesce a tenere aperta la gara tornando subito a -7 (58-51) grazie alle trovate di Zampolli, Speronello e Rombaldoni, ma Montagnani e Venucci ristabiliscono presto il +11 con 4 minuti ancora da giocare (64-53). Ed è proprio negli ultimissimi minuti che gli ospiti si avvicinano pericolosamente fino a toccare il -3 (65-62) grazie alla tripla di Zampolli. Il fallo di Massari manda in lunetta Venucci che non sabaglia: 2/2 e l’ABC torna a +5 (67-62). Siamo all’ultimo giro di lancette: Zampolli sbaglia dall’arco, mentre Papi dala luetta trova il +6 ABC. Piacenza tenta ancora la tripla con Rombaldoni, ma non va: il fallo sistematico degli ospiti manda in lunetta Venucci e Montagnani che fanno calare i titoli di coda. Finisce 71-66, e l’ABC torna a vincere e convincere.

===============================================

Derthona Tortona – Basket Cecina 78-59 (16-11, 26-11, 13-24, 23-13)

Derthona Tortona: Rotondo 11 (4/7, 0/1), Cernivani 2 (1/5, 0/4), Vitali 1 (0/3, 0/3), Stanojevic 3 (1/1 da tre), Venuto 11 (3/3, 0/3), Gatti 3 (0/3 da tre), Samoggia 20 (6/13, 1/2), Max Strotz 8 (4/7), Viglianisi 19 (2/3, 3/6), Candela

Tiri Liberi: 23/27 – Rimbalzi: 41 28+13 (Rotondo 9) – Assist: 9 (Venuto 4)

Basket Cecina: Rischia 10 (4/10, 0/3), Favilli 4 (2/3), Sanna 4 (1/9, 0/1), Del Testa 7 (0/3, 1/3), Paolo Listwon 6 (3/4), Salvadori 2 (1/2, 0/3), Caroti 6 (0/1, 2/3), Bruni 11 (0/2, 3/7), Capitanelli 9 (3/4, 1/2)

Tiri Liberi: 10/10 – Rimbalzi: 27 22+5 (Sanna, Paolo Listwon 6) – Assist: 7 (Rischia, Bruni 2)

Arbitri:Poletti,Di Franco

Una delle partite migliori della formazione di Arioli, contro Cecina: squadra tortonese  strepitosa in particolare nel secondo quarto, gestendo poi con intelligenza il vantaggio nel secondo tempo e si eleva al primo posto in classifica, vista la concomitante sconfitta di Livorno.  Gli occhi erano poi puntati sul nuovo arrivo Viglianisi, ingaggiato dalla serie A di Pms Torino per sostituire l’infortunato Gioria e accompagnato da ottime credenziali, come uno dei migliori 1992 d’Italia. La prestazione lo conferma, perchè il torinese dimostra già un ottimo affiatamento umano con il gruppo, buon inserimento negli schemi i Antonello Arioli, cui concede ulteriori varianti in termini di fisicità e gioco della palla, grande propensione alla difesa, facendo all’inizio valere anche troppo il fisico e poi trovando le giuste misure, ottimo in fase realizzativa con 19 punti personali alla fine. Il sorpasso arriva dopo la metà del primo quarto, chiuso sul 16-11, Con Strotz a fare ottimamente pivot sotto canestro, finalmente all’altezza delle aspettative.

La seconda frazione mette in mostra un Derthona strepitoso che annichilisce gli avversari; Vitali velocissimo e ispirato negli assist, Rotondo stravince la duello con l’enorme Capitanelli, , Samoggia fa eccellenti 20 punti,  Venuto sa quando occorre gestire la palla e il mix è esplosivo, con un parziale che pora il risultato al 42-22, con un +23 rintuzzato dagli ospiti solo alla sirena. Dopo la pausa lunga, il Derthona rientra smepre attento ma meno roboante, gestisce il vantaggio anche se gli ospiti risalgono fino a meno undici per il 55-46 su cui si chiude il terzo quarto, mentre nell’ultima frazione c’è ancora spazio per dilagare negli ultimi minuti , nonostante gli arbitri non concedano nulla con Vitali e un ancora enigmatico Cernivani entrambi fuori alla fine per falli. Un Derthona che ora dimostra anche la maturità di concedere spazio e rimonta parziale ma senza mai rischiare il risultato, terza vittoria consecutiva, forse la più convincente della serie e tifosi che gremiscono il Camagna liberi di sognare.

===============================================

Alessandria Basketball-Use Empoli 70-79

ZIMETAL ALESSANDRIA BASKETBALL: Francescato ne, Milone 4, Danna 2, Salvatore 4, Grilli 26, Palmesino 2, Bazzoli 15, Ferri 5, Pavone 4, Stassi 8. Allenatore: Vandoni.

COMPUTER GROSS USE EMPOLI: Galligani 1, Mariotti 20, Manetti Se., Sesoldi 2, Mazzoni 2, Terrosi 16, Manetti Sa. 6, Ravazzani 13, Berni 8, Cappa 11. Allenatore: Quilici.

PARZIALI: 17-18, 35-38, 54-61.

Arriva ad Alessandria il primo botto fuori casa dell’Use, un successo che vale, almeno fino a domani sera, il primato in classifica in coabitazione col Don Bosco. Una vittoria con brivido solo in avvio dell’ultimo quarto sul parquet dell’ultima della classe. Leggi la cronaca sul nostro web partner Toscana Basket Live

===============================================

Montecatini Sc 1949 – Basket Golfo Piombino 66-52 (15-14, 17-14, 11-14, 23-13)

Montecatini Sc 1949: Quartuccio 13 (1/6, 3/6), Panetta, Biagini 4 (2/3), Russo 11 (1/5, 3/9), Fiorentino 2 (1/2, 0/1), Giarelli 16 (7/12), Bianchi 1 (0/2, 0/2), Caroli 13 (3/3, 2/2), Donati 4 (2/6), Doveri 2 (0/2, 0/3)

Tiri Liberi: 8/13 – Rimbalzi: 33 22+11 (Doveri 9) – Assist: 8 (Russo 3)

Basket Golfo Piombino: Iardella 19 (4/7, 3/8), Guerrieri 5 (0/1, 1/4), Malvone 2 (1/2, 0/1), Biancani 8 (1/5, 2/6), Modica 1 (0/3), Cunico 3 (0/1), Iannilli 11 (3/3), Bianchi 3 (1/1, 0/1), Caronna N.E.: Righi

Tiri Liberi: 14/21 – Rimbalzi: 36 28+8 (Iannilli 15) – Assist: 6 (Biancani, Iannilli 2)

Arbitri:Venturi,Piram

Bello e convincente, il Montecatini Sporting Club 1949 (ancora privo di Pagni) conquista il successo contro il Basket Golfo Piombino per 66 a 52. Trascinati da un super Gabriele Giarelli, un vero capitano con la C maiuscola, e dalla verve del giovane Matteo Caroli, mattatore nel momento decisivo, i rossoblu hanno condotto buona parte della gara senza mai mollare nei momenti più difficili.

All’inizio le cose non riescono ad andare nel verso giusto, con Montecatini che sembra troppo contratta, ma grazie ad una buona difesa i termali contengono degnamente gli avversari che non riescono a prendere il largo (2-6 al 3’). Ci pensa Renato Quartuccio (uno dei migliori della serata) a dirigere perfettamente la squadra e a trivellare la retina a suon di triple. La scossa inflitta dal play napoletano dà il la a tutta la squadra che infila un parziale di 10 a 1 nella seconda parte del quarto d’apertura, compreso un siluro dai 6,75 di Matteo Russo quasi in concomitanza della sirena (15-11 al 10’).

Una pronta reazione di Piombino all’inizio del tempino successivo permette il sorpasso degli ospiti dopo soli 2’ (16-19 al 12’), ma oggi la “Banda Barsotti” ha una marcia in più e con un 7 a 0 rimette subito le cose a posto (23-19 al 16’). Biancani e Iardella cercano di respingere la furia rossoblu, ma Fiorentino e compagni affondano di nuovo il coltello nella difesa dei livornesi. Un canestro di potenza di Alessandro Biagini (altra prova maiuscola del giovane pivot grossetano) sigilla il punteggio sul 32 a 25 prima che le squadre prendano un po’ di respiro negli spogliatoi.

Al rientro sul parquet il Basket Golfo è più agguerrito che mai e piazza un 5 a 0 che riavvicina i ragazzi di coach Bini ai padroni di casa (32-30 al 23’). Un time out provvidenziale di coach Barsotti fa tornare la lucidità ai montecatinesi. Inizia in questo momento la vera grande gara di capitan Giarelli che, spalleggiato dalla coppia Biagini – Russo, riporta lo Sporting sul +6 (43-37 al 30’).

Piombino prova a reagire, ma non ha fatto i conti con un giovane talento come Matteo Caroli, che nel quarto conclusivo sale in cattedra come un big d’esperienza e spazza via le speranze degli ospiti di rientrare in partita. Il diciottenne rossoblu brucia la retina da ogni angolo del perimetro, lasciando a bocca aperta gli avversari che ormai sono costretti a tirare i remi in barca: il suo tredicesimo punto personale vale il +9 dei termali (57-48 al 38’).

I giochi sono ormai fatti, Montecatini ha la partita in tasca contro un’avversaria diretta nella corsa verso la salvezza. Un risultato importante in vista della prossima partita casalinga contro Tortona (la seconda consecutiva), inizialmente prevista per domenica 17 ma posticipata di qualche giorno (ancora da definire) a causa dell’indisponibilità del Palaterme.

===============================================

Pavia Basket – Benedetto XIV 2011 Cento 86-81 (19-24, 21-24, 22-20, 24-16)

Pavia Basket: Fossati 21 (1/2, 4/9), Politi 16 (4/6), Degrada 11 (3/5, 1/7), Tassone 19 (2/3, 3/6), Appendini, Terzaghi 5 (2/3, 0/3), Sanlorenzo 5 (2/2, 0/1), Cristelli 9 (2/5, 1/2) N.E.: Rossi, Frontini

Tiri Liberi: 27/33 – Rimbalzi: 36 29+7 (Politi 13) – Assist: 17 (Fossati, Tassone, Cristelli 4)

Benedetto XIV 2011 Cento: Mabilia 12 (2/3, 2/4), De Pascale 5 (1/2, 1/4), Ikangi, Nieri 6 (2/6), Di Trani 32 (4/8, 6/12), Carretti 12 (5/10), Silimbani, Agusto 14 (4/5, 1/3) N.E.: Balboni, Govoni, Masina

Tiri Liberi: 15/20 – Rimbalzi: 28 22+6 (Nieri 10) – Assist: 11 (Carretti 3)

Arbitri:Leoni Orsenigo,Suriano

Altra prova non adatta ai deboli di cuore quella della Nadirex Pasvia che, nella sesta giornata di campionato, esce vincitrice dalla gara di Via Treves contro Cento con il punteggio di 86-81, dopo una sofferenza durata praticamente per tutto il match. I pavesi infatti riescono ad avere ragione della compagine ospite negli attimi finali della partita, con il cuore, la passione e la voglia di vincere che ancora una volta forse sovrastano discorsi tecnici e tattici. I due punti sono meritati: Pavia infatti mette in campo ciò che già il pubblico del Pala Ravizza aveva visto contro Tortona, ripetendo un’incredibile rimonta che mette ancora a rischio le coronare dei tifosi pavesi, ma che rende ancor più gustoso il successo ottenuto. La Nadirex sale così a 8 punti in classifica, al comando della graduatoria, insieme a Tortona, Livorno, Fortitudo ed Empoli. La caduta di Torino è completamente riscattata e i pavesi possono tornare a guardare con un certo ottimismo e la stessa fiducia la categoria. Il match ha visto la squadra ospite essere padrona del campo in avvio di gara, con il pavese Di Trani vero trascinatore (32 punti per lui, con 6/12 dalla lunga distanza), prima che Pavia riuscisse, in chiusura di primo tempo, a rialzare la testa, recuperando e andando al riposo con sole cinque lunghezze di distacco dagli avversari. Nel secondo tempo la musica cambia: la Nadirex infatti sembra più convinta, compatta e decisa a prendersi i due punti, con un super Fossati, che sfodera una prestazione da urlo e con un Cristelli che dà lezioni di difesa. Il sorpasso arriva nel finale, con i padroni di casa che mettono Cento all’angolo e riescono a portarsi in vantaggio a poco più di un minuto da termine. Il finale vede i pavesi mettere sul parquet una lucidità incredibile, che consente ai ragazzi di Petitti di gestore con freddezza il vantaggio ottenuto e di poter festeggiare la quarta vittoria stagionale.

La gara si apre con le due formazioni avverse che si inseguono punto a punto. A circa metà del primo quarto il tabellone segna 7-8 in favore di Cento. I pavesi non sembrano avere la solita brillantezza, tuttavia riescono a rimanere sempre attaccati agli emiliani, scongiurando pericolose fughe iniziali. Gli sopiti infatti cercando la giocata che possa aprire un break, ma i pavesi riescono sempre a pareggiare i conti. A 1′ 47” dal termine del primo quarto il punteggio è di 17-17. Cento cerca di rimettere la testa in avanti, ma è Tassone a rispondere presente, firmando il 19-19. Negli attimi conclusivi del parziale cento trova il canestro del 19-21, punteggio con cui si chiude la prima frazione di gioco.

Il secondo tempo di apre con un super Tassone che infila la tripla del 22-21, ma gli ospiti si riportano subito in avanti (22-23). I pavesi vanno in difficoltà e subiscono un pesante parziale di 0-14, che porta il punteggio sul 22-35 al 15′. La Nadirex cerca di scuotersi e riesce ad arrivare al -10 (25-35), ma Cento si conferma osso duro e continua, trascinato da un indescrivibile Di Trani, a far male ai pavesi. Sul finale del primo tempo la squadra rossonera riesce ad alzare il ritmo, trovando con un ispirato Tassone il canestro del 40-45. I pavesi rientrano negli spogliatoi con sole cinque lunghezze di distacco dagli avversari.

La Nadirex che rientra in campo per il terzo quarto è un’altra squadra: gli occhi dei pavesi sono diversi, e sembra esserci più convinzione fra le fila rossonere. L’avvio del secondo tempo tuttavia non è semplice per i padroni di casa, che sono costretti nuovamente a subire gli attacchi emiliani (41-50). A questo punto però inizia il Fossati show: il capitano di Pavia sale in cattedra e trascina letteralmente i suoi, segnando ben 13 punti nel solo terzo quarto e guidando la rimonta pavese. Cento sembra disunirsi e la Nadirex cerca di approfittarne, riportandosi al 28′ a -3 (55-58), proprio grazie a una tripla del capitano che fa esplodere il Pala Ravizza. Al 29′ è ancora un super Fossati a trovare il canestro da tre punti (terzo di fila) che vale il pari pavese (61-61). Il finale del terzo quarto è favorevole a Cento, che chiude sul 62-65, con Pavia che però non ha più paura e sembra essere padrona del campo.

Via Treves ruggisce, con il pubblico pavese che cerca di sostenere in tutti i modi la Nadirex, anche quando all’inizio dell’ultima frazione di gioco gli emiliani sembrano riuscire a trovare una mini fuga (62-68). La gara è particolarmente combattuta, con le due squadre in campo che non si risparmiano, decise entrambe a portarsi a casa i due punti. Al 34′ il punteggio è di 66-73 in favore di Cento. Qui gli arbitri si rendono protagonisti di alcune decisioni cervellotiche, che causano le proteste del pubblico di casa, fischiando a Degrada uno sfondamento e un fallo difensivo, che causano l’uscita del pavese per cinque falli, oltre a punire ulteriormente la Nadirex con un tecnico dovuto alle proteste del numero 7 pavese. Al 35′ Cento si ritrova a +7 (68-75), divario che aumenta quando Di Trani mette la tripla del 68-78. La situazione non è facile per la Nadirex, ma la squadra di Romano Petitti non si scompone e, nonostante un finale molto teso e nervoso, riesce comunque a gestire al meglio le situazioni di gioco. Fossati è il trascinatore, Sanlorenzo trova il 75-80. E’ Cristelli a mettere il canestro più importante della partita: la tripla del -2 (78-80), che fa impazzire il Pala Ravizza. La Nadirex ci crede, Cento è ormai alle corde, e il cuore pavese è decisivo: Pavia è lucidissima e trova il vantaggio al 39′ con Politi dalla lunetta (82-81). A 19” dal termine capitan Fossati si guadagna due liberi di capitale importanza, infilandoli entrambi e portando il discorso sull’84-81. La tensione è alle stelle: Di Trani tenta il colpo decisivo dalla lunga distanza ma stavolta sbaglia. Ancora un super Fossati si guadagna due tiri liberi, confermando chirurgico dalla lunetta: il 2/2 del capitano rossonero porta il punteggio sul definitivo 86-81. E’ finita: i pavesi sconfiggono Cento e possono andare a raccogliere la meritata ovazione del pubblico di Via Treves.

La Nadirex Pavia ottiene la sua quarta vittoria stagionale e sale a quota otto punti in classifica. E’ un successo importante per il collettivo pavese, che aveva bisogno di riassaporare subito la vittoria, per non perdere la convinzione nei propri mezzi. Lo scivolone di Torino è solo un lontano ricordo. La realtà parla di una squadra che vince e fa divertire il proprio pubblico, che può godersi almeno per una settimana la testa della graduatoria.

LA CLASSIFICA

1             Pavia Basket       8

2             Derthona Tortona           8

3             Don Bosco Livorno          8

4             Fortitudo Pallacanestro  8

5             Us Empolese      8

6             Basket Cecina    6

7             Abc Castelfiorentino       6

8             Montecatini Sc 1949       6

9             Cus Torino          6

10          Basket Golfo Piombino   4

11          Basket Team E.Battaglia               4

 

13          Cento    4

14          Alessandria Basket          2

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy